Mongolia Nadaam

13 giorni / 12 notti

Viaggio in Mongolia in occasione del Naadam: Partenza Esclusiva 1 Luglio 2024

da € 4.190 Voli inclusi

CREA IL TUO VIAGGIO TROVA AGENZIA
https://www.goasia.it?p=70241
per informazioni: Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
Tel. 071 2089301 - info@goasia.it

Viaggio in Mongolia in occasione del Naadam

Partenza di gruppo esclusivo Go Asia con voli Turkish Airlines da Roma e Milano

Tour della Mongolia di 13 giorni in occasione del Festival del Naadam, festività nazionale dedicata allo sport che si svolge tutti gli anni a Luglio.

La Mongolia è una meta dagli spazi infiniti: situata tra la Siberia e il Deserto del Gobi, è conosciuta anche come “Alta Asia”, poiché la maggior parte della regione si trova sopra i 1.500 metri.

Altopiani stepposi e montagne, più o meno elevate, caratterizzano l’intero Paese. Una natura ancora incontaminata, una grande varietà di fauna selvatica, allevamenti di cavalli, yak, cammelli ed altri animali tipici sono il tratto distintivo della Mongolia.

L’itinerario comincia dalla capitale Ulan Bator, città con più di un milione di abitanti e unica grande metropoli del Paese. Da qui si parte per visitare Amarbayasgalant, il suo Monastero Patrimonio UNESCO e la riserva naturale Uraan Togoo con i suoi vulcani estinti.

Si raggiunge il Lago Khovsgol, dove tra magnifici panorami montani si andrà alla scoperta del “popolo delle renne” che vive lungo le rive del lago.

Il tour prosegue alla volta del Parco Nazionale Khorgo-Terkhiin Tsagaan, area che comprende il vulcano spento di Khorgo e il Lago Terkhiin Tsagaan. Conosciuto come il Grande Lago Bianco, è circondato dalle montagne della catena Tarvagatain Nuruu e dai crateri di vulcani estinti. Tappa successiva è Tsetserleg, capoluogo della provincia Arkhangai, una delle città più belle della Mongolia.

Successivamente, si raggiunge Karakorum, l’antica capitale dell’impero Mongolo di Genghis Khaan. Costruita nel 1220 all’incrocio delle strade della Via della Seta, fu distrutta nel 1388 dall’esercito cinese della Dinastia Ming, oggi ne rimangono solo poche rovine.

Infine, l’ultima tappa prima del rientro nella capitale è la valle di Khogno Khaan, dove si possono ammirare le rovine del monastero Ovgon Khiid.

Perché visitare la Mongolia durante il Festival di Naadam?

È la festa più popolare e importante della Mongolia. Si svolge nella capitale Ulan Bator, presso lo stadio centrale, richiamando turisti e centinaia di migliaia di mongoli da ogni angolo del Paese.

Tradizionalmente il festival è chiamato “Eriin Gurvan Naadam”, che tradotto significa “I Tre Principali Giochi degli Uomini”: la lotta, il tiro con l’arco e le corse di cavalli, le tre discipline praticate durante il festival.

Le competizioni sono precedute da una spettacolare e sfarzosa cerimonia di apertura, dove sfilano parate di atleti, soldati, musicisti, monaci e figuranti con le antiche uniformi dei guerrieri di Genghis Khaan.

La gara più attesa è la lotta, la disciplina più importante fra i tre giochi e sport nazionale dei mongoli. Spettacolare è anche la corsa di cavalli, dove i fantini di età molto giovane (dai 5 ai 12 anni) si sfidano attraverso la steppa. La terza gara è il tiro con l’arco, antica disciplina dei mongoli.

Nota importante: la Mongolia è soprattutto natura, il viaggio richiede un ottimo spirito di adattamento per i lunghi e faticosi trasferimenti su strade in pessime condizioni (asfalto sconnesso e piste sterrate). Le sistemazioni sono spesso modeste con la possibilità di trovare dei piccoli insetti di campagna. Nelle Ger, le tipiche tende mongole, i servizi sono esterni ed in comune (salvo diversamente specificato), stile campeggio.

