http://www.goasia.it?p=20296
per informazioni: Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
Tel. 071 2089301 - info@goasia.it

Il Festival di Paro

Il Bhutan, la terra del Dragone Tonante (Druk Yul) è un piccolo regno buddista, quasi nascosto tra le piane della catena dell’Himalaya, racchiuso entro due grandi nazioni come la Cina e l’India. I paesaggi sono incredibili, picchi innevati, foreste incontaminate fanno da sfondo a un vero e proprio viaggio nel passato: più del 70 per cento del territorio del Bhutan è ricoperto da foreste e dal 2008 è stata introdotta una legge che preserva negli anni a venire questo stato naturale per almeno il 60 per cento.

La cultura e le tradizioni del Bhutan hanno origine dal Buddismo, che è la religione principale, ma che qui viene vissuto come una vera e propria pratica filosofica che pervade ogni attività quotidiana: lo sviluppo di questo piccolo Stato si basa infatti sul cosiddetto Indice della Felicità Nazionale, legando quindi lo sviluppo del paese ai valori dell’esistenza, perseguendo quindi come bene primario la felicità degli abitanti e favorendo le attività economiche sostenibili, nel senso più moderno che viene dato a questo termine.

Questo itinerario proposto in occasione del festival di Paro si snoda nel Bhutan Centrale, capace di offrire esperienze uniche e una visione di insieme degli aspetti culturali di questo antico regno, ammirando le diversità di Thimphu, Paro, Punakha con i loro mistici Dzong monasteri ricchi di miti e leggende. E’ prevista la sistemazione in hotel di categoria standard, che possiamo assimilare a una categoria 3 stelle

L’ingresso in Bhutan si effettua dall’India, con voli Druk Air da e per Paro.

I periodi migliori per visitare il Bhutan sono la primavera (da marzo a maggio), con le splendide fioriture di rododendri, e l’autunno (da fine settembre a fine novembre), con i colori cangianti della natura. Un viaggio in Bhutan richiede un buon spirito di adattamento per alcuni lunghi trasferimenti in strade non sempre in buone condizioni per alcune escursioni che richiedono tratti a piedi per raggiungere i monasteri-dzong più remoti. Le guide locali parlano inglese.

1° giorno

ITALIA - DELHI (-/-/-)

Partenza da Venezia con volo di linea Qatar Airways via Doha. Pasti e pernottamento a bordo

2° giorno

DELHI (-/-/D)

Arrivo a Delhi, disbrigo delle formalità d’ingresso e doganali e trasferimento in hotel.
Il primo insediamento nell’aerea di Delhi risale al IX secolo, con la mitica città di Indraprashtra, capitale dei Pandava, gli eroi indù le cui gesta si ritrovano nel poema epico del Mahabharata. Seguì un periodo di feudalesimo con il dominio dei rajaput, aristocratici guerrieri musulmani. Nel corso dei secoli furono costruite sette città che subirono diverse incursioni dai territori circostanti. A partire dal 1526 Humayun e i suoi abili successori estesero l’impero oltre i confini di Delhi, dando luogo ad un tentativo di riunificazione del paese. L’ottava città fu costruita quando l’imperatore Shah Jahan spostò la capitale da Agra a Delhi. A questo periodo risale la costruzione dei principali monumenti della città. Con l’arrivo degli Inglesi Calcutta fu scelta come capitale e solo nel 1911 la capitale fu riportata a Delhi. Il 9 febbraio 1931 il vicerè inglese inaugurò Nuova Delhi su progetto di Sir Edwin Lutyens ed Herbert Baker. La nuova città comprendeva gli edifici del governo, il palazzo sede del Museo Nazionale, due chiese e gran parte delle residenze che fanno parte della zona di rappresentanza. Nel 1947 Delhi è divenuta la capitale dell’India Indipendente.. Inizio delle visite della città con soste alla Jama Masid ( Moschea del venerdi), La Tomba di Humayun , Agrasen ki Baoli ( Pozzo Palazzo ) e passeggiata nella parte vecchia della città. Cena e pernottamento in hotel

