Sicurezza e informazioni sanitarie in Vietnam

Sicurezza

Terrorismo: Il Paese si considera una delle destinazioni più sicure del Sud Est Asiatico.

Criminalità: il Vietnam è considerato un Paese sicuro, ma fenomeni criminali legati all’aumento del turismo, sono in aumento nelle maggiori città del Paese e nei più importanti siti turistici (in particolare a Ho Chi Minh City, ma anche ad Hanoi, Nha Trang, Sapa, Halong, Isola di Cat Ba).

Rischi legati alla mobilità: le autorità vietnamite possono limitare l’accesso ad alcune zone del Paese per motivi di ordine pubblico e sicurezza interna. Le zone ad accesso limitato includono aree d’interesse militare, di confine e luoghi di particolare rilevanza politica, economica e culturale come quelle abitate da minoranze etniche negli Altipiani Centrali (nelle province di Dak Lak, Gia Lai e Kon Tum). Le zone ad accesso limitato sono segnalate con cartelli con la scritta “Khu vuc cam” o “Dia diem cam”. Esse possono essere visitate da stranieri solo se in possesso di autorizzazione rilasciata dall’Autorità di Immigrazione presso il Ministero di Pubblica Sicurezza, o dalla corrispondente entità provinciale.

Gli incidenti stradali sono una delle maggiori cause di decesso in Vietnam (circa 37 vittime al giorno).
Sono stati segnalati attacchi contro imbarcazioni e navi e veri e propri atti di pirateria nelle acque al largo del Vietnam. I navigatori devono pertanto usare le necessarie precauzioni.

Sicurezza degli edifici: le condizioni di sicurezza nelle strutture ricettive non garantiscono gli standard minimi garantiti dalla vigente normativa italiana.

Rischi ambientali: il Vietnam, soprattutto nelle province centrali e quelle del delta del fiume Mekong, è caratterizzato da piogge eccezionali tra giugno ed ottobre, che colpiscono in modo distruttivo le popolazioni locali. E’ possibile consultare il sito web dell’UNDP (United Nations Development Program) che riporta aggiornamenti costanti sulla situazione nel Paese (http://www.undp.org.vn/dmu/index.html). In occasione di tifoni – specie nella stagione dei monsoni – possono verificarsi frane, smottamenti e allagamenti. Nei periodi a maggiore rischio e soprattutto nella stagione monsonica e’ opportuno consultare fonti di informazione attendibili anche via Internet e se utile contattare l’Ambasciata (ambasciata.hanoi@esteri.it ; consolare.hanoi@esteri.it).

Il periodo migliore per visitare il Vietnam va da ottobre ad aprile quando le precipitazioni atmosferiche sono ridotte, l’umidità non è eccessiva e le temperature sono gradevoli.

Ordigni inesplosi: ordigni inesplosi e mine sono diffusi nel Paese e causano incidenti spesso mortali specie nelle province centrali e a Quang Tri in particolare. In generale è opportuno adottare particolare cautela nelle strade di campagna, evitando di percorrere sentieri non battuti e raccogliere oggetti. E’ interessante consultare il sito web www.vietnam-landmines.org che fornisce informazioni aggiornate sul pericolo derivante dagli ordigni inesplosi e dalle mine.

Avvertenze:
Non è consentito ad uno straniero condividere una camera di albergo con una cittadina vietnamita, o viceversa, se non si è contratto matrimonio.

Gli agenti di polizia normalmente non parlano alcuna lingua straniera per cui è difficile trattare con loro senza interprete. Prima di sporgere denuncia per fatti costituenti reato alle locali autorità è opportuno rivolgersi all’Ufficio consolare dell’Ambasciata d’Italia in Hanoi (tel. 04 8256256, interno 19) oppure, fuori dell’orario di ufficio, al funzionario di turno (telefono cellulare di reperibilità 090 3430950), che sapranno fornire adeguati consigli.
Normativa prevista per uso e/o spaccio di droga: il consumo ed il traffico di sostanze stupefacenti sono diffusi anche in Vietnam. L’uso di sostanze stupefacenti è punito con la reclusione da 3 mesi a 2 anni.

Il favoreggiamento nell’uso di sostanze stupefacenti è punito, per ingenti quantità, fino a 20 anni. Per il traffico di droga possono essere comminate pene che raggiungono, in caso di ingenti quantità, addirittura, la pena capitale.
Normativa prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori:. Per tali casi il codice penale vietnamita prevede pene estremamente severe, che possono arrivare, per lo stupro, fino alla pena capitale. Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione), vengono perseguiti al loro rientro in Italia sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese.

In caso di problemi con le autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) si consiglia di informare l’Ambasciata o il Consolato italiano presente nel Paese per la necessaria assistenza.

