http://www.goasia.it?p=8118
per informazioni: Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
Tel. 071 2089301 - info@goasia.it

Meraviglie della Mongolia

Viaggio di 13 giorni per scoprire le meraviglie naturali della Mongolia, paese di spazi infiniti tra la Siberia ed il Gobi, conosciuta anche come “Alta Asia” poiché la maggior parte della regione è posta sopra i 1.500 m. Altopiani stepposi e montagne, più o meno elevate, caratterizzano l’intero paese. Una natura ancora incontaminata, una grande varietà di fauna selvatica, allevamenti di cavalli, yak, cammelli ed altri animali tipici sono il tratto distintivo del paese.

Il fulcro dell’itinerario è la capitale Ulaanbaatar, città con più di un milione di abitanti  ed unica grande metropoli del paese: da qui si parte per ammirare le spettacolari Montagne Fiammeggianti di Bayanzag, la Valle delle Aquile, raggiungere quindi l’antica Karakorum e visitarne i resti e l’incredibile Monastero di Erdene Zuu, per poi attraversare il Parco Hustaii Nuuru, habitat naturale dei cavalli Takhi Prewalsky, raggiungere il Lago Khovsgol, con i magnifici panorami montani e lo schivo popoli delle renne ed infine ritrovarsi nel Parco Nazionale del Terelj. Durante il viaggio si avrà la possibilità di conoscere le usanze delle popolazioni nomadi. Sistemazione in hotel 4 stelle a Ulaanbaatar e in campi tendati nelle tipiche ger nelle altre località

La Mongolia è soprattutto natura. Il viaggio richiede un ottimo spirito di adattamento per i lunghi trasferimenti su strade sconnesse e piste sterrate e per le sistemazioni modeste. Nelle Ger, le tipiche tende mongole con due letti, i servizi sono esterni, in una tenda comune, stile campeggio. Lo standard delle guide in Mongolia è inferiore allo standard internazionale.

 

Partenze individuali

1° giorno

MILANO – ULAAN BAATAR

Partenza da Milano per Ulanbaatar in mattinata con volo di linea Aeroflot via Mosca o Turkish Airlines via Istanbul, o altro vettore IATA con diverso istradamento. Pernottamento a bordo.

2° giorno

ULAAN BAATAR(-/L/D)

Arrivo a Ulaanbaatar e disbrigo delle formalità doganali. Incontro con la guida locale e trasferimento all’ Hotel Bayangol 4* o similare. Inizio delle visite di Ulaanbaatar, capitale della Mongolia ed unica grande metropoli del paese: a partire dall’anno 2000 la città si è ingrandita vertiginosamente e oggi almeno la metà della popolazione della Mongolia abita qui. Ulaan Baatar è una città internazionale, vivace, dove il passato millenario ed il futuro, sempre più vicino, si incontrano. Visita del Monastero Buddista di Gandantegchenling, del 1838, il più grande della Mongolia, all’interno sorgono splendidi templi, fra cui il Migjed Janraisig del 1911, che ospita la statua della Bodhisattva della compassione, rivestita d’oro e alta 26 m; del Museo di Storia Naturale, con gli scheletri di dinosauro di eccezionale valore scientifico rinvenuti nel Deserto del Gobi e della grande Piazza Sukhbaatar, intitolata all’“eroe della rivoluzione” del 1921 che dichiarò l’indipendenza dalla Cina, un incredibile miscuglio di edifici di diversi stili, nel cuore della capitale. Pranzo in ristorante locale. Cena in un ristorante con cucina tradizionale mongola. Pernottamento.
Nota:in base alla compagnia aerea scelta l’orario di arrivo ad Ulaanbaatar potrebbe variare, le visite di questa giornata potrebbero essere distribuite nei giorni successivi.