3° giorno

DELHI – PARO (-/L/D)

All’alba trasferimento in aeroporto e volo per Paro.
Arrivo a Paro. Dopo le pratiche doganali e il rilascio del visto, incontro con la guida Bhutanese, e trasferimento in hotel e sistemazione nelle camere.
Dopo pranzo,inizio delle visite di Paro, una semplice cittadina, che conta all’incirca 50.000 abitanti. E’ situata al centro della valle del Paro Chhu, ad est del monte Jhomolhari, nella parte centro-occidentale del Bhutan. Paro sembra uscita da una fiaba, tanti sono i colori e le forme che ne caratterizzano gli edifici. Lungo la strada principale, realizzata solo nel 1985, si affacciano sporadici negozi, ristoranti e botteghe in legno dipinte con colori sgargianti, mentre nelle vie circostanti il cemento sta purtroppo prendendo sempre più piede. I negozi più vecchi sono accessibili tramite uno strano e piuttosto inspiegabile sistema di scale, che conduce dall’ingresso principale, situato sul retro, alla vetrina che da sulla strada. Seppur fondata nell’antichità, come testimoniano i molti dzong disseminati per il centro, è negli ultimi anni che Paro ha cominciato ad acquisire una notevole importanza grazie soprattutto alla favorevole collocazione geografica, che ha reso la città il principale polo commerciale del Bhutan, facendo sì che si dotasse di infrastrutture all’avanguardia rispetto al resto del paese. A pochi chilometri dal centro si trova infatti l’unico aeroporto dello stato, che garantisce collegamenti con le maggiori città indiane e del sud-est asiatico.L’attrazione principe di Paro è senza dubbio il Paro Tsechu, organizzato nell’ambito di Paro Dzong.

(La maggior parte dei Cham (Danze reliogiose) vengono eseguite negli Dzong del Bhutan E sono considerati degli Tse Chu, manifestazioni di più giorni in cui si rievocano la vita e gli insegnamenti di Guru Rinpoce, in sanscrito Padmasambhava, universalmente riconosciuto come il fondatore della scuola del buddismo tibetano.
Lo Tsechu può essere compreso come un evento creato dai maestri spirituali per celebrare ed esporre i contenuti degli insegnamenti con la rappresentazione di temi che stimolano un corretto comportamento etico e affermano la capacità di annullare od esorcizzare la negatività che affligge persone ed eventi.
Visita anche dello Dzong di Paro uno dei più imponenti e conosciuti del Bhutan. La costruzione dell’edificio risale al 1644, quando lo Zhabdrung Ngawang Namgyal ordinò la costruzione dello dzong sulle fondamenta di un antico monastero eretto da Guru Rinpoche. In quanto adibito a fortezza il complesso fu realizzato in grandi proporzioni, così da poter resistere ad eventuali assedi; le sue mura mastodontiche dominano la città e sono riconoscibili da ogni punto della vallata. Qui, nel 1993, Bernardo Bertolucci girò alcune scene del film Piccolo Buddha.Al termine rientro in hotel e pernottamento.

4° giorno

PARO ( B/L/D)