 

Informazioni Sanitarie

Vaccinazioni obbligatorie: è obbligatoria la vaccinazione contro la febbre gialla solo per i viaggiatori provenienti da zone infette (alcuni Paesi dell’Africa e dell’America Latina) che abbiano più di un anno di età. Poiché la febbre gialla in Vietnam non è considerata endemica, la vaccinazione per chi parte dall’Italia non è necessaria.
L’assistenza sanitaria prestata dalle strutture ospedaliere pubbliche vietnamite e’ al di sotto degli standard europei. Tuttavia, ad Hanoi e Ho Chi Minh City esistono ospedali privati in grado di fornire un’assistenza di livello sufficiente, quanto meno in alcuni settori (ostetricia, medicina generale, analisi di laboratorio). A queste strutture è opportuno rivolgersi per prestazioni di pronto soccorso, anche se le tariffe sono piuttosto alte e da pagarsi in anticipo. In caso di malattie o di incidenti per i quali siano necessari interventi sanitari più delicati e complessi, è quindi indispensabile il trasferimento a Bangkok, Singapore o Hong Kong. Per l’acquisto di medicinali, occorre rivolgersi a farmacie affidabili e di provata serietà, a causa della diffusione di prodotti contraffatti.
AVVERTENZE
Considerati gli elevati costi dell’assistenza sanitaria e nei casi ove è necessario il rimpatrio o il trasferimento del malato in altro Paese è consigliata la sottoscrizione di una polizza assicurativa ad hoc prima dell’arrivo in Vietnam che comprenda la copertura delle spese sanitarie in loco e quelle relative all’eventuale rimpatrio o trasferimento in altro Paese del malato.
Infezioni intestinali e colera sono ricorrenti con recrudescenza durate i mesi delle piogge. Da luglio 2008 le predette malattie sono in aumento e vengono segnalati casi anche nelle aree metropolitane e nella capitale. Vanno pertanto osservate le misure sanitarie ed igienico-alimentari del caso.
L’acqua non è potabile e, in alcune zone del Paese, è potenzialmente infettata da virus, parassiti e batteri o sostanze chimiche. Si raccomanda pertanto di bere solo acqua imbottigliata e di mangiare preferibilmente frutta sbucciata, evitando le verdure crude ed il ghiaccio nelle bevande. Si consiglia di non consumare i cibi precotti in vendita nelle numerose bancarelle presenti in strada. Carne e pesce dovrebbero essere consumati ben cotti. La scarsa igiene degli alimenti e’ stata di recente causa di epidemie di colera.
In Vietnam è elevato il rischio di contrarre il tifo, l’epatite A, l’epatite B (altamente endemica), nonché il tetano, la difterite e l’encefalite giapponese. Per queste malattie può essere utile sottoporsi a vaccinazione, la cui somministrazione deve sempre essere effettuata sotto diretto controllo sanitario e consigliate dal medico caso per caso. E’ consigliata, previo parere medico, la vaccinazione contro l’encefalite giapponese per chi prevede di fermarsi a lungo nel Paese.
Il rischio di contrarre la malaria è ormai inesistente nelle grandi città e sulla fascia costiera. Tuttavia, vi sono alcune zone dove questo rischio permane, in particolare le regioni degli Altipiani centrali (Kon Tum, Play Ku, Dac Lac, Buon Ma, Thout, Dong Xoai, Bao Loc), le zone costiere del Sud (Ca Mau, all’estrema punta del delta del Mekong, nonche’ Can Tho e My Tho) e le regioni montagnose del Nord (Sapa, Lao Cai, Son La, Dien Bien Phu).
La febbre dengue anche di tipo emorragico è invece presente anche nelle grandi città e può aumentare durante la stagione delle piogge. Le province meridionali sono quelle maggiormente colpite, in particolare nell’area del Delta del Mekong. Le Autorità sanitarie locali hanno intensificando le misure preventive e di controllo contro il diffondersi dell’epidemia.
Poiché non esistono vaccini efficaci né contro la malaria né contro la dengue occorre adottare, durante la permanenza nel Paese, misure preventive contro le punture di zanzara.

Il Vietnam ha registrato alcuni casi di SARS (Polmonite atipica) nel 2003 e di influenza aviaria dal 2004. Dall’inizio del 2008 si sono registrati cinque decessi a causa dell’influenza aviaria, di cui l’ultimo nel mese di marzo segnalato nel distretto di Thanh Liem (provincia di Ha Nam). Dal 2004 si sono registrati 106 casi umani, compresi 52 decessi. Le autorità vietnamite mantengono una costante vigilanza sulla diffusione di nuovi focolai soprattutto nella stagione in cui le temperature medie sono di norma meno elevate. Maggiori informazioni possono essere reperite presso la propria ASL o consultando il sito del Ministero della Salute (www.ministerosalute.it) o dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (www.who.int/csr/don).”
Le malattie sessualmente trasmissibili, come l’HIV/AIDS, l’epatite C, la sifilide, la gonorrea e l’herpes simplex sono molto diffuse ed il numero dei malati in crescita. Non è quindi superfluo ricordare di utilizzare le necessarie precauzioni.

Articoli che potrebbero piacerti

Scoprire la bellezza di un viaggio lento e distratto in Malesia, Sud America, Oceania – di Laura Frasetto

Chi voglia trascorrere in Maylasia un periodo di permanenza più lungo di tre mesi, oltre al passaporto dovrà preoccuparsi di ottenerne un visto turistico. Per coloro i quali, invece, desiderano un periodo di vacanza un po’ più breve, sarà necessario solo il passaporto. Si sottolinea che per recarsi in Indonesia dalla Malaysia è ugualmente necessario […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su