3° giorno

ULAAN BAATAR– DESERTO DEI GOBI: BAYANZAG, Km. 150 (B/L/D)

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e partenza per il Deserto dei Gobi. Arrivo dopo circa un’ora e 30 e partenza per la valle Havsgait, ove si ammirano antichi petroglifi. Proseguimento per Bayanzag, chiamata anche “Rupi Fiammeggianti” dall’esploratore americano Roy Chapman Andrews nel 1922, è una zona del Deserto dei Gobi in cui la particolare conformazione geologica delle rocce, ricca di canyon, e la colorazione rossastra delle pietre rendono l’atmosfera molto suggestiva, soprattutto al tramonto. Qui sono avvenuti moltissimi ritrovamenti di fossili di dinosauro (Tarbosauri, Gallimimi, Protoceratopi, Adrosauri). Incontro con una famiglia di allevatori per conoscere gli usi e i costumi della popolazione nomade. Pranzo in corso di escursione. Trasferimento al campo tendato: cena e pernottamento nelle tipiche ger.

4° giorno

DESERTO DEI GOBI: VALLE DI YOL, Km. 100 (B/L/D)

Prima colazione. Partenza alla volta della Valle di Yol, o valle delle Aquile, sostando lungo il tragitto per ammirare le dune di sabbia di Moltsog Els. Arrivo nella valle, sistemazione e pranzo al campo. Nel pomeriggio visita del piccolo museo locale e escursione alla scoperta della valle: una gola stretta e rocciosa a circa 2.500 metri di altitudini, in cui si trovano ghiacciai perenni ed affascinanti canyon. Vi si possono osservare una grande varietà di piante e di animali, in particolar modo aquile, falchi e grifoni. Rientro al campo per la cena e il pernottamento nelle tipiche ger.

5° giorno

DESERTO DEI GOBI – ULAAN BAATAR (B/L/D)

Prima colazione. Al mattino trasferimento in aeroporto (45 km) e volo di ritorno a Ulaan Baatar. Trasferimento in ristorante per il pranzo. Nel pomeriggio visita del Museo Chojin Lama Luvsankhaidub, situato nel cento di Ulaanbaatar, bellissimo esempio di architettura buddista; al suo interno si ammirano collezioni di costumi, testi sacri, sculture, dipinti, oggetti artistici e religiosi. Al termine trasferimento in hotel: sistemazione, cena e pernottamento.

6° giorno

ULAAN BAATAR – KARAKORUM, km. 400 (B/L/D)

Prima colazione. Al mattino partenza per Karakorum, antica capitale della Mongolia fondata da Gengis Khan nel 1220. In corso di viaggio visita alle dune di sabbia delle Elsen Tasarkhai– Mongol Els, che copronoun’area di 2.800 kmq, e si trovano a sud dei monti Khogno Khan: un paesaggio caratterizzato da ruscelli, salici e cespugli. Nella stessa valle si visita il Monastero Ovgon. Pranzo al sacco in corso di escursione. Visita ad un allevamento di cavalli ove sarà possibile assistere alla preparazione del “airag” la tipica bevanda locale a base di latte fermentato. Proseguimento per Karakorum: sistemazione al campo in ger, cena e pernottamento.

7° giorno

KARAKORUM – HUSTAII NUURU – ULAAN BAATAR, KM. 400 (B/L/D)

Prima colazione. Al mattino visita al Monastero Erdene Zuu, la cui costruzione iniziò nel 1586 utilizzando le rovine di Karakorum, circondato da alte mura, aveva anche funzione di fortezza. E’ il più antico monastero del paese ed anche il primo monastero Buddista in Mongolia. Il tempio ha una preziosa collezione di opere d’arte, con lavori di importanti artisti del Buddismo. A seguire si ammirano le rovine simboliche di Karakorum (oggi ben poco è rimasto) con le grandi Tartarughe di granito, simbolo di eternità, che indicavano l’ingresso ai vari palazzi della capitale e avevano la funzione di proteggere la città. Rientro al campo per il pranzo. Nel pomeriggio partenza per Ulaan Baatar visitando il Parco Nazionale dei Hustaii Nuuru, che con il suo ambiente di steppa alberata è l’habitat del cavallo selvatico della Mongolia, i Takhi Prewalsky, progenitori di tutti i cavalli, e di altri animali come i gatti manul e i cervi selvatici. Arrivo in tarda serata nella capitale: cena e pernottamento in hotel.

