Ambiente del Bangladesh

Fertile e particolarmente ricca di corsi d’acqua, la pianura bengalese è interessata dallo sfruttamento agricolo e solo in minima parte ospita ancora boschi o foreste: la zona orientale si caratterizza per la presenza di bambù, sfruttato nell’industria della carta; le zone paludose centrali ospitano essenze decidue (giungla di Madhpur); a Sud, nei Sundarbans, si trova la foresta di mangrovie, una delle più grandi rimaste al mondo, che nel 1997 l’UNESCO ha dichiarato patrimonio dell’umanità. Nel Bangladesh è possibile trovare animali quali tigri, leopardi, elefanti asiatici, scimmie, gibboni, lemuri, tartarughe, coccodrilli e numerose specie di pesci e di uccelli, tra cui lo storno triste, il martin pescatore e l’avvoltoio. I maggiori rischi ambientali sono connessi all’inquinamento delle acque, specie a causa dei pesticidi usati in agricoltura e dell’arsenico naturalmente presente nel terreno, oltre alla deforestazione e allo sfruttamento del suolo.

Le aree protette in Bangladesh:

tre categorie di aree protette, vale a dire Parchi Nazionali, Oasi Faunistiche e Riserve Venatorie sono state istituite grazie alla Legge sulla Conservazione della Natura del Bangladesh del 1974 (Bangladesh Wildlife Preservation Act) e successive modifiche (1994).

Al fine di conservare la diversità biologica del Paese, il Governo del Bangladesh ha istituito 14 aree protette e altre sono in via di istituzione. Inoltre, il Governo del Bangladesh ha recentemente dichiarato 6 aree – Cox’s Bazar Teknak Sea Beach (10.465 ha), St. Martin’s Island (590 ha), Sonadia Island (4.916 ha), Hakaluki Haor (183.813 ha), Tanguar Haor (9.727 ha) e Marjat Baor (200 ha) – “Aree Ecologicamente Importanti”, secondo quanto stabilito dalla legge sulla conservazione ambientale del 1995.

Recentemente, una parte della foresta di Sundarbans (59.600 ettari nelle sezioni orientale, occidentale e meridionale) e 9.772 ettari di Tanguar Haor sono stati dichiarati siti Ramsar. Inoltre, dal 4 febbraio 1999, l’UNESCO ha dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Umanità 139.700 ettari di terra nei Sundarbans in tre regioni – est, ovest e sud.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 8 giorni / 7 notti

da € 2.140 - Voli inclusi

Durata: 3 giorni / 2 notti

da € 270 - Voli esclusi

Durata: 5 giorni / 4 notti

da € 530 - Voli esclusi

Durata: 8 giorni / 7 notti

da € 1.320 - Voli inclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Già colonia portoghese, Timor Est ha proclamato la sua indipendenza nel 1975, ma è diventato formalmente una Repubblica democratica solo nel 2002, dopo essersi affrancato dalla dominazione indonesiana che aveva occupato il Paese. Il presidente della Repubblica, eletto con mandato quinquennale, detiene poteri puramente formali; il potere esecutivo è esercitato dal Consiglio dei ministri guidato […]

Il Giappone investirà circa dieci miliardi di dollari nei prossimi cinque anni per aiutare Paesi come la Cina e l’Indonesia nella lotta ai cambiamenti climatici. Tokyo (il cui antico nome era Edo) prevede di puntare a misure per la riduzione delle emissioni di gas-serra e la promozione delle fonti rinnovabili, ma anche ad aiutare la […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su