http://www.goasia.it?p=36448
per informazioni: Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
Tel. 071 2089301 - info@goasia.it

Capodanno a Petra – Da Milano

Un’occasione di viaggio unica per assaporare le bellezze imperdibili della Giordania, prima fra tutte la splendida città rosa di Petra. In 8 giorni si avrà infatti l’occasione di ammirare la rara bellezza della città antica capitale dei Nabatei, scolpita magistralmente nella roccia rosa e rossa. Lo stupore avvolge il viaggiatore che percorre il profondo canyon (siq) dalle pareti di roccia alte e colorate, fino ad arrivare al maestoso tesoro che si lascia intravedere lentamente. Ma la Giordania è anche molto altro: il deserto di Wadi Rum, reso famoso da Lawrence d’Arabia; ma anche il suo patrimonio culturale religioso con che ne fa meta di viaggiatori e pellegrini da tutto il mondo che qui vengono a visitare il Monte Nebo da cui Mosè vide la terra promessa, e Madaba, custode della più antica mappa della Palestina.

1° giorno

26 dicembre 2019 ITALIA – AMMAN (-/-/D)

Partenza dall’Italia per Amman con voli di linea operati da Austrian Airlines con cambio aeromobile a Vienna. Arrivo all’aeroporto di Amman alle 14.50, disbrigo delle formalità doganali e ritiro dei bagagli.
Incontro con la guida locale per un giro panoramico della giovane capitale della Giordania. Al termine trasferimento in hotel. Cena e pernottamento.

AMMAN
Con oltre 5000 anni di storia alle spalle, Amman, la capitale della Giordania, è disseminata di rovine romane e di esempi di architettura bizantina e musulmana. Il centro di Amman, situato ai piedi delle colline su cui è distesa la città, pullula di alberghi economici, bancarelle di shwarma, ristoranti economici, fast food all’occidentale, ristoranti cinesi e pubs. A nord e ovest del centro, invece, si trovano ristoranti occidentali e locali alla moda.

2° giorno

27 dicembre 2019 AMMAN – JERASH – AMMAN (B/L/D)

Prima colazione. Partenza per il nord del Paese per la visita di Jerash, l’antica Gerasa. La città fu scoperta sotto una spessa coltre di sabbia nel 1806 dal tedesco Seetzen, ma solo nel 1920 iniziarono gli scavi svelando che la città risultava abitata sin dal periodo neolitico: 6000-4000 a.C. Jerash è ritenuta una delle più belle e meglio conservate città romane del Medio Oriente. Gerasa fu fondata da Alessandro Magno il Macedone intorno al 332 a.C. e divenne una delle più belle e ricche città delle provincie. Fu conquistata dai Romani nel 63 a.C. e stabilì importanti rapporti commerciali con i Nabatei di Petra e con le altre città della Decapoli, la Lega della Provincia Romana d’Arabia, della quale fece parte sino al 90 d.C. quando con il progressivo sviluppo della città di Palmira in Siria, lo splendore e l’importanza di Jerash furono appannate. Pranzo in ristorante locale. Al termine proseguimento per Ajloun e visita della maestosa fortezza che fu fatta costruire da uno dei generali di Saladino nel 1184 d.C. per controllare le tre principali vie di accesso alla Valle del Giordano proteggendo le rotte commerciali tra Giordania e Siria. Divenne un importante raccordo nella catena di difesa contro i Crociati, che tentarono invano per decenni di espugnarlo. Rientro ad Amman nel pomeriggio. Cena e pernottamento in albergo.

JERASH
Scoperta sotto una spessa coltre di sabbia nel 1806 dal tedesco Seetzen, in questa cità si trova il sito archeologico dell’antica Gerasa, uno dei più interessanti della Giordania. Probabilmente abitata sin dai tempi del Neolitico, in un certo momento della sua storia ha fatto parte della Decapoli dell’imperatore Pompeo, una lega commerciale composta da dieci città del Medio Oriente.

3° giorno

28 dicembre 2019 AMMAN – CASTELLI DEL DESERTO - AMMAN (B/L/D)

Prima colazione in hotel. Giro per la città di Amman, la capitale del regno Hashemita di Giordania, nell’età del ferro conosciuta come Rabbath Ammoun e successivamente come Philadelphia, una delle dieci città Greco-romane appartenenti alla confederazione urbana di Decapoli e recentemente chiamata la “città Bianca” a causa delle pietre bianche usate nella costruzione delle case. Visiterete il teatro Romano, la Cittadella e il Museo del folklore e dell’archeologia. Pranzo in ristorante locale. Quindi, escursione verso i Castelli del deserto, castelli costruiti dai califfi omayyadi di Damasco verso il VII e VIII secolo. Il castello di Amra racchiude dei bellissimi affreschi murali, esempio raro della pittura musulmana. Quello di Al Karaneh è molto ben conservato. Il castello di Azraq risale all'epoca romana e si trova in un'oasi di palme. Cena e pernottamento ad Amman.

