http://www.goasia.it?p=8337
per informazioni: Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
Tel. 071 2089301 - info@goasia.it

Viaggio di 10 giorni per visitare le principali attrattive del Paese: la capitale Phnom Penh, volto moderno e dinamico del paese, il sito pre-angkoriano di Sambor Prei Kuk, il grandioso complesso archeologico di Angkor, il particolare ambiente del grande lago Tonle Sap con i suoi villaggi galleggianti e l’elegante cittadina fluviale di Battambang, che conserva numerosi edifici di epoca coloniale. Possibilità di estensione con un soggiorno balneare a Sihanoukville, principale località turistica della costa cambogiana, o in una delle più rinomate spiagge della Thailandia o della Malesia.

 

Partenze libere con guide locali parlanti italiano.

1° giorno

ITALIA – SINGAPORE/BANGKOK (-/-/-)

Partenza dall’Italia per Phnom Penh con volo di linea Thai Airways (via Bangkok) o Singapore Airlines (via Singapore). Cena e pernottamento a bordo.

2° giorno

SINGAPORE/BANGKOK – PHNOM PENH (-/L/-)

Arrivo al mattino a Phnom Penh, capitale della Cambogia, situata alla confluenza dei fiumi Mekong e Tonle Sap, considerata durante il periodo coloniale francese come “la perla dell’Asia”. Disbrigo delle formalità burocratiche e trasferimento in hotel. Pranzo. Inizio delle visite della città: il Museo Nazionale, che espone la più bella collezione al mondo di reperti e sculture Khmer, il Monumento dell’Indipendenza, il Mercato Russo, tra le cui bancarelle è possibile trovare veramente di tutto, ed il Museo di Tuol Sleng, principale centro di detenzione e tortura del paese durante gli anni della dittatura di Pol Pot. Se il tempo lo permette visita del Central Market, posto all’interno di una mastodontica cupola dal colore giallo vivace sulla quale convergono i principali viali della città. Rientro in hotel e pernottamento.

3° giorno

PHNOM PENH – KOMPONG THOM (Sambor Prei Kuk) – SIEM REAP (B/L/-)

Prima colazione. Partenza in auto per Kompong Thom (165 km – circa 3 ore e mezza) , vivace cittadina a metà strada tra Phnom Penh e Siem Reap, base ideale per la visita del sito pre-angkoriano di Sambor Prei Kuk. Lungo il tragitto sosta al villaggio di Stung conosciuto per la curiosa specialità culinaria locale, ovvero i ragni giganti. Pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio si giunge al complesso archeologico (35 km – circa 1 ora di strada sterrata piuttosto dissestata che durante la stagione delle piogge, da maggio ad ottobre, potrebbe diventare impraticabile) attraversando un paesaggio costituito da risaie, remoti villaggi rurali con case in legno dai tetti di paglia e macchie di vegetazione tropicale. Lungo il tragitto si potrà osservare uno spaccato della vita quotidiana nelle campagne cambogiane, abitata da gente semplice ed ospitale. Sambor Prei Kuk, antica capitale dell’impero Chenla è costituita da decine di templi sparsi nella foresta, alcuni dei quali ancora avvolti dalla vegetazione. Visita dei templi del gruppo Nord, capitale del regno Baladitya sotto il dominio del re Aninditapura (6°sec.D.C.), del gruppo Sud, capitale di Isanapura sotto il regno del re Isanavarman (611 – 635 D.C.) e del gruppo C, costruito sotto il regno di Jayavarman II (790-850). Rientro a Kompong Thom e proseguimento per Siem Reap (150 km – circa 3 ore), con sosta per ammirare i ponti edificati alla fine del XII secolo dal Re Jayavarman VII che intraprese la costruzione di una fitta rete stradale per collegare le varie province dell’Impero (l’odierna statale segue ancora infatti lo stesso percorso dell’antica via di comunicazione Khmer). Arrivo a Siem Reap nel tardo pomeriggio. Sistemazione in hotel e pernottamento.