Parti con Go Asia e vivi l’esperienza indimenticabile di un viaggio in Mongolia durante il periodo del Festival del Naadam.

1° giorno

1° luglio MILANO e ROMA – ISTANBUL - ULAANBAATAR (-/-/-)

Partenza da Milano e Roma con voli di linea Turkish Airlines (via Istanbul con cambio di aeromobile) per Ulaanbaatar. Pasti e pernottamento a bordo.

2° giorno

2 luglio arrivo ULAAN BAATAR (-/L/D)

Arrivo a Ulaanbaatar e disbrigo delle formalità doganali. Incontro con la guida locale e trasferimento all’Hotel Novotel 4*. Dopo un po' di tempo per riposarsi dal viaggio trasferimento per il pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio inizio delle visite di Ulaanbaatar, capitale della Mongolia ed unica grande metropoli del paese: a partire dall’anno 2000 la città si è ingrandita vertiginosamente e oggi almeno la metà della popolazione della Mongolia abita qui. Ulaan Baatar è una città internazionale, vivace, dove il passato millenario ed il futuro, sempre più vicino, si incontrano. Dopo la visita della grande Piazza Gengis Khan (ex piazza Sukhbaatar), un incredibile miscuglio di edifici di diversi stili nel cuore della capitale, si effettua una passeggiata lungo il vivace Viale della Pacefino ad arrivare al Monastero Buddista di Gandan, del 1838, il più grande della Mongolia, al cui interno sorgono splendidi templi, fra cui il Migjed Janraisig del 1911, che ospita la statua della Bodhisattva della compassione, rivestita d’oro e alta 26 m. Le visite terminano con il Museo di Storia Nazionale che raccoglie reperti provenienti da tutta la Mongolia e dal Centro Asia che vanno dall’Età della Pietra ai nostri giorni. Rientro in hotel. Cena in hotel e pernottamento.

3° giorno

3 luglio ULAANBAATAR – AMARBAYASGALANT (B/L/D)

Prima colazione e in mattinata partenza per il Monastero di Amarbayasgalant (380 km di asfalto e pista, circa 7 ore), il “monastero della tranquilla felicità" che rientra nella lista dei siti protetti dall’UNESCO per il suo "eccezionale valore universale" ed è considerato il monastero più bello e meglio preservato del paese. Fu costruito tra il 1727 ed il 1736 per ospitare le spoglie di Zanabazar, rispettando le regole fondamentali presenti nella cultura sciamanica dell’Asia Centrale. In origine era uno dei tre centri buddisti più grandi della Mongolia, con un complesso di 40 templi eretti su speciali terrazze, ora ne rimangono solo 28 e dal 1944 sono protetti dallo Stato. Lo stile predominante della struttura è cinese, nonostante una chiara influenza mongola e tibetana. All’inizio del XX secolo il monastero ospitava circa 8.000 monaci. ). Pranzo in corso di viaggio. Arrivo nel pomeriggio e sistemazione in un campo di Gher, le tradizionali tende mongole. Cena e pernottamento al campo Gher.

4° giorno

4 luglio AMARBAYASGALANT – URAAN TOGOO (B/L/D)

Prima colazione. Dopo la visita del monastero partenza per la riserva naturale Uraan Togoo (350 km di pista, circa 6 ore). A sud-est del Lago Khovsgol e a circa 60 km dalla città di Bulgan si trovano i vulcani estinti Uran Uul, 1.631 m di altezza, e Togoo, 1.923 m. Questi vulcani si trovano all’interno della riserva naturale Uran-Togoo Tulga Uul. E' possibile salire sulla cima del vulcano Uran Uul dal versante occidentale. Pranzo lungo il tragitto. Arrivo al campo turistico. Cena e pernottamento al campo Gher.