4° giorno

29 dicembre 2019 AMMAN – MADABA - MONTE NEBO – KERAK – WADI RUM (B/L/D)

Prima colazione in hotel. Partenza per Madaba, famosa per i suoi mosaici, uno fra tutti quello che rappresenta la mappa della Palestina, risalente a VI secolo, conservata nella chiesa greco-ortodossa di San Giorgio. Pranzo in ristorante locale. Proseguimento per il Monte Nebo ove si trova il monumento dedicato a Mosè. Questo luogo è uno dei più venerati della Giordania poiché una leggenda narra che qui visse ed è sepolto Mosé. Il panorama che si può godere sulla Valle del Giordano sino al Mar Rosso e ai tetti delle case di Gerusalemme e Betlemme è spettacolare. Al termine della visita si prosegue per il castello crociato di Kerak, antica roccaforte dei crociati.
Proseguimento per il Wadi Rum. Cena e pernottamento nel campo tendato.

MADABA
Questa piacevole cittadina che si trova a 30 km a sud di Amman, è conosciuta per i suoi pregevoli mosaici di epoca bizantina, tra i quali la “mappa di Madaba”, una mappa a mosaico della Palestina risalente al VI secolo, conservata nella chiesa greco-ortodossa di San Giorgio.

MONTE NEBO
Situato a sud-ovest di Amman, da cui dista circa una quarantina di chilometri, sul Monte Nebo si può godere di un panorama spettacolare che va dalla Valle del Giordano sino al Mar Rosso e ai tetti delle case di Gerusalemme e Betlemme. È sulla cima di questa montagna che Mosè prima di morire riuscì a vedere la Terra Promessa ed è in questo punto che è stato eretto il Memoriale di Mosè.

WADI RUM
A 60 km circa a est di AqabaIl, il Wadi Rum, il più vasto wadi in Giordania, è un posto stupefacente, con paesaggi favolosi, incontaminati e senza tempo. Il Wadi Rum, anche detto Valle della luna, è una vallata scavata nei millenni dallo scorrere di un fiume nel suolo sabbioso e di roccia granitica della Giordania meridionale. Gli unici residenti della zona sono i circa 4000 abitanti del villaggio e i beduini nomadi, e i soli edifici, invece, sono tende di lana di capra, alcuni negozi e alcune case in cemento.

5° giorno

30 dicembre 2019 WADI RUM – PICCOLA PETRA – PETRA (B/L/D)

Prima colazione. Mattinata dedicata all’ escursione in jeep 4x4 (2 ore circa) attraverso questo deserto, il più vasto della Giordania godendo di spettacoli surreali di incredibile bellezza con infinite tonalità di rosso, ocra e giallo, rinomata sin dai tempi dei romani. Al termine trasferimento a Petra. Pranzo in ristorante locale. Dopo pranzo visita di Beida (Piccola Petra). Rientro in hotel a Petra, cena e pernottamento in hotel.

6° giorno

31 dicembre 2019 PETRA (B/L/D)