Trattamento di Pensione completa e Pernottamento in hotel.
Al mattino presto sveglia verso le 03.30 per assistere alla cerimonia del Thongdrol, l’esposizione di una tanka gigantesco [un dipinto eseguito su tessuto] a cui vengono attribuiti particolari poteri Il nome stesso fa intuire l’importanza di questa fase dello Tse Chu: Thong significa guardare e Drol liberazione, ovvero, ottenimento della liberazione semplicemente guardando l’oggetto. Il Thongdrol viene esposto all’alba e arrotolato prima che venga colto dai raggi del sole; i monaci eseguono delle cerimonie di purificazione e la gente si avvicina al Thongdrol cercando di toccarne il tessuto con il capo – in segno di buon auspicio!
Rientro in hotel per la prima colazione. Nel pomeriggio inizio alla visita di Paro. Centro di una verdissima vallata e’ un armonioso insieme di risaie, radure con salici piangenti e casette in legno. Lontano, a nord, tra le montagne boscose, il Chomolhari risplende di nevi perenni e le acque che discendono dai ghiacciai formano una miriade di limpidi torrenti che vanno a formare il Paro Chu, fiume principale della valle. Una fortezza, il Rimpung Dzong, nato come monastero e trasformato in seguito in roccaforte per respingere le invasioni dal Tibet, domina la valle. Successivamente ,visita del Monastero di Kyichu, Uno dei monasteri più antichi del paese, visitato anche da Padmasambava nel suo viaggio verso il Tibet, a qualche chilometro da Paro. Appartiene alle setta dei Nyingma Pa. La parte vecchia è accanto a quella nuova, una delle tante continue ricostruzioni. All'interno una serie straordinaria di statue e dipinti antichi, tra cui un magnifico Avalokiteshvara, il Buddha dalle mille braccia che spicca tra le tante altre. Al termine delle visite rientro in hotel e pernottamento.

5° giorno

PARO - THIMPU ( B/L/D)

Trattamento di Pensione completa e Pernottamento in hotel.
Al mattino Partenza con automezzo privato alla volta di Thimpu la capitale del Bhutan (circa 55 Km , un’ora di viaggio), bellissima vallata piena di boschi, adagiata su una collina sulla sponda del Thimphu Chhu. È l'unica capitale al mondo senza semafori. Molti anni fa ne era stato installato uno, ma gli abitanti si lamentarono della mera utilità e così fu tolto nel giro di pochi giorni. Nonostante il recente sviluppo, Thimphu conserva il suo fascino ed è piena di facciate colorate e decorate in maniera elaborata che conferiscono alla città un'affascinante atmosfera medievale. All’arrivo sistemazione in hotel. Pomeriggio si visita del National Memorial Chorten, lo stupa costruito nel 1974 e dedicato al re Jigme Dorji Wangchuck, uno degli edifici religiosi più importanti della città. In seguito si visitano una Painting School ( l’Istituto Nazionale di Zorig Chumsum ), dove si possono vedere i tipici prodotti artigianali locali e successivamente visita del grandioso Trashi Chhoe Dzong, dove sono situate la casa dei Ministri, la sala dell’Assemblea Nazionale, la sala del trono del re e la sede estiva dell’Abate del Bhutan, capo dei monaci bhutanesi. Rientro in Hotel e Pernottamento.

6° giorno

THIMPU - PUNAKHA ( B/L/D)

Trattamento di Pensione completa e Pernottamento in hotel.
Successivamente partenza per Punakha (80 Km cirrca 5 ore), attraversando lo splendido scenario naturale del passo di Dochu La, situato a 3140 metri, da dove, tempo permettendo, è possibile godere una bella vista sull’Himalaya orientale. Lì, in una foresta lussureggiante in cui spiccano rododendri, ontani, cipressi, cicute, abeti, dafne migliaia di bandiere di preghiera colorate circondano 108 Chorten costruiti per commemorare le recenti battaglie svoltesi ai confini con l’Assam; qui si trovano anche tanti piccoli Tsa Tsa che contengono le ceneri dei defunti, posti in gran numero attorno al Chorten più antico. La discesa tra scenari grandiosi porta alla valle di Punakha, una delle più belle valli del paese situata ad un’altitudine di 1250 m con rododendri, cactus, aranci, bambù, magnolie e risaie e dove si trova lo Dzong più bello e storicamente più importante del paese, meravigliosa sede invernale di Je Khempo, Abate del Bhutan.
Prima dell’arrivo in hotel, transitando per un caratteristico villaggio, ci si reca al tempio della fertilità di Chimi Lhakhang, posto in cima ad una panoramica collina che sovrasta il fiume, a metà strada tra Punakha e Wangdi. Questo tempio fu fondato dal grande Lama Kunley, “l’illuminato pazzo” il cui emblema fallico adorna l’ingresso di molte case rurali. Qui si recano le coppie sterili che con fiducia chiedono la grazia di avere figli. Terminata la visita e si prosegue per Punakha e all’arrivo, inizio la visita del Punakha Dzong , il secondo più antico del Bhutan, costruito nel 1637-38 e che comprende vari templi, tra cui il Machey Lhakhang. Al termine delle visite, trasferimento in hotel e Sistemazione nelle camere. Pernottamento.