4° giorno

SIEM REAP (Rolous e Tonle Sap) (B/L/-)

Prima colazione. Al mattino visita del sito archeologico di Hariharalaya, la città pre-Angkoriana che fu sede dei Re Khmer del IX secolo. In questo luogo, oggi noto come Rolous, possiamo ammirare templi edificati con tecniche più rudimentali e primitive rispetto ad Angkor, ma ugualmente cariche di fascino. Nel IX secolo l’arenaria non era ancora utilizzata e sia l’imponente tempio Preah Ko che il piccolo Lolei presentano torri interamente edificate in mattoni. L’attrazione maggiore di Rolousè però costituita dal mastodontico Bakong, un “tempio montagna” la cui ripida piramide a cinque gradoni si erge al centro di un largo canale che la circonda. Rientro a Siem Reap e pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio escursione in barca sul Tonle Sap, il lago più grande del Sud-Est Asiatico che nella stagione delle piogge espande a dismisura le sue dimensioni irrigando i fertili campi di riso che nei secoli costituirono una delle principali ricchezze sulle quali si fondò il glorioso Impero dei Khmer. Oggi sulle rive del lago si possono ammirare diversi villaggi di pescatori, generalmente appartenenti ad etnie minoritarie di diversa origine, che vivono in pittoresche case di legno galleggianti sul fiume. Rientro in hotel e pernottamento.

5° giorno

SIEM REAP (Phnom Bakeng, Bantey Srei, Angkor Wat) (B/L/-)

Partenza prima dell’alba per assistere al sorgere del sole dalla vetta del Phnom Bakeng, la collina naturale sulla quale, agli albori del X secolo, Re Yasovarman I fece costruire l’omonimo tempio montagna dedicato al Dio Induista Shiva. Rientro in hotel per la prima colazione. Proseguimento delle visite di Angkor: il Prasat Kravan, una delle costruzioni più antiche di Angkor e costituito da 5 torri allineate tra loro, le piscine reali Srah Srang, le sontuose rovine del tempio Shivaista Rajendraesvara (oggi noto come East-Mebon), situato su una collina artificiale al centro dell’East-Baray, la maestosa cinquina di torri del Pre Rup, il tempio di Stato del Re Rajendravarman, un colossale “tempio-montagna” dalle imperiose proporzioni. Si prosegue verso nord per circa 20km fino al Banteay Srei, la “cittadella delle donne”, uno dei capolavori artistici più raffinati dell’arte Khmer, un piccolo tempio interamente ricoperto di stupendi bassorilievi. Rientro a Siem Reap e pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio inizio della visita di Angkor Wat (Suryavarman II), considerato il monumento più armonioso di Angkor per stile, proporzioni e concezione, divenuto simbolo nazionale. Il tempio venne fatto costruire dal Re Suryavarman II (1113-1150), e occupa un’area di 2 milioni di metri quadri, circondato da un fossato largo 200 metri, le cui sponde erano ricoperte da gradinate. E’ l’unico tempio rivolto ad Occidente, in direzione del tramonto. Impressionante è la decorazione, con centinaia di metri di bassorilievi scolpiti sulle pareti, nei porticati e nelle gallerie, che illustrano con incredibile ricchezza e vivacità le scene principali dei poemi epici indiani. Pernottamento in hotel.

6° giorno

SIEM REAP (Angkor Thom) (B/L/-)

Prima colazione. Inizio delle visite dei templi costruiti nell’era di Jayavarman VII, quando l’impero dei Khmer raggiunge la sua massima espansione ed influenza politica e culturale e si ha la fondamentale transizione spirituale dall’Induismo al Buddismo Mahayana. Tra questi il grande Rajavihara, oggi noto con il nome di Ta Phrom, famoso anche per l’aspetto selvaggio nel quale si presenta. Questo tempio venne infatti scelto quale luogo esemplificativo per mostrare al mondo lo stato in cui Angkor fu ritrovata ed ancora oggi, giganteschi alberi si sorreggono sui muri del monastero e le loro possenti radici si insinuano tra le intercapedini dei massicci blocchi di arenaria a costituire un mistico connubio tra arte, storia e natura. Si prosegue con le rovine del tempio montagna Ta Keo, mai terminato dai suoi antichi costruttori, e due piccoli templi “in piano” in stile Angkor Wat, simili tra loro e di immensa bellezza: il Thommanoned il Chao Sai Tewoda. Si giungerà infine all’Angkor Thom, la gigantesca città fortificata alla quale si accederà dal “Victory Gate”. Al suo interno si trovano “la Terrazza degli Elefanti” e la “Terrazza del Re Lebbroso”, interamente scolpita con stupendi bassorilievi realizzati su cinque registri sovrapposti. Al centro geometrico dell’Angkor Thomsi trova invece il Tempio di Stato del grande Re Jayavarman VII, il celebre “Bayon”, noto al mondo per le sue innumerevoli torri sulle quali sono scolpiti i giganteschi volti in pietra. Più a nord si trova invece il colossale monastero del Nagarajayasri, , dedicato al padre del Re, noto come Preah Khan, e le “terme” oggi note con il nome di Neak Pean. Pranzo in ristorante locale in corso d’escursione. Pernottamento.

