Musica e Suoni nel Tibet

Musica

La musica popolare ha una forte influenza religiosa, in particolare dal buddhismo tibetano. Nel corso del XII secolo la musica popolare era tramandata mediante dei cantastorie che andavano di villaggio in villaggio, accompagnando i canti con delle illustrazioni in modo da utilizzare i canti come un vero e proprio strumento di insegnamento. I cantanti tibetani sono noti per le loro grandi abilità vocali, spesso attribuite alle condizioni favorevoli e all’altitudine dell’altopiano tibetano. Negli ultimi anni la musica moderna è stata influenzata dalla musica indiana e da quella popo americana.

SUONI

Campane tibetane

Canzone folk tibetana

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 7 giorni / 6 notti

da € 2.480 - Voli inclusi

Durata: 7 giorni / 6 notti

da € 1.010 - Voli esclusi

Durata: 13 giorni / 12 notti

da € 1.090 - Voli internazionali esclusi

Durata: 6 giorni / 5 notti

da € 790 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Shamakhi è un’antica capitale dell’Azerbaijan. Nell’area troviamo il Mausoleo delle sette cupole, luogo di sepoltura dei membri delle famiglie reali di Shirvan Shahs, e il Mausoleo Diri-Baba, una struttura aggrappata alla roccia che sembra sospesa in cielo, costruito nel 1400 in onore dello sceicco Diri-Baba .

Sapevate che il giardino fiorito più grande del mondo, si trova nel deserto di Dubai? Realizzato mediante l’impiego di avanzate tecnologie di irrigazione, il “Dubai Miracle Garden”, questo è il suo nome, rappresenta una delle attrazioni più apprezzate e visitate di Dubai. Scopritelo qui!

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su