7° giorno

PHUNAKA - TRONGSA - BHUMTANG ( B/L/D)

Trattamento di Pensione completa e Pernottamento in hotel.
Prima colazione e partenza per Bhumtang (210 Km circa 7 ore) . Si prosegue lungo la valle Sha fino ad arrivare in una delle più belle valli del paese: il Gangtey. La strada sale pian piano tra foreste rigogliose ricche di giganteschi rododendri verso il passo Pele; nei pressi del valico una deviazione porta alla valle di Phobjikha. Nella natura estasiante qui trovano rifugio le rarissime gru dal collo nero. Il viaggio si prosegue verso il Pele La ( 3420 m. ) attraverso le montagne nere che suddividono il Bhutan in due parti: il Bhutan occidentale e il Bhutan orientale. Passato il ponte Nikka Chu si entra nel territorio di Trongsa, si transita per il Chendebji Chorten. Si prosegue poi per Trongsa ( 2180 m ), il paese da cui proviene la famiglia reale. Esso è dominato da un imponente Dzong, sede della famiglia reale. Sosta in un punto panoramico per vedere l’imponente Dzong dalla parte opposta della vallata. Prosecuzione del viaggio per Bumthang, nome dato ad un complesso di 4 valli: Chunmey, Choskhor, Tang e Ura. Superato lo Yotong La ( 3425 m. ), si attraversano selve di abeti che lasciano il posto a pini, bambù e coltivazioni di grano saraceno,orzo e patate man mano che si scende nella valle di Chunmey. In serata si raggiunge Bumthang ( 2580 m. ) nella valle di Choskhor. Sistemazione in hotel e Pernottamento in hotel.

8° giorno

BHUMTANG ( B/L/D)

Trattamento di Pensione completa e Pernottamento in hotel.
La giornata è dedicata alla visita della città: lo Jakar Dzong, il più grande del Bhutan, edificato nel 1667; il Pema Sambhava Lhakhang, costruito nel 1490 da Pema Lingpa sul luogo di meditazione di Guru Rinpoche; il Tamshing Goemba, fondato nel 1501 da Pema Lingpa e retto dalla sua attuale reincarnazione, è il più importante centro Nyingmapa del paese e rivela affreschi del 1501 storicamente importanti e ben conservati. Si prosegue con la visita al complesso di Kurjey, considerato uno dei siti più sacri del Bhutan, fondato nel 1652 sul luogo intriso di leggende dove Guru Rinpoche aveva lasciato impressa su una roccia l’impronta del proprio corpo (ku significa roccia; jey corpo).Si visitano poi il Konchogsum Lhakhang (tempio dei tre Buddha) che risale al VI o VII sec. ed è famoso per la sua campana i cui rintocchi pare si sentissero fino a Lhasa; il Jampa Lhakhang, costruito nel 659 dal re tibetano Songtsen Gampo, In serata rientro in hotel per il pernottamento.

