Gastronomia in Israele

La cucina israeliana è una contaminazione di sapori provenienti da diverse parti del mondo. Da una parte vi è una radicata tradizione ebraica, dall’altra una fortissima influenza della cucina araba. Infatti troviamo spesso quasi sempre sulle tavole israeliane i falafel, e humus. Le cucine vegetariana e quella vegana stanno riscuotendo negli ultimi anni un crescente successo con tanti nuovi ristoranti e offerte diverse, facendo diventare Israele un riferimento mondiale per questo genere di cucine.

Per gli ebrei cibarsi è un atto sacro e la preparazione dei piatti deve rispettare serve norme igienico-sanitarie oltre che estetiche e religiose. In particolare i cibi di origine animali sono divisi in leciti e vietati, a seconda della tipologia di animale e delle modalità di macellazione. Inoltre, la carne e i suoi derivati non possono essere mischiati con il latte e i suoi derivati, dunque tutto il materiale utilizzato per cucinare, servire e mangiare carne deve essere diverso dal materiale utilizzato per i latticini, oltre che conservati in luoghi differenti. Le bevande fermentate sono proibite, ad eccezione del vino, che però deve essere prodotto rispettando un rigoroso sistema di produzione e certificazione.

Tra i piatti tipici di questa cucina segnaliamo:
Labneh: un formaggio dal sapore aspro che viene condito da olio d’oliva e spezie ed è generalmente servito da olive.
Kubah: crocchette di pasta ripieni di carne.
Sabich: una specie di piadina, una pita arrotolata farcita con melanzane ripiene patate bollite e uova sode.
Shawarma: carne cotta allo spiedo, avvolta in una pita condita con spezie.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 6 giorni / 5 notti

da € 1.110 - Voli esclusi

Durata: 9 giorni / 7 notti

da € 1.090 - Voli esclusi

Durata: 8 giorni / 7 notti

da € 790 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti
sri lanka

La cultura dello Sri Lanka è costituita dalla convivenza, spesso non pacifica, di differenti etnie. Le principali sono la cultura tamil e quella singalese. La difficile convivenza è dovuta ad una forte intolleranza etnica e all’interpretazione militare della filosofia religiosa.

Documentazione necessaria per l’ingresso nel paese: Passaporto: necessario, con validità residua di almeno 6 mesi. Visto d’ingresso: necessario anche per turismo, da richiedersi presso le Rappresentanze diplomatico-consolari laotiane. Il visto, per brevi permanenze, può essere ottenuto anche in frontiera aeroportuale (Vientiane, Luang Prabang, Prakxe) e, per via terrestre, presso il Thai-Lao Friendship Bridge. Il visto […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su