Giordania, info generali

Nome completo del paese: Regno Ascemita di Giordania
Superficie: 92.300 Kmq
Popolazione: 5.759.000 abitanti
Fuso orario: + 1 rispetto all’Italia
Capitale: Amman
Popoli: 98% arabi, 1% circassi, 1% armeni
Lingua: arabo (lingua ufficiale), inglese
Religione: 92% musulmani sunniti, 6% cristiani (cattolici, greco-ortodossi, copti-ortodossi, armeno-ortodossi, protestanti), 2% musulmani sciiti, drusi.
Ordinamento dello stato: monarchia costituzionale
Capo dello stato: re Abdullah II
Primo ministro: Nader Al-Dahabi (2007)
Moneta: Dinaro giordano (JOD)

 

Ambiente

La Giordania confina a nord con la Siria, a nord-est con l’Iraq, a est e a sud con l’Arabia Saudita e a ovest con Israele. Si può suddividere in tre zone climatiche ben distinte: la fertile Valle del Giordano che corre lungo la parte occidentale del paese; l’altopiano della Transgiordania, dove si trova la maggior parte delle città; il deserto della Transgiordania, che si allunga a est verso la Siria, l’Iraq e l’Arabia Saudita.
Le foreste di pini del nord cedono progressivamente il passo alle colline coltivate della Valle del Giordano, dove predominano il cedro, l’ulivo e l’eucalipto. Verso sud, in direzione del Mar Morto, la vegetazione non sopravvive e il paesaggio è dominato da pianori di fango e sale. Nelle regioni desertiche del paese si incontra la tipica fauna del deserto: cammelli, volpi del deserto, topi della sabbia, lepri e topi delle piramidi, mentre nelle colline a nord-est del Mar Morto ci sono cinghiali, tassi e capre. La Giordania è conosciuta per la fauna marina, e il Golfo di Aqaba ha un’enorme varietà di pesci tropicali e coralli. La più grande riserva naturale del paese è la Shaumari Wildlife Reserve, a est, dove gazzelle e orici, una volta diffusi in tutto il paese, sono stati reintrodotti.
Il clima varia considerevolmente da una parte all’altra del paese. La Valle del Giordano in estate può essere incredibilmente calda (in genere intorno ai 40°C), mentre ad Amman e a Petra in inverno talvolta nevica. La zona dell’altipiano in genere è calda e secca, con temperature che fluttuano da un minimo di 20°C a un massimo di 30°C, mentre nel deserto si soffrono notevoli sbalzi di temperatura: caldo secco frammezzato da venti freddi provenienti dall’Asia centrale.
Il periodo migliore per visitare questa regione è la primavera o l’autunno, in modo da evitare il sole cocente dell’estate e i freddi venti invernali. Anche se l’inverno nella maggior parte del paese è notevolmente freddo, nella zona del Mar Rosso e di Aqaba il clima è temperato.

 

Clima

Le zone settentrionali del paese presentano un clima mediterraneo con inverni poco freddi ed estati calde ed asciutte. Nell’area meridionale, invece, troviamo un clima arido con scarse precipitazioni e temperature estive che superano i 40°C.

 

Economia

L’economia giordana viene sostenuta dal turismo, dall’industria chimica e dall’agricoltura. Quest’ultimo settore, però, soffre dell’elevata aridità dei territori.
Il turismo offre diversi tipologie di segmenti, il segmento definibile culturale, attratto dalla bellezza dei resti delle varie aree archeologiche, prima fra tutte Petra, il segmento benessere, interessato alle località termali del Mar Morto, e il segmento balneare.

 

Politica

L’ordinamento dello stato della Giordania è la monarchia costituzionale. Il potere esecutivo è concentrato nelle mani del Re e del Consiglio dei Ministri da lui nominato.
Il potere legislativo è rappresentato dall’Assemblea Nazionale (Majlis al-Umma), suddivisa in due camere: la Camera dei deputati (Majlis al-Nuwwāb) e l’Assemblea dei Notabili (Majlis al-Aʿyān). La prima è costituita da 110 membri eletti, mentre la seconda conta massimo 55 componenti nominati dal Re. Il potere giudiziario suddivide i tribunali in tre tipologie: il tribunale civile, che si occupa di questioni civili e penali, il tribunale religioso, che regola le controversie personali sulla base del diritto coranico o canonico, e il tribunale speciale, che disciplina le problematiche costituzionali o fiscali.

 

Popolazione

Il 95% della popolazione giordana è di etnia araba. Il restante si suddivide in gruppi minori di etnie diverse come i circassi, gli armeni, i curdi, i ceceni e i dom. Per quanto riguarda i libanesi emigrati in Giordania durante la guerra del 2006, non ne è stato ancora definito il numero preciso.

 

Religione

L’Islam è la religione predominante della Giordania, si tratta di una religione monoteista, il cui libro sacro è il Corano. Ogni giorno, cinque volte al giorno, i musulmani sono chiamati alla preghiera dai minareti delle moschee che punteggiano il paese. L’Islam deriva dalle stesse radici monoteiste dell’ebraismo e del cristianesimo, e i musulmani in genere guardano con rispetto cristiani ed ebrei: nell’Islam Gesù è considerato uno dei profeti di Allah, e gli ebrei e i cristiani sono considerati quasi dei “cugini”. Maometto fu l’ultimo profeta e fu a lui che Allah dettò il Corano. La maggior parte dei musulmani giordani, compresi i circassi che non sono di origine araba, appartengono al ramo sunnita dell’Islam. I circassi, così come l’altra minoranza giordana, i ceceni, sono originari della zona caucasica della Russia.
La legge islamica proibisce il consumo di alcool e di carne di maiale: viene rispettata in maggiore o minore misura in tutta la Giordania. L’islamismo ha anche la tendenza a separare i sessi, può capitare, infatti, che in molti locali siano accettati solo uomini; in quegli stessi locali viene indicata la “stanza della famiglia”, una zona a parte dove siedono le donne.

 

Sicurezza

La Giordania è un paese a rischio sismico, l’ultimo terremoto di particolare entità si è verificato nel 1995 ad Aqaba, con un’intensità di 5 gradi della scala Richter; si tratta di un paese che attraversa una fase costante di tensione, proteste e manifestazioni politiche, si consiglia di tenersi aggiornati tramite i mezzi d’informazione, evitare gli assembramenti, soprattutto durante i fine settimana e dopo la preghiera del venerdì, evitare abbigliamento sensibile (bandiere, simboli, abiti succinti) e mangiare, bere, fumare in pubblico durante il mese del Ramadan.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 11 giorni / 9 notti

Su richiesta

Durata: 32 giorni / 29 notti

da € 8.500

Easy Vietnam

Durata: 6 giorni / 5 notti

da € 990 - Voli intercontinentali esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Sicurezza Le sole zone a rischio sono il Sabah orientale e il confine con la Thailandia. Per il resto il Paese è abbastanza sicuro. Tuttavia il rischio di scippi e aggressioni non è scongiurato del tutto. È bene evitare di girare, soprattutto di notte, con oggetti di valore e documenti originali. Situazione sanitaria La struttura […]

In una grotta a Timor Est sono stati scoperti i primi ami da pesca della storia di ben 42 mila anni fa. E’ attivo un progetto denominato “Tatoli ba Kultura” che significa “Trasmettere la Cultura”. L’obiettivo del progetto, una volta terminata la preparazione ed effettuate approfondite ricerche, sarà di sostenere lo sviluppo di una scuola […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su