Economia in Nepal

Economia: il Nepal è un Paese poverissimo e presenta da sempre un’economia di marcatissimo sottosviluppo. Il Nepal basa la sua economia pressoché esclusivamente sul settore primario: in tutto il Paese è diffuso l’allevamento, specie quello bovino (che in genere si pratica mediante transumanza stagionale) pur con alcune differenze: nel bassopiano l’allevamento è complementare o subordinato all’agricoltura, al di sopra dei 3000 metri diventa l’attività economica di base.

Si allevano lo yack (fornisce lana, pelli, carne e latte, viene usato come animale da soma), bufali, ovini,  caprini e volatili da cortile. Per quanto riguarda l’agricoltura, la limitata estensione delle terre coltivabili e le difficili condizioni morfologiche e climatiche consentono solo una modesta agricoltura di sussistenza e impongono la necessità di praticare un fitto terrazzamento dei versanti montuosi nonché di ricorrere all’irrigazione nelle zone aride.

Un notevole impulso all’espansione agricola è stato comunque ottenuto con la valorizzazione della fascia pianeggiante meridionale.  In misura minore, partecipano alla formazione della ricchezza nazionale il terziario e le industrie manifatturiere. Il settore industriale si basa sulla lavorazione dei prodotti locali; le industrie, concentrate nelle zone di Kathmandu, Lalitpur, Biratnagar e Balaju, comprendono soprattutto oleifici, zuccherifici, manifatture di tabacchi, birrifici, caseifici, impianti tessili, calzaturifici, cartiere, oltre che alcuni cementifici, fabbriche di ceramiche e piccoli stabilimenti meccanici.

Il turismo rappresenta un’importante fonte di valuta estera ma la precaria situazione politica compromette un reale sviluppo del settore. Sono ancora carenti le infrastrutture necessarie al comparto e solo la valle intorno alla capitale è attrezzata per l’ospitalità turistica. Abbastanza modesto è il commercio, sia interno sia estero.  Le esportazioni sono costituite da cereali, pellami e altri prodotti zootecnici, tappeti, iuta, legname ecc. e coprono ca. un terzo delle importazioni, rappresentate soprattutto da apparecchiature industriali di base, macchinari e mezzi di trasporto, combustibili ecc. Il maggior partner commerciale è l’India, che copre circa il 60% degli scambi in entrambe le direzioni; il resto delle importazioni proviene da Cina e Indonesia mentre l’export è diretto anche verso Stati Uniti e Germania.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 3 giorni / 2 notti

da € 420 - Voli esclusi

olimpiadi

Durata: 10 giorni / 8 notti

da € 1.850 - Voli inclusi

Durata: 11 giorni / 10 notti

da € 2.630 - Voli esclusi

Durata: 10 giorni / 9 notti

da € 1.360 - Voli internazionali esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Molte sono le attività che si possono effettuare in territorio kazako, di seguito ne riportiamo alcune: • Trekking ed escursioni sullo sullo Zailiysky Alatau e sul Küngey • Sci da discesa a Shymbulaq • Sci-alpinismo nel Tian Shan centrale e nella catena dell’Alatau • Escursioni sciistiche in elicottero sulle cime più alte e irraggiungibili • […]

Cultura La cultura di Dubai è molto tradizionalista, anche se abituata al mondo occidentale grazie alla massiccia presenza di turisti. Ad esempio, Dubai è considerata una delle migliori destinazioni del Medio Oriente per le viaggiatrici femminili. Può comunque capitare di essere oggetto di sgradite attenzione da parte degli uomini. Vi consigliamo di vestirvi in modo […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su