5° giorno

5 luglio URAAN TOGOO – LAGO KHOVSGOL (B/L/D)

Prima colazione e partenza per il Lago Khovsgol (350 km di pista, circa 7 ore). E’ il più grande lago della Mongolia, conserva il 2% delle riserve di acqua dolce mondiale, copre una superficie di circa 2.760 kmq, è lungo 134 km, largo 39 km e profondo 262 m, è alimentato da 90 fiumi con un solo emissario che confluisce nel fiume Selenge Gol per finire nel Lago Baikal. Le sue acque sono ricche di pesci e lungo le sue sponde vivono stambecchi, orsi, alci e numerose specie di uccelli. È incorniciato da alte montagne (3000 m) ricoperte di foreste di pini, pioppi, betulle, che rendono magnifico il paesaggio. Per proteggere il lago e la natura circostante, nel 1992 è stato creato il Parco Nazionale Khovsgol Nuur. Nella regione di Khovsgol, caratterizzata dall’ambiente della taiga, vivono i darkhad, i buryats e gli tsaatan. Questi ultimi sono conosciuti in occidente come gli uomini o il popolo delle renne poiché vivono in simbiosi con questi animali, che considerano sacri, che allevano e da cui traggono il loro sostentamento. Oltre all'allevamento delle renne, sono dediti alla pesca. Praticano antichi culti sciamanici che si sono riscontrati anche in alcune zone della Siberia, della Groenlandia e del Canada. Le tribù sono nomadi e si spostano in base alle stagioni, vivono in luoghi quasi inaccessibili, raggiungibili solo percorrendo lunghe distanze. Pranzo lungo il tragitto. Arrivo al campo turistico. Cena e pernottamento al campo Gher.

6° giorno

6 luglio LAGO KHOVSGOL – MORON – LAGO ZUUN (B/L/D)

Prima colazione. Partenza per il lago Zuun Nuur passando per Moron, la capitale della provincia di Khovsgol (circa 235km). Il paesaggio prevalente è quello tipico della Taiga, con vaste foreste di conifere intervallate da radure e da importanti fiumi. Proseguendo verso sud si osservano rilievi privi di vegetazione, verdi vallate e zone dove la steppa è predominate. Pranzo lungo il tragitto. Arrivo al campo turistico. Cena e pernottamento al campo Gher.

7° giorno

7 luglio LAGO ZUUN - VULCANO KHORGO – LAGO TERKHIIN TSAGAAN (B/L/D)

Prima colazione, Partenza per il vulcano spento di Khorgo e per il Lago Terkhiin Tsagaan (200 km). Il Vulcano Khorgo, non più attivo, ho il cratere largo 200 metri e profondo 100 e si trova all’interno del Parco Nazionale Khorgo-Terkhiin Tsagaan, che copre un’area di 77,267 ettari. Si osservano delle formazioni rocciose basaltiche e lava solidificata. Il Lago Terkhiin Tsagaan, di origine vulcanica, è conosciuto anche come il Grande Lago Bianco ed è la parte più visitata della provincia di Arkhangai: è un lago di sorprendente bellezza con acque limpide e cristalline. I torrenti di lava provenienti dal vulcano Khorgo hanno bloccato il fiume Terkh sia a nord sia a sud, formando così il lago a un’altitudine di 2.060 metri sul livello del mare. Il lago è largo 16 km, profondo da 4 a 10 metri e lungo più di 20 km ed è circondato dalle montagne della catena Tarvagatain Nuruu, con cime che raggiungono i 2.200 m. Il paesaggio circostante è caratterizzato da crateri di vulcani estinti. Pranzo lungo il tragitto. Arrivo al campo turistico. Cena e pernottamento al campo Gher.

