Cultura e religione in Giordania

In Giordania non ci sono molte tracce della musica tradizionale araba, ma ovunque si trovano cantanti arabi accompagnati da orchestre che suonano strumenti occidentali accanto a quelli tradizionali. I beduini sono ancora legati alle loro tradizioni musicali: spesso gruppi di uomini che cantano come in stato di trance accompagnano una solitaria danzatrice del ventre.
L’architettura è la forma di arte visiva predominante, anche perché l’islam proibisce la raffigurazione di esseri viventi. In Giordania si trovano moschee spettacolari, antiche rovine di epoca romana o precedente, e magnifici mosaici. La Qusayr’Amra è famosa per gli affreschi.
Il Corano è uno degli esempi più raffinati di scrittura araba classica, mentre l’Al-Mu’allaqaat è una collezione di poesia araba anche più antica. Una delle opere più conosciute della letteratura araba è Alf Layla wa Layla (Le mille e una notte), una raccolta di racconti di diversi paesi e periodi. L’artigianato beduino comprende gioielli d’argento, tessuti molto colorati e un’ampia gamma di coltelli.
L’ospitalità è una pietra miliare della vita araba. È usanza diffusa tra le famiglie giordane, in particolare tra gli abitanti del deserto, dare il benvenuto agli estranei invitandoli nelle loro case. La tradizione si è sviluppata a causa dell’asprezza della vita del deserto: senza cibo, acqua e un rifugio dove ripararsi, la maggior parte dei viaggiatori del deserto morirebbe. Ovunque in Giordania si sente pronunciare la parola “Benvenuto”, con l’invito a entrare spesso nelle case per un piatto di cibo o una tazza di tè.

L’Islam è la religione predominante della Giordania, si tratta di una religione monoteista, il cui libro sacro è il Corano. Ogni giorno, cinque volte al giorno, i musulmani sono chiamati alla preghiera dai minareti delle moschee che punteggiano il paese. L’Islam deriva dalle stesse radici monoteiste dell’ebraismo e del cristianesimo, e i musulmani in genere guardano con rispetto cristiani ed ebrei: nell’Islam Gesù è considerato uno dei profeti di Allah, e gli ebrei e i cristiani sono considerati quasi dei “cugini”. Maometto fu l’ultimo profeta e fu a lui che Allah dettò il Corano. La maggior parte dei musulmani giordani, compresi i circassi che non sono di origine araba, appartengono al ramo sunnita dell’Islam. I circassi, così come l’altra minoranza giordana, i ceceni, sono originari della zona caucasica della Russia.
La legge islamica proibisce il consumo di alcool e di carne di maiale: viene rispettata in maggiore o minore misura in tutta la Giordania. L’islamismo ha anche la tendenza a separare i sessi, può capitare, infatti, che in molti locali siano accettati solo uomini; in quegli stessi locali viene indicata la “stanza della famiglia”, una zona a parte dove siedono le donne.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 8 giorni / 7 notti

da € 790 - Voli esclusi

Durata: 13 giorni / 12 notti

da € 1.990 - Voli esclusi

Durata: 5 giorni / 4 notti

da € 950 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

L’India è uno stato appartenente all’Asia Meridionale; a nord dell’equatore, con i suoi 3.166.414 Km² di superficie, è il 7° stato del mondo per estensione. L’India è confinante a Nord con Cina, Nepal e Bhutan, con il Pakistan e il Mar Arabico ad Ovest, ad Est con il Myanmar (ex-Birmania), Bangladesh, e Golfo del Bengala […]

Gli sport più popolari nelle Filippine sono basket, calcio, boxe, pallavolo, biliardo e, nonostante il clima sia tropicale, pattinaggio sul ghiaccio. Sono molto praticate anche e discipline di arti marziali.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su