Viabilità e comunicazioni in Myanmar

Viabilità:
Lo stato della limitata rete stradale all’interno del Paese è in cattive condizioni e peggiora durante la stagione delle piogge. Solo il 12% circa delle strade sono asfaltate, circa i 2/3 sono coperte di ghiaia, mentre le restanti sono difficilmente accessibili con le auto, ma solo con jeep e carretti. I mezzi di trasporto pubblici urbani (inclusi i taxi) sono obsoleti ed in cattivo stato di manutenzione. Se si usano i taxi, è bene stabilire chiaramente con i tassisti la destinazione ed il prezzo.
Le ferrovie, sotto il controllo statale, non si presentano in condizioni molto migliori, in quanto risalgono al periodo dell’occupazione britannica e non sono elettrificate. I binari coprono circa 2.000 miglia, ma collegano solo le principali città all’interno del Paese, senza collegamenti con gli Stati confinanti.
I canali più usati per il trasporto di merci e passeggeri sono i corsi d’acqua navigabili. All’interno del Myanmar ci sono infatti circa 8.000 miglia di fiumi e canali, di cui 2.000 percorribili anche da grandi navi commerciali. In più, tutte le città principali si trovano vicino a corsi d’acqua.
Per quanto riguarda il trasporto aereo, esiste una compagnia aerea statale, la Myanmar Airlines International, che effettua anche collegamenti internazionali con alcuni Stati/città, ma non esistono voli diretti con l’Europa. Esitono poi altre 4 compagnie aeree, ma si consiglia di controllare prima gli indici di affidabilità delle stesse. Una joint-venture col Singapore ha portato ad una recente modernizzazione dei voli domestici.
La patente per i visitatori viene rilasciata su presentazione della patente italiana o della patente internazionale alla Polizia locale a Yangon. Si fa però presente che nel Myanmar i turisti non possono guidare alcun tipo di mezzo a 4 ruote; è però permesso noleggiare una moto, sempre che si sia in possesso della patente (30-35 US$ al giorno a seconda del modello). Il noleggio di una bicicletta costa invece circa 1000 kyats al giorno. Assicurazione RCA obbligatoria.
Comunicazioni:
Il servizio postale birmano è abbastanza efficiente. Gli uffici postali sono aperti ufficialmente con orario 9.30-16.30. Se si devono spedire corrispondenze importanti è meglio affidarsi a corrieri privati (DHL o ASAP). Le banche sono invece aperte dalle 8:30 fino alle 15:30, da lunedì a venerdì.
Internet è disponibile in tutte le città principali e negli hotel di categoria superiore, al costo medio di 2 USD all’ora. La navigazione è però molto lenta e molti siti sono censurati; se dovete visionare mail importanti, è consigliato procuratersi un indirizzo presso www.hotmail.com. oppure presso il sito giapponese www.sailormoon.com , accessibili e abbastanza veloci.
Inutile portarsi dietro i cellulari, che potrebbero anche essere ritirati all’ingresso in Myanmar per essere restituiti solo al momento di lasciare il Paese.
Alcune informazioni sui principali mezzi di comunicazione:

Radio Myanmar: programmi trasmessi in inglese in alcune fasce orarie (8.30-9; 13.30-14, 21-22.30)

TV Myanmar & Myawaddy TV: programmi TV a partire dalle 17 fino a mezzanotte, Satellite News alle 20.45. Di Sabato e Domenica programmi anche dalle 8.30 alle 9.30 e dalle 12 alle 14.30.

New Light of Myanmar e Asia Times sono I giornali in inglese. Ci sono poi altri 4 giornali: Myanmar Alin, Kyemon, Myodaw e Yadanabon.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 9 giorni / 8 notti

da € 1.820

Articoli che potrebbero piacerti

Sul modello di una nazione socialista, la Mongolia aveva modellato il sistema politico ed economico su quello dell’URSS. Per diversi decenni il Partito Rivoluzionario Popolare governò, a stretto contatto con l’Unione Sovietica. Alla fine degli anni ’80, con lo scioglimento dell’URSS, ebbe luogo una transizione a livello di struttura governativa e istituzioni politiche. Dalle elezioni […]

Il primo popolo che si insediò nei territori dell’attuale Kirghizistan, dal VI al V secolo a.C., fu quello gli Sciti, una popolazione seminomade. In seguito l’area sud-est del paese entrò a far parte dell’Impero persiano achemenide, in particolare della regione Sogdiana. Nel IV secolo a.C. l’avanzata di Alessandro Magno conquisto anche la Sogdiana e i […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su