8° giorno

8 luglio LAGO TERKHIIN TSAGAAN - TSETSERLEG (B/L/D)

Prima colazione e partenza per Tsetserleg, circa 200 km attraversando la provincia di Arkhangai, una delle zone più belle del paese per le sue attrattive naturalistiche: pareti rocciose, foreste lussureggianti e verdi pascoli, fiumi ricchi d’acqua, vulcani estinti, laghi di origine vulcanica. Tsetserleg, capoluogo della provincia, il cui nome significa “giardino”, è una delle città più belle della Mongolia, situata tra montagne scenografiche nelle vicinanze del leggendario fiume Tamir. Visita al Monastero Zayaiin Gegeenii Khiid, che fu costruito nel 1586 ed ampliato nel 1679, quando poteva ospitare circa mille monaci. L’architettura dei templi segue il tradizionale stile tibetano, e all’interno sono stati ora adibiti a musei, con una ricca raccolta di oggetti tipici della vita quotidiana nomade. Pranzo lungo il tragitto. Arrivo al campo turistico. Cena e pernottamento al campo Gher.

9° giorno

9 luglio TSETSERLEG - KARAKORUM (B/L/D)

Prima colazione e prosecuzione del viaggio verso Karakorum (130 km), antica capitale dell’impero Mongolo nel 1220 , centro politico, culturale ed economico di Genghis Khaan nel XIII secolo. Si trova nella valle del fiume Orkhon, all’incrocio delle strade della Via della Seta che collegavano l’Oriente con l’Occidente. Distrutta nel 1388 dall’esercito cinese della dinastia Ming, oggi resta poco delle rovine della leggendaria capitale. Che è stata il centro del mondo fino al XIII secolo. Visita del Monastero Erdene Zuu che nel XVI secolo venne eretto sulle rovine della città, , il primo grande monastero buddhista della Mongolia, ancora oggi attivo riferimento spirituale. È circondato da un muro a pianta quadrata di 1.680 m (420 per lato) con 108 stupa originali a fare da guardia lungo tutto il perimetro. Nel 1792 ospitava 62 templi e diecimila lama. Durante il periodo comunista il luogo è stato gravemente danneggiato, ma restano intatti alcuni templi e reliquie d'epoca. Alla mattina i fedeli vengono richiamati con il suono delle conchiglie e si potrà assistere, con grande rispetto, alle funzioni religiose lamaiste, con tanti monaci bambini a recitare mantra. Pranzo in corso di visite. Sistemazione al campo turistico. Cena e pernottamento al campo Gher.

10° giorno

10 luglio KARAKORUM - KHOGNO KHAN (B/L/D

Prima colazione e partenza per la zona di Elsen Tasarkhai (120 km di pista, 2 ore e mezza circa). Durante il tragitto visita del Monastero Erdene Khamba e delle rovine del monastero Ovgon Khiid, situati nella bellissima valle di Khogno Khaan, ai piedi del monte omonimo. Ovgon Khiid, distrutto nel XVII secolo, è stato riaperto nel 1992 ed è abitato da un paio di monaci provenienti da Ulaanbaatar. A 10 km a sud della montagna di Khogno Khan si incontra lo spettacolare scenario delle dune di sabbia di Elsen Tasarkhai, che coprono un'area di 2.800 kmq. Le dune sono un famoso luogo di sosta sulla strada per Karakorum. Sistemazione al campo turistico. Pensione completa e pernottamento al campo Gher.

11° giorno

11 luglio KHOGNO KHAN – MOLTSOG ELS (B/L/D)

Prima colazione e partenza l’area delle dune di sabbia di Moltsog Els (circa 290 km di pista, arrivo per le 15 circa) che si trovano non lontane dal Parco Nazionale dei Hustaii Nuuru che con il suo ambiente di steppa alberata è l’habitat del cavallo selvatico della Mongolia, i Takhi Prewalsky. Arrivo e sistemazione al campo turistico dove sarà possibile effettuare la meditazione guidata con gli sciamani ed assistere la sera ad un rito sciamanico. Pensione completa e pernottamento al campo Gher.