7° giorno

SIEM REAP – BATTAMBANG (B/L/-)

Prima colazione. Al mattino presto partenza per Battambang in auto (180 km – circa 3 ore), seconda città della Cambogia ed elegante località dall’architettura coloniale. Sistemazione e pranzo. Nel pomeriggio visita del Phnom Banhon, 20 km a sud-ovest della città, antica rovina Khmer risalente alla fine del XIII secolo e composta da 5 torri in laterizio poste sulla sommità di una collina e raggiungibili attraverso una scalinata di 358 gradini. Si proverà poi l’emozione di una divertente corsa a bordo del “Bamboo Train”, un piccolo vagone ferroviario costruito in legno di bamboo e spinto sulle rotaie da un motore a scoppio che permette di raggiungere i 40Km/h. Il Bamboo Train viene utilizzato dagli agricoltori per il trasporto di merci dalle campagne al mercato di Battambang. Si proseguirà quindi con la visita delle rovine del tempio Khmer Ek Phnom risalente all’XI secolo. Al termine delle visite rientro in hotel. Pernottamento.

8° giorno

BATTAMBANG – KOMPONG CHHNANG – PHNOM PENH (B/L/-)

Prima colazione. Al mattino partenza per Phnom Penh (290 km circa 5 ore), lungo il tragitto si attraversano incantevoli paesaggi rurali, caratterizzati da vaste risaie, punteggiate di palme da cocco dove la popolazione vive su case costruite su palafitte. Sosta ad un villaggio di artigiani e a Kompong Chhnang per il pranzo in ristorante locale. Proseguimento per Oudong, capitale della Cambogia tra il XVII ed il XIX secolo, e visita di alcuni delle pagode buddiste situate sulle due colline della città. Arrivo a Phnom Penh e sistemazione in hotel. Pernottamento.

9° giorno

PHNOM PENH – SINGAPORE/BANGKOK(B/-/-)

Prima colazione. Al mattino visita del raffinato complesso del Palazzo Reale, con la Pagoda d’Argento, così chiamata per il pavimento costituito da più di 5.000 mattonelle d’argento, ed il Wat Phnom, situato su un colle in posizione panoramica. In tempo utile trasferimento in aeroporto e partenza per l’Italia con volo di linea Singapore Airlines (via Singapore) o Thai Airways (via Bangkok). Pasti e pernottamento a bordo.

10° giorno

ITALIA (-/-/-)

Arrivo in Italia in mattinata. Fine del viaggio.

Quote per persona, a partire da:

Note

(B/L/D): B = colazione; L = pranzo; D = cena

Per partecipare a questo viaggio occorre il visto cambogiano, che si ottiene in loco all’arrivo: necessario il passaporto, che deve essere valido 6 mesi ed avere 1 pagina libera, 1 fototessera.


La quota comprende

  • Voli intercontinentali Singapore Airlines o Thai Airways da Roma o Milano in classe turistica
  • Hotel menzionati o se non disponibili altri della stessa categoria su base camera doppia standard
  • Pasti come da programma
  • Trasferimenti e visite con auto privata o pullman, con guide locali parlanti italiano
  • Borsa, porta documenti, etichette
    bagagli e documentazione illustrativa varia
  • L’assicurazione per l’ assistenza medica, il rimpatrio sanitario ed il danneggiamento al bagaglio

La quota non comprende

  • Il costo del visto cambogiano da pagare localmente (USD 30. Passaporto valido 6 mesi ed 1 foto-tessera)
  • Le tasse aeroportuali da inserire nel biglietto
  • Le cene, le bevande, le mance, gli extra di carattere personale, eccedenza bagaglio
  • Le escursioni facoltative e tutto ciò non evidenziato nella voce “la quota comprende”.
  • Quota di iscrizione di € 95

Cerca l'agenzia più vicina a te

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 13 giorni / 10 notti

da € 2.880 - Voli inclusi

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 2.270 - Voli inclusi

Durata: 13 giorni / 10 notti

da € 2.950 - Voli inclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Un viaggio di nozze tra Argentina, Australia e Thailandia – di Francesco Venditti

Nonostante le sue dimensioni, il Nepal è uno dei paesi più ricchi al mondo in termini di bio-diversità. Questa bio-diversità è un riflesso della sua posizione geografica unica, delle variazioni di altitudine (da 60 metri sul livello del mare alle vette più alte del mondo) e delle sue condizioni climatiche che variano dalle sub-tropicali a […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su