9° giorno

BHUMTANG - PARO ( B/L/D)

Trattamento di Pensione completa e Pernottamento in hotel.
In tempo utile trasferimento all’aeroporto di Paro e viaggio aereo per Paro.
All’arrivo a Paro trasferimento in hotel.
Successivamente, visita di Ta Dzong, dove si visita il museo Nazionale che conserva una vasta collezione di costumi, tessuti nazionali, pitture su stoffa ,thangka, argenteria, stampe, armature. In serata rientro in hotel, cena e pernottamento.

10° giorno

PARO ( B/L/D)

Trattamento di Pensione completa e pernottamento in hotel.
Dopo la prima colazione si visita il Taktshang Goemba, il "nido della tigre", sicuramente il luogo di ritiro più celebre del Bhutan, sospeso tra le rocce sopra la valle. Per facilitare la salita (c.a. 2 ore e mezza in tutto è possibile noleggiare un pony oppure un mulo ( il costo è di circa 12 usd) ; sul percorso si giunge fino a d un rifugio da cui si gode una vista stupenda. Si continua con il cammino verso monastero costruito nel XIV secolo, intorno alla grotta dove Guru Rinpoche, giuntovi in groppa ad una tigre, meditò per 3 mesi nell’VIII sec. d. C; Dopo la visita , si rientra a Paro.
Pomeriggio libero per il relax o attività Individuali. cena e pernottamento.

11° giorno

PARO – DELHI ( B/-/D)

Prima colazione in hotel. In tempo utile e trasferimento all’aeroporto e viaggio aereo per Delhi.
All’arrivo a Delhi e trasferimento in hotel. Resto della giornata libera. Cena in hotel e trasferimento in aeroporto

12° giorno

DELHI - ITALIA (-/-/-)

Imbarco su volo di rientro Qatar Airways per l’Italia via Doha

Quote per persona, a partire da:

PartenzaDoppiaSupplemento singola
Dal 28 marzo 2018 al 8 aprile 2018€ 4.400€ 650

Note

(B/L/D): B = colazione; L = pranzo; D = Cena

 

Voli proposti

QR 126  28MAR  VCEDOH 1830 0100+1

QR 570  29MAR  DOHDEL 0245 0845

QR 579  08APR  DELDOH  0330 0510

QR 125  08APR   DOHVCE  0740 1250

 

HOTEL PROPOSTI

  • Delhi     The Pride Plaza  ( Aerocity)
  • Paro      Tashi Namgay Resort o similar
  • Thimpu Hotel Thimpu Tower o Similare
  • Punakha Meri Puensum o similar
  • Bhumtang  Hotel Peling o similar
  • Paro      Tashi Namgay Resort
  • Delhi     The Pride Plaza  ( Aerocity)
  • o similari

Durante i festival e in base alle condizioni atmosferiche le visite potrebbero subire delle modifiche. I voli per il Bhutan potrebbero subire variazioni di operativo aereo. In base all’operativo aereo potrebbe rendersi necessario un pernottamento supplementare.

Il check in negli alberghi è solitamente alle ore 14.00 il check out alle ore 12.00

Per accedere ad alcuni templi  viene richiesto di togliere scarpe e calze.

Nelle sale interne degli dzong non si puo’ fotografare, e’ possibile scattare le foto solo all’esterno e nei cortili.  Solitamente si visitano solo una o due sale

Le mance non sono obbligatorie ma sono consigliate  a autisti e guide.

Il Bhutan ha aperto le porte al turismo solo dal 1983 nell’ambito del programma di apertura graduale al mondo esterno intrapreso dal re, quindi lo standard dei servizi, seppur di livello discreto, non è certamente pari a quello dei paesi dalla tradizione turistica più consolidata.

Il numero dei turisti è volutamente limitato dal governo, sia applicando  un elevato livello di prezzi, sia per la difficoltà di raggiungere il paese. Questa politica ha fatto sì che  il ricco patrimonio culturale e ambientale del Paese è rimasto intatto.

 

VISTI: Per partecipare a questo viaggio occorrono il visto di ingresso per Bhutan.