12° giorno

12 luglio MOLTSOG ELS - KHUI DOLOON KHUDAG (Festa Naadam) - ULAAN BAATAR (B/L/D)

Prima colazione e partenza l’area di Khui Doloon Khudag (circa 60 km) il campo di gara per assistere alle corse dei cavalli del festival del Naadam: i migliori cavalli di tutto il Paese vengono appositamente addestrati tutto l’anno e si incontrano in questa area a circa 35 km da Ulaanbaatar per queste gare. Pranzo in corso di visite. Al termine rientro nella capitale con sosta in una fabbrica di cashmere, uno delle produzioni tipiche del paese. Nel tardo pomeriggio, dopo un concerto tradizionale, sistemazione all’Hotel Novotel 4*. Cena in hotel e pernottamento.

13° giorno

13 luglio ULANBAATAR – MILANO e ROMA (-/-/-)

Di primo mattino trasferimento in aeroporto e partenza con voli di linea Turkish Airlines (via Istanbul con cambio di aeromobile) per Milano ce Roma. Arrivo nel tardo pomeriggio.

Quote per persona, a partire da:

PartenzaDoppiaSupplemento singola
Dal 1 Luglio 2024 al 13 Luglio 2024€ 4.190€ 510

Note

(B/L/D): B = colazione; L = pranzo; D = cena

PIANO VOLI:

Da Milano
TK1874 01luglio  Milano Istanbul   1050 1445
TK  236 01luglio  Istanbul Ulan Baatar   1810 0715+1
TK  237 13luglio  Ulan Baatar Istanbul   0845 1310
TK1875 13luglio  Istanbul Milano   1715 1815

Da Roma
TK1862 01luglio  Roma Istanbul   1040 1435
TK  236 01luglio  Istanbul Ulan Baatar   1810 0715+1
TK  237 13luglio  Ulan Baatar Istanbul   0845 1310
TK1863 13luglio  Istanbul Roma   1710 1840

 

VISTO

Per partecipare a questo viaggio occorre il passaporto con validità residua di almeno sei mesi.

A partire da gennaio 2023 fino a dicembre 2025 il Governo Mongolo ha temporaneamente esentato dall’obbligo del visto i cittadini di 34 Paesi, tra cui l’Italia, per viaggi turistici inferiori a 30 giorni.

Tasso di cambio SERVIZI QUOTATI IN EURO.


La quota comprende

  • Voli intercontinentali Turkish Airlines in classe turistica da Roma o Milano
  • Sistemazione in hotel 4 stelle a Ulaan Baatar su base camera doppia (Nota: lo standard degli hotel in Mongolia è inferiore allo standard internazionale)
  • Campi tendati fissi con sistemazione in ger base doppia, con servizi esterni (salvo diversamente indicato)
  • Trattamento pensione completa dal pranzo del giorno 2 alla cena del giorno 12
  • Trasferimenti e visite come indicato nel programma con minivan 4×4 (Toyota Velfire o Hyundai Starex o similari) con autista (massimo 5 passeggeri per van inclusa la guida).
  • Ingressi e visite come da itinerario
  • Guida locale parlante italiano (Nota: lo standard delle guide in Mongolia è inferiore allo standard internazionale, le guide parlanti Italiano sono generalmente degli studenti e non delle vere e proprie guide professioniste)
  • Acqua minerale durante il tour
  • Borsa, porta documenti, etichette bagagli e documentazione illustrativa varia
  • Accompagnatore Go Asia dall’Italia ai 15 partecipanti
  • Kit da viaggio GoWorld (zaino, volumi fotografici, porta abiti/trolley – secondo importo pratica)
  • Assicurazione assistenza medica, rimpatrio sanitario, danneggiamento al bagaglio e annullamento fino a € 2.000 per persona Go World Safe https://www.goworld.it/condizioni-generali-di-viaggio/assicurazioni/