Prima colazione. Finiamo il 2019 nel migliore dei modi: con la magia che solo un sito come Petra sa regalare! Intera giornata dedicata alla visita di questa splendida città (Siq, Teatro, Tombe Reali, Mosaici), in origine capitale del regno nabateo e della Provincia Romana d’Arabia, chiamata dagli arabi Wadi Musa. Pranzo in ristorante locale. Spesso descritta come una delle otto meraviglie del mondo antico, Petra è senza ombra di dubbio il tesoro più prezioso della Giordania e la sua maggiore attrattiva turistica. È una vasta città dalle caratteristiche uniche: i Nabatei, industriosa popolazione araba insediatasi in questa zona oltre 2000 anni fa, la crearono dalla nuda roccia e la trasformarono in uno snodo cruciale per le rotte commerciali della seta e delle spezie, grazie alle quali Cina, India e Arabia del Sud poterono entrare in contatto con Egitto, Siria, Grecia e Roma.
Alla città si accede attraverso il Siq, una stretta gola, lunga più di 1 chilometro, fiancheggiata da ripide pareti rocciose alte 80 metri. Attraversare il Siq è un'esperienza unica: i colori e le formazioni rocciose lasciano il visitatore a bocca aperta. Una volta raggiunta la fine del Siq, scorgerete finalmente il Khazneh (il Tesoro). Un'imponente facciata, larga 30 metri e alta 43, creata dalla nuda roccia, color rosa pallido fa sembrare insignificante quello che c'è intorno. È stata scavata all'inizio del I secolo per essere la tomba di un importante re nabateo e testimonia il genio architettonico di questo antico popolo. Non appena si entra nella valle di Petra si viene sopraffatti dalla bellezza naturale di questo luogo e dalle sue meraviglie architettoniche. Sono centinaia le tombe scavate nella roccia con intricate incisioni: a differenza delle case, per la maggior parte andate distrutte dai terremoti, le tombe sono state scavate per durare in eterno e 500 di esse sono sopravvissute, vuote ma affascinanti dal momento in cui si varca la soglia e ci si addentra nella loro oscurità.
Qui si trova anche un'imponente costruzione nabatea, un teatro in stile romano, in grado di ospitare 3000 spettatori. Sono visibili obelischi, templi, altari sacrificali e strade colonnate, mentre dall'alto domina la vallata l'imponente Monastero di Ad-Deir: per visitarlo bisogna salire una scalinata di 800 gradini scavati nella roccia.
I primi insediamenti di Petra risalgono al VI secolo a.C., ad opera degli arabi nabatei, una tribù nomade che si stabilì nella regione dando vita alle prime attività commerciali di un impero che si sarebbe esteso alla Siria. Malgrado i ripetuti tentativi da parte del re seleuco Antioco, dell'imperatore romano Pompeo e di Erode il Grande di assoggettare Petra ai loro rispettivi imperi, Petra è rimasta nelle mani dei Nabatei fino al 100 d.C. circa, quando i Romani riuscirono a conquistarla.
Era ancora abitata durante il periodo bizantino quando l'impero romano volse la propria attenzione a est di Costantinopoli, ma la sua importanza diminuì presto. I Crociati costruirono qui un forte nel XII secolo, ma si ritirarono presto lasciando Petra alle popolazioni del luogo fino all'inizio del XIX Secolo, quando fu riscoperta dall'esploratore svizzero Johann Ludwig Burckhardt nel 1812. Rientro in albergo nel pomeriggio. Cena e pernottamento.

PETRA
A 150 km da Amman, un tempo capitale dei Nabatei, Petra è senza ombra di dubbio il tesoro più prezioso della Giordania. Petra, infatti, situata in un profondo canyon accessibile solo attraverso uno stretto e tortuoso crepaccio, è una stupefacente città scavata nella roccia.

7° giorno

01 gennaio 2020 PETRA – MAR MORTO (B/L/D)

Prima colazione in hotel. Partenza per il Mar Morto. All’arrivo pranzo in hotel. Pomeriggio libero per attività individuali e il relax. Cena e pernottamento in hotel.

8° giorno

02 gennaio MAR MORTO - AMMAN – ITALIA (B/-/-)

Prima colazione in hotel. In tempo utile trasferimento in aeroporto ad Amman.
Partenza per l’Italia con voli di linea, secondo disponibilità.

Quote per persona, a partire da:

PartenzaDoppiaSupplemento singola
Dal 26 dicembre 2019 al 2 gennaio 2020€ 1.690€ 390

Note

(B/L/D): B = colazione; L = pranzo; D = Cena

 

  • Supplemento cena di Capodanno a Petra (obbligatorio): € 80

 

OPERATIVO VOLI PROPOSTO:

OS 518    26DEC  MXP 1 VIE    0710  0840

OS 853    26DEC  VIE   AMM    1010  1450

OS 854    02JAN  AMM   VIE    1610  1910

OS 517    02JAN  VIE   MXP 1  2015  2140

 

HOTEL SELEZIONATI, O SIMILARI :

 

CITTA’HOTEL
AMMANAMMAN INTERNATIONAL
WADI RUMSUN CITY CAMP
PETRATHE OLD VILLAGE RESORT
MAR MORTO HOLIDAY INN DEAD SEA

 

Il check in negli alberghi è solitamente alle ore 14.00 il check out alle ore 12.00.

 

Le mance non sono obbligatoria ma sono attese da autisti e guide.

 

Per partecipare a questo viaggio occorre il visto giordano ottenibile all’arrivo. E’ necessario fare pervenire a  GO ASIA la  copia  scansionata del passaporto almeno 20gg prima della partenza.

Il passaporto deve avere una validità minima di sei mesi.

 

Tassi di cambio di riferimento per le valute

Valuta: Dollaro USA (USD) – Cambio: 1,12 in data 19/06/2019

Variazioni dei cambi con oscillazioni maggiori del 3% comporteranno un adeguamento dei costi e verranno comunicati entro i 20 giorni dalla partenza.

 

Blocco valuta: € 50 a pratica.

Il cliente ha la possibilità di bloccare definitivamente il costo dei servizi a terra che non sarà più  oggetto di  oscillazioni valutarie. La richiesta dovrà avvenire contestualmente alla conferma.