8° giorno

ULAAN BAATAR – MARUN – LAGO KHOVSGOL (B/L/D)

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e volo per Marun, la capitale della provincia di Khovsgol. All’arrivo trasferimento al campo tendato nei pressi del Lago Khovsgol (km. 130): sistemazione e pranzo. Il Lago Khovsgol, il più grande lago della Mongolia, che conserva il 2% delle riserve di acqua dolce mondiale e copre una superficie di circa 2.760 kmq. Lungo 134 km, largo 39 km e profondo 262 m, è alimentato da 90 fiumi con un solo emissario che confluisce nel fiume Selenge Gol per finire nel Lago Baikal. Le sue acque sono ricche di pesci e lungo le sue sponde vivono stambecchi, orsi, alci e numerose specie di uccelli. E’ incorniciato da alte montagne (3000 m) ricoperte di foreste di pini, pioppi, betulle, che rendono magnifico il paesaggio. Per proteggere il lago e la natura circostante, nel 1992 è stato creato il Parco Nazionale Khovsgol Nuur. Pomeriggio dedicato ad una prima esplorazione della regione a piedi, a cavallo o sugli yak, con possibilità di effettuare una piccola crociera fino all’isola Hadan Huu al centro del lago. Cena e pernottamento al campo.

9° giorno

LAGO KHOVSGOL (B/L/D)

Pensione completa. Intera giornata dedicata ad escursioni nell’area del Lago Khovsgol e per visitare le famiglie degli Tsaatan, conosciuti in occidente come gli uomini o il popolo delle renne poiché vivono in simbiosi con questi animali, che considerano sacri, che allevano e da cui traggono il loro sostentamento. Oltre all'allevamento delle renne, sono dediti alla pesca. Praticano antichi culti sciamanici che si sono riscontrati anche in alcune zone della Siberia, della Groenlandia e del Canada. Le tribù sono nomadi e si spostano in base alle stagioni, vivono in luoghi quasi inaccessibili, raggiungibili solo percorrendo lunghe distanze. Pernottamento presso il campo tendato.

10° giorno

LAGO KHOVSGOL – MARUN – ULAAN BAATAR (B/L/D)

Sveglia presto al mattino. Dopo la prima colazione trasferimento all’aeroporto di Marun (km. 130) e volo per Ulaan Baatar. All’arrivo proseguimento per il Monastero Manzushir (km. 80), la cui fondazione originale risale al 1773; fu distrutto nel 1937 e recentemente è stato restaurato; interessane al visita al museo del monastero che ospita maschere religiose, fotografie d’epoca e sculture realizzate con tibie umane. Al termine rientro ad Ulaan Baatar: sistemaizione in hotel, cena e pernottamento.

11° giorno

ULAAN BAATAR – PARCO NAZIONALE TERELJ (B/L/D)

Prima colazione. Partenza alla volta del Parco Nazionale Terelj, situato a circa 60 km a nord est della capitale, molto popolare per la bellezza del paesaggio e stazione sciistica invernale. L’aerea è stata dichiarata Parco Nazionale nel 1993. Durante il tragitto sosta per ammirare una formazione rocciosa dalla forma di tartaruga, animale dal significato simbolico, e visita al Monastero Aryabal, impreziosito da coloratissime strutture in legno intagliato. Pranzo presso un campo turistico. Nel pomeriggio visita ad una famiglia di allevatore di cavalli. Cena e pernottamento in ger presso il campo turistico.

