Il tempio Kailasa, è uno dei più grandi e antichi templi indù, intagliato in un unico e gigantesco monolite di basalto, facente parte di un gruppo di 34 fra monasteri e templi, conosciuti collettivamente come “Grotte di Ellora”, che si estendono su più di 2 km nello stato indiano di Maharashtra.

È stato costruito nel corso dell’VIII secolo per volere del re Rashtrakuta Krishna I, che voleva richiamare le fattezze del Monte Kailash della catena dell’Himalaya, considerato la casa degli asceti del dio Shiva, come viene attestato dalle trascrizioni presenti in due epigrafi.

Il Kailasa, che per la precisione corrisponde alla grotta numero 16, è un notevole esempio di architettura dravidica per la sua proporzione impressionante, la lavorazione elaborata, i contenuti architettonici e le decorazioni scultoree di architettura indiana rupestre.

Il Tempio Kailasa si distingue per il lavoro di scavo ed intaglio in verticale, iniziato in cima alla roccia originale e scavato verso il basso.

Si stima addirittura, che circa 400.000 tonnellate di roccia siano state lavorate in un arco di tempo che va dal 757 al 783 d.C. per costruire in nemmeno vent’anni questa struttura spettacolare.

Il tempio, si trova in un cortile a forma di U, contornato da un porticato a colonne alto tre piani e al cui interno si scorgono due strutture.

Come da tradizione nei templi di Shiva, l’immagine del sacro toro Nandi, cavalcato dalla divinità, affianca frontalmente il linga, ovvero un oggetto di forma ovale che è posizionato nella grande sala centrale del tempio.

La sala esterna pilastrata (Mandapa) e il tempio di Shiva principale sono alti ciascuno circa 7 metri, costruiti su due piani e collegati da un ponte di roccia.

La base del tempio invece, è stata scolpita in modo tale da suggerire il fatto che sono gli elefanti che sostengono la struttura in posizione eretta.

La struttura piramidale del tempio è inoltre una tra le più alte dell’India meridionale ed i suoi portici sono punteggiati da enormi pannelli scolpiti e nicchie contenenti sculture di numerose divinità, alcune legate allo Shivaismo (seguaci di Shiva), mentre altre al Vishnuismo (seguaci di Vishnu), che hanno lo scopo proprio di “narrare” alcune storie della trazione indù.

Un’opera molto misteriosa, di difficilissima creazione e che visto e considerato gli standard dell’epoca, sembra impossibile che sia stata ultimata in un lasso di tempo così breve.

Per conoscere molto di più su tutti i nostri tour in india cliccate qui!

 

 

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 5 giorni / 4 notti

Su richiesta

Durata: 9 giorni / 7 notti

da € 1.440 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti
Il meglio del Myanmar 2

Il Myanmar, meglio conosciuto in occidente con il nome di Birmania, è il più grande paese del sud-est asiatico. Terra affascinante e magica, è oggi un Paese che si trova in condizioni di immensa arretratezza e nel quale il potere è ancora nelle mani di burocrati, militari e guerriglieri . Il resto della popolazione vive […]

Dubailand Dubailand è il parco divertimenti più grande al mondo. Tra le attrazioni attualmente completate troviamo il Dubai Autodrome, il Dubai Outlet Mall e il Dubai Sports City. Una volta completato il parco comprenderà alberghi, ristoranti, centri commerciali, strutture sportive e attività ludiche, proprio come una vera città a sé stante.   Dubai La città […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su