Visto Bhutan: necessario il passaporto, che deve essere valido 6 mesi ed avere almeno 2 pagine libere. Dati del passaporto e fotocopia da inviare al momento della conferma, il visto viene rilasciato solo previo pagamento di tutti i servizi al Ministero del Turismo in Bhutan almeno 1 mese prima della partenza. Il visto verrà applicato sul passaporto all’arrivo in Bhutan, necessarie 2 foto-tessera, il passaporto: il costo del visto è incluso nella quota di partecipazione

Per partecipare a questo viaggio occorre il visto indiano il passaporto con validità residua di 6  mesi dalla  data  d’ingresso in India  con almeno 2 pagine libere. Entro trenta  giorni dalla  data  di partenza  occorre inviarci  la copia scansionata  del passaporto,  di una  fototessera formato 5 x 5 e  di un formulario debitamente compilato. Durante il viaggio, il passeggero dovrà portare con sè, una copia dell’ autorizzazione elettronica di viaggio (ETA) ed il biglietto aereo.

 

Tassi di cambio di riferimento per le valute

Valuta: Dollaro Americano (USD) – Cambio: 1,15

Variazioni dei cambi con oscillazioni maggiori del 3% comporteranno un adeguamento dei costi e verranno comunicati entro i 20 giorni dalla partenza.


La quota comprende

  • Volo intercontinentale Qatar Airways dall’ Italia in classe  economica
  • Voli Delhi – Paro – Delhi in classe economica
  • Voli domestici in Bhutan (Bhumtang – Paro)
  • Sistemazione in hotel assimilabili alla categoria 4*, non paragonabili allo standard occidentale.
  • Trattamento indicato nel programma (mezza pensione a  Delhi, pensione  completa in Bhutan)
  • Trasferimenti e visite con bus privato come indicato nel programma. Ingressi ai siti menzionati.
  • Guida locale indiana  parlante  italiano che  accompagna  durante  l’intero viaggio, guida  parlante  inglese  in Bhutan
  • Costo del visto di ingresso in Bhutan e tassa per lo sviluppo turistico del paese: soggetti a cambiamento senza preavviso da parte delle autorità locali.
  • Gadgets, etichette bagagli e documentazione illustrativa varia
  • L’assicurazione per l’ assistenza medica, il rimpatrio sanitario ed il danneggiamento al bagaglio
  • Polizza viaggi rischio zero

La quota non comprende

  • Eventuali tasse aeroportuali locali da pagare localmente
  • Visto India
  • Alcuni pasti, le bevande extra rispetto a quelle menzionate alla precedente voce, alcolici, le mance, gli extra di carattere personale, eccedenza bagaglio, eventuali tassi per l’uso di macchine fotografiche e/o videocamere durante le visite.
  • Le escursioni facoltative e tutto ciò non evidenziato nella voce “la quota comprende”
  • Visto India € 90
  • Quota d’iscrizione € 50

Cerca l'agenzia più vicina a te

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 10 giorni / 8 notti

da € 5.200 - Voli esclusi

Durata: 13 giorni / 12 notti

da € 2.040 - Voli inclusi

Durata: 13 giorni / 11 notti

da € 2.390 - Voli inclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Lo Sri Lanka è una Repubblica Presidenziale, in cui il Presidente, eletto dai cittadini, è il capo dello stato, il capo del governo e il comandante delle forze armate, oltre a nominare e dirigere il consiglio dei ministri. Il vicepresidente ricopre la carica di primo ministro e guida il partito di maggioranza. Il parlamento, di […]

  I mongoli sono gente ospitale, tranquilla e tollerante; amano i grandi silenzi della steppa e i comportamenti decorosi, ispirati a un’educazione severa e a una profonda spiritualità, che li ha temprati a superare ogni ostacolo e ogni difficoltà. Lo stile di vita nomade li ha abituati ad usufruire dell’essenziale e ad adattarsi ai ritmi […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su