12° giorno

PARCO NAZIONALE TERELJ – ULAAN BAATAR (B/L/D)

Pensione completa. Partenza al mattino per Ulaan Baatar: lungo il tragitta sosta a Tsonjin Boldog ove si visita l’impressionante complesso statuario equestre eretto in onore di Gengis Khan. L’imponente statua mostra il condottiero con una frusta d’oro nella mano destra e lo sguardo oltre l’orizzonte a contemplare il suo impero. La statua poggia su 36 colonne che rappresentano i 36 Khanati monogli. All’arrivo ad Ulaan Baatar visita del Museo di Belle Arti Zanabazar, che ospita una splendida collezione di dipinti, incisioni e sculture, tra cui opere dello stesso Zanabazar (1635-1723), monaco buddista e scultore, riconosciuto nel 1640 dal Dalai Lama e dal Panchen Lama come Buddha vivente. In serata cena di arrivederci con spettacolo folkloristico. Pernottamento in hotel.

13° giorno

ULANBAATAR – MILANO (-/-/-)

Al mattino trasferimento in aeroporto e partenza per Milano con volo di linea Aeroflot via Mosca o con altro vettore IATA con diverso istradamento.

Quote per persona, a partire da:

PartenzaDoppiaSupplemento singola
Dal 1 gennaio 2018 al 31 dicembre 2018€ 3.590€ 340

Note

(B/L/D): B = colazione; L = pranzo; D = Cena

In base alla compagnia aerea scelta l’orario di arrivo ad Ulaanbaatar potrebbe variare e di conseguenza le visite potrebbero subire cambiamenti.

Per partecipare a questo viaggio occorre il visto mongolo necessario il passaporto, che deve essere valido 6 mesi ed avere almeno 2 pagine libere. Per l’ottenimento del visto occorre inviarci entro 20 giorni dalla partenza 2 fotografie a colori formato tessera recente ed il modulo che vi invieremo compilato in tutte le parti dal titolare del passaporto.
Visto individuale Mongolia € 80

Tasse su biglietto Aeroflot a partire da € 329

 

Tasso di cambio € 1,00 = USD 1,22
Variazioni dei cambi con oscillazioni maggiori del 3% comporteranno un adeguamento dei costi e verranno comunicati entro i 20 giorni dalla partenza.

BLOCCO VALUTA: E’possibile bloccare definitivamente il costo dei servizi a terra che non sarà più soggetto a oscillazioni valutarie con un supplemento di € 50 a pratica. La richiesta dovrà avvenire contestualmente alla conferma.

 


La quota comprende

  • Voli intercontinentali  Aeroflot via Mosca in classe economica, o altro vettore IATA con diverso istradamento: tariffa soggetta a riconferma secondo effettiva disponibilità.
  • Voli domestici in Mongolia come da programma in classe economica a tariffa speciale soggetta a  riconferma secondo effettiva disponibilità.
  • Sistemazione ad Ulaan Baatar negli hotel menzionati o se non disponibili altri della stessa categoria su base camera doppia standard (Nota: lo standard degli hotel in Mongolia è inferiore allo standard internazionale)
  • Campi tendati fissi con sistemazione in ger base doppia, con servizi esterni; i migliori esistenti
  • Trattamento indicato nel programma
  • Trasferimenti e visite come indicato nel programma, in autobus, minibus o jeep moderne giapponesi con autista (secondo il numero dei partecipanti).
  • Ingressi  e visite come da itinerario
  • Guide locali e assistenti locali parlanti inglese, italiano se disponibili (Nota: lo standard delle guide in Mongolia è inferiore allo standard internazionale, le guide parlanti Italiano sono generalmente degli studenti e non delle vere e proprie guide professioniste)
  • Acqua minerale durante il Tour
  • Gagdets, etichette bagaglio e documentazione illustrativa varia
  • L’assicurazione per l’ assistenza medica, il rimpatrio sanitario ed il danneggiamento al bagaglio.
  • La polizza Viaggi rischio Zero.