La quota comprende

  • Volo di linea operato da Austrian Airlines in classe economica a tariffa speciale concordata
  • Hotel menzionati, o se non disponibili altri della stessa categoria, su base camera doppia standard
  • Trattamento come da programma
  • Trasferimenti, visite e ingressi, escursione in fuori strada al Wadi Rum
  • Guida locale parlante italiano per tutto il tour (esclusi i trasferimenti da/per l’aeroporto)
  • Gadget, etichette bagagli e documentazione illustrativa varia
  • L’assicurazione per l’ assistenza medica, il rimpatrio sanitario ed il danneggiamento al bagaglio

La quota non comprende

  • Tasse aeroportuali soggette a variazione senza preavviso € 320
  • Supplemento cena di Capodanno (obbligatorio)
  • le bevande, le mance, gli extra di carattere personale, eccedenza bagaglio
  • Le escursioni facoltative e tutto ciò non evidenziato nella voce “la quota comprende”
  • Le tasse per macchine fotografiche o videocamere
  • il visto di ingresso in Giordania (gratuito per soggiorni superiori a 2 giorni)
  • La quota  di iscrizione pari a €95

Wadi rum È uno degli spettacolari scenari desertici del mondo. Lawrence d’Arabia vi trascorse parecchio tempo durante la rivolta araba e molte scene del film omonimo sono state girate qui. Il paesaggio è composto da bizzarre formazioni rocciose che svettano sulla pianura di sabbia, note come jebel. Gli unici residenti della zona sono i circa […]

petra

Amman La capitale della Giordania, con almeno 5000 anni di storia alle spalle, è disseminata di rovine romane, compresa la cittadella e il foro. Il centro di Amman è ai piedi delle colline su cui è distesa la città. Il teatro romano restaurato, a est del centro, è la testimonianza più evidente e suggestiva dell’antica […]

Molte sono le attività che si possono effettuare in territorio giordano, di seguito ne riportiamo alcune: • Immersioni nella costa sud di Aqaba • Escursioni a piedi nei pressi di Petra e del Wadi Rum • Arrampicate • Trekking • Equitazione • Safari • Sky-diving • Micro-light Flying • Paintball • Mongolfiera • Paracadutismo • […]

La Giordania è un paese a rischio sismico, l’ultimo terremoto di particolare entità si è verificato nel 1995 ad Aqaba, con un’intensità di 5 gradi della scala Richter; si tratta di un paese che attraversa una fase costante di tensione, proteste e manifestazioni politiche, si consiglia di tenersi aggiornati tramite i mezzi d’informazione, evitare gli […]

Quando i locali vanno a mangiare fuori, in genere ordinano piatti comuni che condividono: una serie di mezzeh, o stuzzichini, seguiti da altri piatti principali da consumare insieme. Il pane arabo non lievitato, i khobz, si mangia quasi con tutto. I piatti più diffusi sono i falafel, polpettine di ceci fritte in abbondante olio bollente; […]

giordania

Letteratura La letteratura giordana risulta fortemente influenzata dalla vita sociale del deserto e delle campagne, oltre che dalle vicende politiche e dalla cultura araba. La letteratura moderna tratta per la maggiore argomenti inerenti la cronaca medio orientale o le questioni politiche. Musica La musica tradizionale giordana presenta molte influenze arabe. I temi trattati sono le […]

In Giordania non ci sono molte tracce della musica tradizionale araba, ma ovunque si trovano cantanti arabi accompagnati da orchestre che suonano strumenti occidentali accanto a quelli tradizionali. I beduini sono ancora legati alle loro tradizioni musicali: spesso gruppi di uomini che cantano come in stato di trance accompagnano una solitaria danzatrice del ventre. L’architettura […]

L’economia giordana viene sostenuta dal turismo, dall’industria chimica e dall’agricoltura. Quest’ultimo settore, però, soffre dell’elevata aridità dei territori. Il turismo offre diversi tipologie di segmenti, il segmento definibile culturale, attratto dalla bellezza dei resti delle varie aree archeologiche, prima fra tutte Petra, il segmento benessere, interessato alle località termali del Mar Morto, e il segmento […]

La Giordania confina a nord con la Siria, a nord-est con l’Iraq, a est e a sud con l’Arabia Saudita e a ovest con Israele. Si può suddividere in tre zone climatiche ben distinte: la fertile Valle del Giordano che corre lungo la parte occidentale del paese; l’altopiano della Transgiordania, dove si trova la maggior […]


Cerca l'agenzia più vicina a te

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 8 giorni / 7 notti

da € 1.690 - Voli inclusi

Durata: 8 giorni / 7 notti

da € 1.310 - Voli inclusi

Durata: 8 giorni / 7 notti

da € 1.490 - Voli inclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Una vecchia auto trasformata in un piccolo hotel? Tutto vero e si trova in Giordania!

La Giordania vuole incentivare l’agricoltura nel deserto. Qui vi diciamo in che modo!

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su