Visti e Passaporti per il Bangladesh

Passaporto: necessario con validità residua di almeno 6 mesi.

Visto: necessario. I viaggiatori di nazionalità italiana, così come la maggior parte dei visitatori stranieri, devono essere muniti di visto d’ingresso, che consente una permanenza massima di 90 giorni, e che è necessario richiedere prima della partenza, poiché non vengono rilasciati visti all’arrivo. Se la permanenza, però, è inferiore ai 15 giorni è possibile richiedere il visto all’arrivo in aeroporto alla cifra di USD 51.

Formalità valutarie e doganali: all’arrivo nel Paese va dichiarato il possesso di valuta eccedente il corrispettivo di 5.000 dollari USA.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 9 giorni / 7 notti

da € 1.560 - Voli inclusi

Durata: 11 giorni / 10 notti

da € 470 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Negli ultimi trent’anni la Malesia ha conosciuto un fortissimo sviluppo economico, trasformandosi da paese in via di sviluppo ad uno dei paesi più ricchi del sud-est asiatico, non più dipendente soltanto dalla produzione ed esportazione di materie prime. Con la Nuova politica economica (NPE),la Malesia è divenuta leader mondiale nella produzione di componenti elettronici e […]

L’antica letteratura cambogiana è stata tramandata per molti anni attraverso dipinti o scritte scolpite sui muri. La letteratura contemporanea, al contrario, non esiste, in quanto il regime dei Khmer Rossi ha ucciso chi sapeva leggere e scrivere. Inoltre, la popolazione è poco interessata alla letteratura a causa delle condizioni di vita precarie.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su