Asia, quante contraddizioni

di Veronica Amadio

L’Asia vissuta tra la modernità e l’efficienza di Hong Kong e la povertà e la spiritualità della Cambogia


Hong Kong

Atterro ad Hong Kong e l’impatto e’ forte: una metropoli che non dorme (quasi) mai, una città in movimento, dove per trovare il silenzio bisogna recarsi all’interno di un tempio.
Scelgo il Mon Ma Temple in Hollywood road: l’ odore che sprigionano le gigantesche spirali di incenso mi fa dimenticare per un attimo dove mi trovo ma appena esco eccomi di nuovo a muovermi tra le ondate di colletti blu in pausa pranzo e a cercare di attraversare le strade in cui sfrecciano taxi e bus in ogni frazione di secondo: basta fermarsi per un minuto per rendersi conto che tutto il resto intorno scorre ininterrottamente!
Anche i miei sensi sono tutti al lavoro: dalla vista che cerca di farsi spazio tra i grattacieli in cui si specchia l’ Harbour, al tatto che vorrebbe farmi toccare i frutti colorati ed insoliti che si trovano nei mercati.

L’odorato a volte invece vorrebbe andare in pensione: il pesce secco nelle strade di Sheung Wan non sprigiona di certo un buon profumo!
Hong Kong e’ diversa dalla Cina, e’ diversa dal Sud Est asiatico: la sua efficienza, servizi ed organizzazione non si possono trovare altrove e mi mancheranno nella mia prossima destinazione: la Cambogia.


Cambogia

Cambogia come caldo…quello delle giornate afose alla scoperta di Angkor Wat ma anche come calore…sprigionato dal sorriso e dalla gentilezza di questo popolo a cui il passato ancora vicino ha tolto molto ma che nonostante ciò vive in armonia.
Cammino sotto gli alberi di frangipani e mi sento parte di questo mondo in slow motion, dove i conducenti di tuk tuk sonnecchiano pigramente sui loro mezzi in attesa della prossima chiamata. Non ho nessuna difficolta’ a trovare free wi fi praticamente in ogni bar della capitale: sono in uno Stato povero ma la voglia di presente e futuro non manca di certo.
Il posto in cui invece il passato si sente ancora e’ tra i templi di Siam Reap. Questi gioielli, ognuno diverso dall’altro e accomunati dalle pietre massicce con cui sono stati costruiti, mantengono infatti inalterata la loro solennità.

Cammino tra le rovine sperando che vengano stanziati abbastanza fondi per preservarne i volti sorridenti scolpiti nella pietra.
Spero anche che tutti i bambini poveri che ho incontrato possano avere un giorno un po’ di serenità: alcuni di loro, alla ricerca di cibo tra gli avanzi o di bottiglie di plastica da rivendere, saranno purtroppo un ricordo indelebile di questo viaggio.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 9 giorni / 7 notti

da € 1.170 - Voli esclusi

Durata: 9 giorni / 8 notti

da € 1.570 - Voli esclusi

Durata: 14 giorni / 13 notti

da € 2.990 - Voli inclusi

Durata: 7 giorni / 6 notti

da € 1.910 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Il periodo ideale per visitare Taiwan sono i mesi di ottobre e novembre. Si sconsiglia il periodo del capodanno cinese in quanto i trasporti sono affollati, i negozi e i ristoranti sono chiusi e i prezzi degli alberghi aumentano notevolmente. Si può arrivare da qualsiasi parte del mondo. Via mare ci sono collegamenti con il […]

Forte, minacciosa e solitaria: ecco a voi la tigre, la regina dell’Asia!

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su