La quota non comprende

  • Eventuali tasse aeroportuali locali da pagare localmente
  • Tasse aeroportuali, soggette a variazione € 420
  • Le bevande alcoliche, le escursioni facoltative, eccedenza bagaglio, le mance
  • Gli extra di carattere personale e tutto ciò non evidenziato nella voce “la quota comprende”
  • Massimale Annullamento, obbligatorio per viaggi di importo superiore a € 2.000
  • Assicurazione integrativa (Raccomandata) Go World Safe Plus https://www.goworld.it/condizioni-generali-di-viaggio/assicurazioni/
  • Quota di iscrizione € 95

Gli scavi archeologici effettuati nel Gobi e in altre regioni della Mongolia hanno portato alla luce alcuni resti umani risalenti a circa 500.000 anni fa. La Mongolia fu infatti popolata fin dall’antichità da popolazioni nomadi che vivevano di allevamento ed agricoltura e che in più di un’occasione, organizzate in potenti federazioni politiche, invasero la Cina. […]

tour Mongolia

Il clima è continentale e freddo. Gli inverni, che durano da ottobre a marzo, sono molto rigidi (mediamente a – 20/25 gradi, con punte a -40/45 gradi). Sono pertanto da evitare viaggi in particolare nei mesi da dicembre a marzo. Da giugno ad agosto si ha il periodo più caldo con temperature che possono raggiungere […]

Questo immenso paese di 1.566.500 kmq, pur essendo molto esteso è il territorio asiatico meno densamente popolato, con appena 2,5 milioni di abitanti e una densità di 1,4 abitanti per km quadrato, che si riduce a meno di 0,5 persone per kmq in alcune regioni (aimag). L’altitudine media è di 1580 metri, per cui è […]

Popolazione: La Mongolia è un territorio molto vasto: circa 5  volte l’Italia ed ha una popolazione di circa 2 milioni e mezzo di abitanti di cui 900.000 sono ancora pastori nomadi che si spostano con le loro carovane di cammelli almeno 15 volte l’anno, in cerca di nuovi pascoli o di acqua per il proprio bestiame. […]

Fino a metà del XX secolo, l’economia mongola si basava sullo yak, pecore, cammelli o l’artigianato dei monaci. L’allevamento del bestiame (equini, ovini, bovini e cammelli) è sicuramente la fonte di ricchezza più rilevante, mentre l’agricoltura è abbastanza recente. In seguito, si sono sviluppate anche le prime fabbriche per la lavorazione della lana e del […]

Sul modello di una nazione socialista, la Mongolia aveva modellato il sistema politico ed economico su quello dell’URSS. Per diversi decenni il Partito Rivoluzionario Popolare governò, a stretto contatto con l’Unione Sovietica. Alla fine degli anni ’80, con lo scioglimento dell’URSS, ebbe luogo una transizione a livello di struttura governativa e istituzioni politiche. Dalle elezioni […]

  I mongoli sono gente ospitale, tranquilla e tollerante; amano i grandi silenzi della steppa e i comportamenti decorosi, ispirati a un’educazione severa e a una profonda spiritualità, che li ha temprati a superare ogni ostacolo e ogni difficoltà. Lo stile di vita nomade li ha abituati ad usufruire dell’essenziale e ad adattarsi ai ritmi […]

In primo luogo, è importante sapere che in queste terre vi sono dei cibi sacri, considerati tsagaan, alimenti “bianchi”, come il latte di capra, di mucca, di yak, di cammella, lo yogurt, il latte di giumenta fermentato (airag) e i liquori di latte (archì). La cucina mongola è a base di carne e latte, elementi […]

viaggio in Mongolia

Tre sono le principali discipline dei mongoli: lotta, tiro con l’arco e corsa dei cavalli. Le gare si svolgono senza compromessi, secondo le leggi ancestrali della steppa. Per questo da qui non usciranno mai campioni del mondo o allori olimpici. La vera Olimpiade per i mongoli si chiama Naadam, due giorni di gare e di […]