 

La quota non comprende

  • Le tasse aeroportuali inseribili nel biglietto intercontinentale
  • Costo del visto individuale per la Mongolia
  • Eventuali tasse aeroportuali locali da pagare localmente
  • Le bevande (alcoliche, analcoliche, caffè), le escursioni facoltative, eccedenza bagaglio, le mance
  • Gli extra di carattere personale e tutto ciò non evidenziato nella voce “la quota comprende”
  • Quota di iscrizione di € 95

Gli scavi archeologici effettuati nel Gobi e in altre regioni della Mongolia hanno portato alla luce alcuni resti umani risalenti a circa 500.000 anni fa. La Mongolia fu infatti popolata fin dall’antichità da popolazioni nomadi che vivevano di allevamento ed agricoltura e che in più di un’occasione, organizzate in potenti federazioni politiche, invasero la Cina. […]

mongolia

Il clima è continentale e freddo. Gli inverni, che durano da ottobre a marzo, sono molto rigidi (mediamente a – 20/25 gradi, con punte a -40/45 gradi). Sono pertanto da evitare viaggi in particolare nei mesi da dicembre a marzo. Da giugno ad agosto si ha il periodo più caldo con temperature che possono raggiungere […]

Questo immenso paese di 1.566.500 kmq, pur essendo molto esteso è il territorio asiatico meno densamente popolato, con appena 2,5 milioni di abitanti e una densità di 1,4 abitanti per km quadrato, che si riduce a meno di 0,5 persone per kmq in alcune regioni (aimag). L’altitudine media è di 1580 metri, per cui è […]

Popolazione: La Mongolia è un territorio molto vasto: circa 5  volte l’Italia ed ha una popolazione di circa 2 milioni e mezzo di abitanti di cui 900.000 sono ancora pastori nomadi che si spostano con le loro carovane di cammelli almeno 15 volte l’anno, in cerca di nuovi pascoli o di acqua per il proprio bestiame. […]

Fino a metà del XX secolo, l’economia mongola si basava sullo yak, pecore, cammelli o l’artigianato dei monaci. L’allevamento del bestiame (equini, ovini, bovini e cammelli) è sicuramente la fonte di ricchezza più rilevante, mentre l’agricoltura è abbastanza recente. In seguito, si sono sviluppate anche le prime fabbriche per la lavorazione della lana e del […]

Sul modello di una nazione socialista, la Mongolia aveva modellato il sistema politico ed economico su quello dell’URSS. Per diversi decenni il Partito Rivoluzionario Popolare governò, a stretto contatto con l’Unione Sovietica. Alla fine degli anni ’80, con lo scioglimento dell’URSS, ebbe luogo una transizione a livello di struttura governativa e istituzioni politiche. Dalle elezioni […]

  I mongoli sono gente ospitale, tranquilla e tollerante; amano i grandi silenzi della steppa e i comportamenti decorosi, ispirati a un’educazione severa e a una profonda spiritualità, che li ha temprati a superare ogni ostacolo e ogni difficoltà. Lo stile di vita nomade li ha abituati ad usufruire dell’essenziale e ad adattarsi ai ritmi […]

In primo luogo, è importante sapere che in queste terre vi sono dei cibi sacri, considerati tsagaan, alimenti “bianchi”, come il latte di capra, di mucca, di yak, di cammella, lo yogurt, il latte di giumenta fermentato (airag) e i liquori di latte (archì). La cucina mongola è a base di carne e latte, elementi […]

mongolia

Tre sono le principali discipline dei mongoli: lotta, tiro con l’arco e corsa dei cavalli. Le gare si svolgono senza compromessi, secondo le leggi ancestrali della steppa. Per questo da qui non usciranno mai campioni del mondo o allori olimpici. La vera Olimpiade per i mongoli si chiama Naadam, due giorni di gare e di […]

mongolia

Libri: A.A.V.V., Mongolia. Nelle steppe di Cinghis Khaan, 1992 Adravanti F., Gengiz-Khan Primo Imperatore del “Mirabile Dominium; Milano 1984. Audisio E., Tutti i cerchi del mondo, Milano 2004. Barzini L. jr, Evasione in Mongolia, Torino 1997. Colleoni A., Mongolian shamanism, C.N.R.-M.A.S. Costantinides F., Sciamanismo mongolo, C.N.R.-M.A.S., Trieste 2006 De Toffol D.-Bellatalla D., Sciamanesimo e sacro […]

