Il Somapura Mahavihara si trova nei pressi del villaggio di Paharpur, nel Distretto di Nagaon, in Bangladesh ed è considerato tra i più celebri vihara, (ovvero la sala o l’edificio principale del tempio buddista), dell’intero subcontinente indiano.

I primi studi archeologici dell’area del complesso monastico nei pressi di Paharpur furono condotti dall’archeologo K.N. Dikhist e si conclusero nel 1938.

In seguito altri studi furono condotti da Prudence R. Myer nel 1969 e nel 1985 il sito fu dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

Somapura fu fondato dal re Dharmapala, il secondo sovrano della dinastia Pāla, che regnò per 40 anni sull’India settentrionale.

Oltre a Somapura, Dharmapala fece anche edificare l’università di Vikramaśīla.

Dal IX al XII secolo Somapura attirò numerosi studiosi e traduttori tibetani, ma dovette subire anche un incendio.

Per tale motivo venne restaurato immediatamente e proseguì la sua attività anche durante la dinastia Sena, per poi cadere nell’oblio e nell’abbandono a causa delle invasioni islamiche che si verificarono nel XIII secolo.

L’area archeologica di Somapura, che copre 110.000 m2, presenta al centro un grande complesso rettangolare, rappresentante i resti architettonici di un vasto monastero buddista, in cui 177 celle monastiche circondano lo stupa principale, cioè il monumento buddista la cui funzione è quella di conservare reliquie, posto al centro.

Le stanze erano usate dai monaci per alloggio e meditazione e oltre al gran numero di stupa e santuari di varie dimensioni e forme, sono state scoperte anche placche di terracotta, sculture in pietra, iscrizioni, monete, ceramiche ed un certo numero di edifici secondari.

La curiosa pianta cruciforme, la struttura a terrazze con camere interne e la forma a piramide in via di diminuzione, che caratterizzano il sito è davvero qualcosa di insolito nell’architettura buddista indiana e ricorda fortemente i templi buddisti di Birmania, Giava e Cambogia.

Le opere in terracotta nel sito hanno purtroppo subito gravi danni a causa della mancanza di una corretta manutenzione, della scarsità di manodopera e di fondi, delle forti piogge e in particolare della corruzione dominante del paese.

Inoltre, il cattivo drenaggio dell’acqua accompagnato da alti livelli di salinità nei terreni ha contribuito al deterioramento delle suddette opere, compreso anche il verificarsi di numerosi atti vandalici.

Se volete conoscere tutti i nostri tour in Bangladesh  cliccate qui!

 

 

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 5 giorni / 4 notti

da € 560 - Voli esclusi

Stopover Doha 2

Durata: 3 giorni / 2 notti

da € 220 - Voli esclusi

Durata: 3 giorni / 2 notti

da € 810 - Voli esclusi

giordania

Durata: 8 giorni / 7 notti

da € 1.020 - Voli inclusi

Articoli che potrebbero piacerti
Myanmar Classico 2

La Birmania conta più di 50 milioni di abitanti (dati 2006), con un tasso annuo di crescita del 2,1 % ed una densità di circa 70 abitanti per Km2 (una delle più basse dell’Estremo Oriente). Circa i ¾ della popolazione vivono nelle aree rurali. La popolazione è costituita per i tre quarti da Birmani e […]

Phnom Penh Phnom Penh, capitale della Cambogia dal XV secolo, è situata alla confluenza dei fiumi Mekong, Bassac e Tonlè Sap. Nota ai tempi del colonialismo come la “perla dell’Asia”, la città è disegnata su un tessuto urbano risalente al periodo coloniale francese o ad esso posteriore, nonostante qualche vestigia del passato sia fortunatamente sopravissuta […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su