Comportamenti dei laotiani

Per rispetto verso i laotiani, che sono molto tradizionalisti, e in generale verso le popolazioni asiatiche, è bene vestirsi in modo semplice e decoroso. E’ quindi preferibile indossare abiti che coprano spalle, petto, braccia e gambe. Al mattino, anche nella stagione secca, può essere piuttosto fresco: conviene portare un maglione e una giacca a vento.

Nei luoghi di culto occorre rispettare i costumi religiosi, quindi:
  • Togliersi le scarpe prima di entrare in una pagoda;
  • Sedersi per terra con le gambe raccolte di lato senza mai rivolgere la pianta dei piedi all’effige del Buddha;
  • Per quanto gli oggetti possano essere belli, resistere alla tentazione di toccarli;
  • Se si vuole parlare ad un monaco, cercare di tenere la testa leggermente più bassa della sua e se egli sta seduto, sedersi a propria volta. Le donne non devono mai toccare un monaco. Se gli devono passare un oggetto, lo devono fare attraverso un uomo o appoggiando l’oggetto su un tavolo o una superficie posta di fronte al monaco;
  • Alcuni dei temple delle grandi città chiedono una piccolo soma all’ingresso. Se questa invece non è richiesta sarebbe comunque opportune lasciare una piccolo offerta. C’è sempre una cassa per le donazioni vicino all’entrata (inchinarsi nel metterci i soldi) oppure si può lasciare l’offerta a terra vicino all’immagine centrale.
I laotiani parlano quasi sottovoce, quindi è meglio non essere chiassosi e, in caso di contrarietà, non è educato perdere la calma lasciandosi andare ad atteggiamenti aggressivi.
Anche tra persone sposate è consigliabile non ostentare atteggiamenti affettuosi (come scambiarsi effusioni o anche solo tenersi per mano);
Quando si incontra qualche laotiano, non bisogna toccargli la testa e la stretta di mano non è usuale. Ci si saluta giungendo le mani (“nop”) e scambiandosi l’immancabile “sabai dee” (si pronuncia sabadìi),una formula che va bene per tutti i momenti della giornata e con qualunque persona. Il “nop” va effettuato unendo le mani come in preghiera all’altezza del petto, senza però toccare il corpo. Più in alto si tengono le mani, più grande è il segno di rispetto, ma queste non vanno mai portate oltre l’altezza del naso. Il “nop” è accompagnato da un leggero inchino della testa per mostrare rispetto a persone di status più elevato o anziane.
Quando si entra in una casa bisogna togliersi le scarpe. Gli uomini di solito si siedono con le gambe incrociate o piegate da un lato, le donne esclusivamente in quest’ultimo modo. Agli ospiti di solito è offerto il the o la frutta. Questo gesto di ospitalità non deve essere rifiutato.
Questua di Luang Prabang:
Se vi trovate a Luang Prabang fate il sacrificio di alzarvi molto presto una mattina. Alle 6 i monaci escono dai loro monasteri per la questua quotidiana. Lungo le strade siedono donne e uomini sulle loro stuoie con cestini di vimini pieni di riso caldo e profumato, appena cucinato. Una lunga processione silente di monaci in abito arancione passa per le strade a ritirare manciate di riso, mentre il sole sorge e l’unico rumore è il cinguettio degli uccellini.
La raccolta di elemosine mattutina, “Tak Bat” è una tradizione buddista ancora viva e tramandata dale persone di Luang Prabang  e che, a causa della sua incredibile bellezza, è diventata una grande attrazione turistica. Il problema sorge nel caso in cui i turisti, ignari delle varie usanze, rovinano la cerimonia con comportamenti inappropriati. Seguono dunque delle brevi indicazioni per rispettare il “Tak Bat”:
  • Assistere al rituale in silenzio e contribuire alle offerte solo se la cosa è per noi significativa;
  • Comprare il riso la mattina presto al mercato locale e non dai venditori sulla strada lungo il percorso dei monaci;
  • Se non si vogliono fare delle offerte, tenersi a debita distanza e partecipare rispettosamente. Non intralciare la strada della processione dei monaci o dei credenti che fanno le offerte;
  • Non fotografare i monaci da troppo vicino: i flash delle macchinette potrebbero disturbare sia i monaci sia i fedeli in preghiera;
  • Non cercare di toccare i monaci, ma se si vuole fare l’offerta mettere il cibo nel contenitore che viene porto.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

da € 2.780 - Voli esclusi

Durata: 14 giorni / 12 notti

da € 2.310 - Voli inclusi

Durata: 12 giorni / 11 notti

Su richiesta

Articoli che potrebbero piacerti
sri lanka

FESTIVITÀ RELIGIOSE • Duruthu Perahera (buddhista) gennaio • Pasqua (cristiana) marzo-aprile • Wesak o festa delle Luci (buddhista) maggio • Kandy Esala Perahera (buddhista) luglio-agosto • Festa di Vel (indù) luglio-agosto • Festa di Kataraagama(indù) luglio-agosto • Aid al-Fitr, fine del Ramadan (musulmana) secondo il calendario lunare dell’Egira • Ghadir-é Khom, compleanno del profeta (musulmana) […]

C’era una volta il sovrano del grande regno dell’India, Addicavan. Egli aveva affidato la difesa delle frontiere del suo prezioso regno al figlio primogenito Prah Thon, principe di grande valore, che difese il regno del padre dall’invasione delle tribù d’oltre confine.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su