Sicurezza e informazione sanitarie del Bhutan

Sicurezza:
In Bhutan non vi sono, al momento, rappresentanze diplomatico/consolari italiane, né di altri Paesi UE a cui ci si possa rivolgere per ricevere assistenza in casi di emergenza o di crisi. In caso di necessità i connazionali devono prendere contatto con il Consolato Generale d’Italia a Calcutta (India) o con l’Ambasciata d’Italia a New Delhi (India). La notevole distanza rende più difficoltoso un immediato intervento. Il Bhutan ha avviato un processo di democratizzazione. Il 24 marzo 2008 infatti si sono svolte per la prima volta le elezioni parlamentari ed il 10 aprile è stata annunciata la formazione del nuovo governo.  A fronte di questi sviluppi positivi, si devono tuttavia registrare alcuni episodi di violenza che, anche se di secondaria entità, vanno comunque tenuti in considerazione. Nel gennaio 2008 si sono registrati, quasi in contemporanea, quattro attentati in altrettante località (oltre che nella capitale Thimpu, nei distretti di Gedu, Samtse e Dagana), che hanno provocato un ferito e limitati danni materiali.
Zone a rischio:
Le zone sud-orientali del Paese, al confine con l’India (Assam), sono conosciute per essere state nel recente passato aree di attività e campi di addestramento di alcuni movimenti insurrezionali indiani.
La Tourism Authority of Bhutan, su indicazione del Ministero dell’Interno (Ministry of Home Affairs), individua periodicamente le aree vietate al turismo; in genere si tratta di alcuni monasteri buddhisti situati a nord di Thimpu e di alcune aree di trekking, a nord verso la Cina, per visitare i quali occorre munirsi di permessi speciali rilasciati dal Ministry of Home Affairs. Si consiglia di registrare i dati relativi al viaggio che si intende effettuare nel Paese sul sito: www.dovesiamonelmondo.it
Normativa prevista per uso e/o spaccio di droghe (leggere o pesanti):
Il consumo ed il traffico di sostanze stupefacenti è perseguito con particolare severità dalle autorità locali.
Normativa locale prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori:
Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione)vengono perseguiti al loro rientro in Italia sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese.
VACCINAZIONI E SITUAZIONE SANITARIA
 
Vaccinazioni obbligatorie: nessuna; è consigliabile comunque un vaccino contro il tifo, contro l’Epatite A e quella contro l’Epatite B; opportuno anche un richiamo antipolio in quanto la poliomielite è ancora presente nel Paese. La vaccinazione antimalarica (clorochino-resistente; rischio tutto l’anno) è consigliata a coloro che intendono recarsi nei distretti di Chhukha, Samchi, Samdrup, Jonkhar, Geylegphug e Shemgang. Non c’è rischio malarico a Paro e Thimphu.
Si consiglia di stipulare, prima di intraprendere il viaggio, un’assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro Paese.
Avvertenze: si consiglia di:
  • effettuare, previo parere medico, le vaccinazioni contro la meningite, rabbia, tbc, colera, tifo, epatite A;
  • bere acqua sempre bollita o purificata o bere acqua e bevande in bottiglia aperte in presenza del consumatore, senza aggiunta di ghiaccio;
  • evitare di consumare cibi crudi.
FORMALITÀ VALUTARIE E DOGANALI
 Si consiglia di contattare le Autorità locali qualora si intenda esportare dal Paese oggetti usati e di farsi rilasciare un certificato che ne attesti l’origine. L’ordinamento bhutanese è infatti particolarmente severo sull’esportazione di oggetti considerati di antiquariato.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 12 giorni / 11 notti

da € 1.420 - Voli esclusi

Durata: 8 giorni / 7 notti

da € 920 - Voli esclusi

Durata: 9 giorni / 7 notti

da € 1.090 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Il Giappone investirà circa dieci miliardi di dollari nei prossimi cinque anni per aiutare Paesi come la Cina e l’Indonesia nella lotta ai cambiamenti climatici. Tokyo (il cui antico nome era Edo) prevede di puntare a misure per la riduzione delle emissioni di gas-serra e la promozione delle fonti rinnovabili, ma anche ad aiutare la […]

l principale interprete della musica classica filippina è Felipe P. de Leon. La musica popolare è caratterizzata per lo più dal genere pop, i cui maggiori esponenti sono Kyla, Lani Misalucha ed i Rivermaya. Suoni Danza delle candele Ninna nanna filippina Felipe P. de Leon – Konzerk per violino ed orchestra Kyla – Listen

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su