Ambasciata d’Italia – PECHINO: San Li Tun, 2 – Dong Er Jie, Beijing 100600 Tel:  (00 86 10) 6532 2131/2/3; Fax: (00 86 10) 6532 4676; Cellulare funzionario di turno (attivo per emergenze in orario di chiusura degli Uffici): (0086) 13901032957 – nei fine settimana e giorni festivi h 08:00-20:00 (0086) 13520652007 – tutti i […]

mongolia

Il tasso di criminalità a Ulaan Baatar è in aumento: mercati, i magazzini di stato ed i luoghi frequentati dai turisti sono meta abituale di scippatori e di piccoli delinquenti. Sono stati segnalati recentemente alcuni episodi di natura più violenta contro gli stranieri. Zone a rischio Si consiglia vivamente di evitare uscite isolate nelle ore […]

La rete viaria interna al Paese non e’ molto sviluppata. La Mongolia conta circa 1.800 Km di ferrovie e meno di 2000 Km di strade asfaltate. La sola linea ferroviaria che attraversa la Mongolia dal nord al sud permette di giungere a Irkustsk in Siberia, o a Pechino in Cina. Ci sono 3 biforcazioni, l’una […]

Gher: Lo stile di vita mongolo è nomadico e profondamente legato a quello degli animali. Nei territori sconfinati e disabitati del Paese, quando all’orizzonte si intravede qualcosa, si tratta quasi sempre di una gher, la tipica tenda mongola di feltro bianco e a pianta circolare, facilmente trasportabile. Pur essendo improntato a un modo di vita […]

mongolia

Quando si parla di festività in Mongolia, la prima parola che si sente pronunciare è Naadam. Essa infatti, da tremila anni, è considerata la festa nazionale più importante del Paese, da otto secoli è la rievocazione delle gesta di Gengis Khan, orgoglio inossidabile della Mongolia, e dal 1921 costituisce anche l’anniversario della rivoluzione mongola. Durante […]

mongolia

Ulaanbaatar Ulaanbaatar, capitale della Mongolia e con più di un milione di abitanti (raccoglie infatti più della metà della popolazione) ed unica grande metropoli del Paese, è fondata lungo le sponde del fiume Tuul ed è circondata da deliziose montagne, tra le quali celebri sono i 4 monti sacri. Nata nel XVI secolo inizialmente come […]


Cerca l'agenzia più vicina a te

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 15 giorni / 13 notti

da € 2.980 - Voli inclusi

Durata: 8 giorni / 7 notti

da € 1.310 - Voli inclusi

Durata: 16 giorni / 15 notti

da € 2.540 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Popolazione Più del 75% della popolazione è rappresentato da singalesi, in particolare di religione buddhista. La popolazione tamil conta per circa il 20% del totale. Le lingue ufficiali del paese sono il singalese e il tamil, ma è molto diffuso anche l’inglese, soprattutto per i rapporti commerciali. Il tasso di alfabetizzazione pari al 92% fa […]

Ufficio nazionale del turismo indiano Via Albricci, 9 20122 Milano Italia E-Mail: Info@IndiaTourismMilan.com Internet: http://www.IndiaTourismMilan.com Tel. +39 02 804952 Fax: +39 02 72021681 Ambasciata dell’India Roma,Via XX Settembre, 5 E-Mail: gen.email@indianembassy.it Tel. 0039 064884642-3-4-5 Fax 0039 064819539 Ambasciata italiana a new delhi 50E,Chandra  Gupta Marg, Chanakyapuri, New Delhi – 110021 (INDIA) E-Mail: ambasciata.newdelhi@esteri.it Tel.: +91.11.26114355 […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su