Economia in Nepal

Economia: il Nepal è un Paese poverissimo e presenta da sempre un’economia di marcatissimo sottosviluppo. Il Nepal basa la sua economia pressoché esclusivamente sul settore primario: in tutto il Paese è diffuso l’allevamento, specie quello bovino (che in genere si pratica mediante transumanza stagionale) pur con alcune differenze: nel bassopiano l’allevamento è complementare o subordinato all’agricoltura, al di sopra dei 3000 metri diventa l’attività economica di base.

Si allevano lo yack (fornisce lana, pelli, carne e latte, viene usato come animale da soma), bufali, ovini,  caprini e volatili da cortile. Per quanto riguarda l’agricoltura, la limitata estensione delle terre coltivabili e le difficili condizioni morfologiche e climatiche consentono solo una modesta agricoltura di sussistenza e impongono la necessità di praticare un fitto terrazzamento dei versanti montuosi nonché di ricorrere all’irrigazione nelle zone aride.

Un notevole impulso all’espansione agricola è stato comunque ottenuto con la valorizzazione della fascia pianeggiante meridionale.  In misura minore, partecipano alla formazione della ricchezza nazionale il terziario e le industrie manifatturiere. Il settore industriale si basa sulla lavorazione dei prodotti locali; le industrie, concentrate nelle zone di Kathmandu, Lalitpur, Biratnagar e Balaju, comprendono soprattutto oleifici, zuccherifici, manifatture di tabacchi, birrifici, caseifici, impianti tessili, calzaturifici, cartiere, oltre che alcuni cementifici, fabbriche di ceramiche e piccoli stabilimenti meccanici.

Il turismo rappresenta un’importante fonte di valuta estera ma la precaria situazione politica compromette un reale sviluppo del settore. Sono ancora carenti le infrastrutture necessarie al comparto e solo la valle intorno alla capitale è attrezzata per l’ospitalità turistica. Abbastanza modesto è il commercio, sia interno sia estero.  Le esportazioni sono costituite da cereali, pellami e altri prodotti zootecnici, tappeti, iuta, legname ecc. e coprono ca. un terzo delle importazioni, rappresentate soprattutto da apparecchiature industriali di base, macchinari e mezzi di trasporto, combustibili ecc. Il maggior partner commerciale è l’India, che copre circa il 60% degli scambi in entrambe le direzioni; il resto delle importazioni proviene da Cina e Indonesia mentre l’export è diretto anche verso Stati Uniti e Germania.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 4 giorni / 3 notti

da € 330 - Voli inclusi

Durata: 8 giorni / 7 notti

da € 1.080 - Voli esclusi

Durata: 5 giorni / 4 notti

da € 650 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Secondo la tradizione turkmena il pasto è costituito da due piatti principali da consumare seduti a terra senza utilizzare le posate, ma al giorno d’oggi molte abitudini si sono modificate e sono quasi del tutto simili a quelle occidentali. Gli ingredienti più utilizzati nella gastronomia turkmena sono le verdure, il riso e la carne ovina. […]

Un manager stressato stanco della sua vita decide di viaggiare per capire la strada del suo futuro: India, Thailandia, Cina, Giappone, Oceania, Brasile – di Riva Serena

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su