tour della Mongolia

Libri: A.A.V.V., Mongolia. Nelle steppe di Cinghis Khaan, 1992 Adravanti F., Gengiz-Khan Primo Imperatore del “Mirabile Dominium; Milano 1984. Audisio E., Tutti i cerchi del mondo, Milano 2004. Barzini L. jr, Evasione in Mongolia, Torino 1997. Colleoni A., Mongolian shamanism, C.N.R.-M.A.S. Costantinides F., Sciamanismo mongolo, C.N.R.-M.A.S., Trieste 2006 De Toffol D.-Bellatalla D., Sciamanesimo e sacro […]

Ambasciata d’Italia – PECHINO: San Li Tun, 2 – Dong Er Jie, Beijing 100600 Tel:  (00 86 10) 6532 2131/2/3; Fax: (00 86 10) 6532 4676; Cellulare funzionario di turno (attivo per emergenze in orario di chiusura degli Uffici): (0086) 13901032957 – nei fine settimana e giorni festivi h 08:00-20:00 (0086) 13520652007 – tutti i […]

tour Mongolia

Il tasso di criminalità a Ulaan Baatar è in aumento: mercati, i magazzini di stato ed i luoghi frequentati dai turisti sono meta abituale di scippatori e di piccoli delinquenti. Sono stati segnalati recentemente alcuni episodi di natura più violenta contro gli stranieri. Zone a rischio Si consiglia vivamente di evitare uscite isolate nelle ore […]

tour Mongolia

La rete viaria interna al Paese non e’ molto sviluppata. La Mongolia conta circa 1.800 Km di ferrovie e meno di 2000 Km di strade asfaltate. La sola linea ferroviaria che attraversa la Mongolia dal nord al sud permette di giungere a Irkustsk in Siberia, o a Pechino in Cina. Ci sono 3 biforcazioni, l’una […]

Gher: Lo stile di vita mongolo è nomadico e profondamente legato a quello degli animali. Nei territori sconfinati e disabitati del Paese, quando all’orizzonte si intravede qualcosa, si tratta quasi sempre di una gher, la tipica tenda mongola di feltro bianco e a pianta circolare, facilmente trasportabile. Pur essendo improntato a un modo di vita […]

Viaggio Mongolia

Quando si parla di festività in Mongolia, la prima parola che si sente pronunciare è Naadam. Essa infatti, da tremila anni, è considerata la festa nazionale più importante del Paese, da otto secoli è la rievocazione delle gesta di Gengis Khan, orgoglio inossidabile della Mongolia, e dal 1921 costituisce anche l’anniversario della rivoluzione mongola. Durante […]

tour della Mongolia

Ulaanbaatar Ulaanbaatar, capitale della Mongolia e con più di un milione di abitanti (raccoglie infatti più della metà della popolazione) ed unica grande metropoli del Paese, è fondata lungo le sponde del fiume Tuul ed è circondata da deliziose montagne, tra le quali celebri sono i 4 monti sacri. Nata nel XVI secolo inizialmente come […]


Cerca l'agenzia più vicina a te

Altri viaggi che potrebbero interessarti
Articoli che potrebbero piacerti

Ritrovamento reperti fossili in Mongolia. Scoprilo qui!

La filmografia che va dal 1910 al 1945 è stata fortemente influenzata dal dominio giapponese. Nel periodo successivo alla suddivisione del paese, si sviluppò il filone dei documentari, nato durante il periodo della guerra e integrato successivamente. I titoli più importanti di questo genere sono Il mio suolo natale, Il fiume Tumangan,  La storia della […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Progettazione, organizzazione ed erogazione di servizi turistici ad aziende, agenzie e utenti finali
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI
Ai fini dell'assolvimento dell'obbligo di pubblicazione degli aiuti di stato percepiti, si rinvia a quanto contenuto nel sito https://www.rna.gov.it/RegistroNazionaleTrasparenza/faces/pages/TrasparenzaAiuto.jspx