È una notizia ufficiale, uscita già da qualche giorno e che non ha mancato di suscitare un’ondata di polemiche in tutto il mondo.

Le autorità del Nepal, hanno infatti deciso di vietare d’ora in avanti le scalate solitarie per raggiungere l’Everest, la vetta più alta del mondo con i suoi 8.848 metri.

Il motivo che ha spinto a prendere una risoluzione del genere, come hanno riferito le stesse associazioni turistiche del paese, è stato l’elevato numero di incidenti e di vittime registrati negli ultimi tempi.

Dal 1920 ad oggi infatti, si contano purtroppo 200 morti, (di cui 6 solo nel 2017), il più delle volte a causa di valanghe e cadute.

L’unica possibilità stabilita dalla nuova normativa è quella di poter scalare la cima solo con l’ausilio di guide apposite, decisione questa nata in particolare per creare più posti di lavoro a favore degli abitanti del luogo.

Nemmeno i soggetti con disabilità molto gravi, come ad esempio quelli senza entrambi gli arti inferiori, potranno cimentarsi nella scalata; ecco perché molti alpinisti e scalatori professionisti si sono indignati, definendo tutto ciò una misura altamente discriminatoria, in quanto pone un ostacolo insormontabile al desiderio di quelle persone, che nonostante la loro difficile condizione fisica, non smettono di lottare e di portare avanti le loro passioni con un coraggio e una tenacia senza paragoni.

Articoli che potrebbero piacerti

Capitale: Gerusalemme Superficie: 20.770 kmq Popolazione: 8 345 000 abitanti Fuso orario: + 1 rispetto all’Italia Lingua: ebraico (ufficiale), arabo (parlata), inglese (parlata) Religione: ebraica, musulmana, cristiana Moneta: Nuovo shekel israeliano Capo di stato: Reuven Rivlin Primo ministro: Binjamin Netanyahu   Storia Fin dalle origini lo Stato di Israele fu un punto d’incontro di diverse […]

Kathmandu Kathmandu, capitale dello stato, rappresenta il punto d’arrivo e il motivo principale della visita per gran parte dei turisti del Nepal. È il capoluogo più grande del paese, dove si concentra il maggior numero di alberghi e ristoranti. Si tratta di una città sorprendente, che per certi aspetti sembra essere rimasta inalterata dall’epoca del […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su