https://www.goasia.it?p=29756
per informazioni: Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
Tel. 071 2089301 - info@goasia.it

MERAVIGLIE dell’INDIA 

Hyderabad – Gulbarga – Bijapur – Badami – Hospet – Bangalore

Meravigliosi sono quei siti archeologici che sono ancora poco conosciuti e per la visita dei quali vale la pena affrontare trasferimenti lunghi o sistemazioni discrete. In questo viaggio offriamo la possibilità di ammirare veri e propri tesori come Golconda, di cui oggi rimangono solo rovine che tuttavia lasciano immaginare il suo antico splendori; l’immortale Hampi, capitale del Regno di Vijayanagar; Badami, capitale dei Chalukya da cui si visitano i gioielli di Aihole e Pattadakal; ed infine Lepakshi, importante sito storico e archeologico nello stato dell’Andhra Pradesh. Il viaggio richiede un buon spirito di adattamento per alcuni lunghi trasferimenti su strade non sempre in ottime condizioni e per il cibo che può essere molto speziato.

Viaggio di gruppo in esclusiva Go Asia con Accompagnatore Esperto dall’Italia.

1° giorno

MILANO – HYDERABAD (-/-/-)

Partenza da Milano Malpensa per Hyderabad con volo di linea Emirates via Dubai (cambio aeromobile) o altro vettore IATA con diverso istradamento secondo disponibilità. Pasti a bordo.

2° giorno

HYDERABAD (B/L/D)

Arrivo a Hyderabad nelle prime ore del mattino. Dopo le formalità di ingresso e doganali trasferimento all’Hotel Courtyard by Marriott 4* sup. o similare dove le stanze saranno immediatamente a disposizione Prima colazione. Incontro con la guida locale ed inizio del programma di visite di Hyderabad, città che offre al turista numerosi esempi del suo splendido passato. Al mattino escursione per la visita alle rovine dell’imponente Golconda, a circa 11 km. dalla città, situate sulla sommità di una collina granitica, nota con il nome di telugu Golla Konda, ovvero la collina del pastore. Le origini del Forte risalgono al 1143, sotto la dominazione della dinastia hindu Kakatya. Golconda si compone di 4 diversi forti, vi si accede attraverso la Fateh Darwaza, la porta della Vittoria, che ricorda l’entrata trionfale delle armate di Aurangzeb; un’acustica perfetto permette di udire qui un battito di mani compiuto sotto la cupola del portale Bala Hissar, ad oltre un chilometro di distanza. Pranzo in ristorante locale o in hotel. Nel pomeriggio le visite proseguono con le tombe Qutub Shahi, a nord di Golconda, pregevole esempio delle tradizioni architettoniche indiane durante la dinastia Qutub Shahi. Al termine visita al Charminar, emblema della città, moschea situata sulle rive orientali del fiume Musi. Rientro in hotel per la cena e il pernottamento.

3° giorno

HYDERABAD - GULBARGA (B/L/D)

Prima colazione in hotel. Partenza presto al mattino: la prima tappa del nostro viaggia sarà il Forte di Bidar (km. 142; circa 3 ore di viaggio), del 1429 d.C. costruito per volontà del Sultano Ahmad Shah Wali. Pranzo in ristorante locale prima del proseguimento per Gulbarga (Km 140; circa 3 ore di viaggio), famosa in tutto il mondo per la grandiosità dei numerosi monumenti in stile indo-saraceno che si trovano nel distretto a testimonianza dei vari regni che vi si sono susseguiti, primi fra tutti i Rashtrakutas e i Bahamanis. Si visita in città il Forte di Gulbarga, del 1347 costruito per volontà di Al-ud-din Bahamni; a seguire la Jami Masjid (moschea) i cui interni ricordano la Grande Moschea di Corboda in Spagna; la Balahisar, una sorta di roccaforte situata nel quadrante settentrionale della città che ha avuto diverse destinazioni nel corso dei secoli. Al termine delle visite, trasferimento all’hotel Grand Hotel 4* o similare e sistemazione nelle camere riservate. Cena e pernottamento.

4° giorno

GULBARGA - BIJAPUR (B/L/D)

Prima colazione in hotel. Partenza in pullman alla volta di Bijapur (km. 170, circa 4 ore): situata a metà strada tra Bangalore e Mumbai, Bijapur era nota già con il nome in sanscrito di Vijayapura ovvero “città della Vittoria”. Nel corso dei secoli numerose dinastie si alternarono fino a che nel 1686 la città entrò a far parte dell’Impero Moghul; durante la dominazione inglese, fu assegnata al Raja Pratap Singh e dopo l’indipendenza fece parte dello stato di Mysore, successivamente inglobato nel Karnataka. All’arrivo sistemazione presso l’Hotel Basva Residency 4* o similare. Pranzo. Nel pomeriggio visita dei principali siti di interesse storico e archeologico: il Gol Gumbaz , Mausoleo dei Adil Shah, Sultano di Bijapur, ultimato nel 1656 che rappresenta perfettamente la tipica architettura del Deccan; la Moschea (Jami Mashid), tra le più grandi dell’India, che al suo interno custodisce una copia del Corano con iscrizioni in oro; la Ibrahim Roza, elegante cenotafio che si ritiene sia stato fatto erigere da Ibrahim Shah II (1580-1626) in memoria della moglie Taj Sultana. Rientro in hotel per la cena e il pernottamento.

5° giorno

BIJAPUR - BADAMI (B/L/D)

Prima colazione in hotel. La meta odierna sarà Badami, che si raggiunge dopo aver percorso 135 km (circa 4 ore): All’arrivo sistemazione presso l’Hotel Clarks Inn, 4* o similare e pranzo. Nel VI secolo Pulakeshin I fecedi Badami l’antica capitale dei Chalukya, sfruttando la sua posizione naturale che ne rendeva più facile la difesa. Da qui i suoi successori partirono per allargare i propri confini verso il sud. Badami è oggi poco più di un villaggio ma ha mantenuto inalterate alcune vestigia del suo glorioso passato: si possono visitare le quattro grotte templari, le più importanti grotte del Deccan, scavate nelle rupi esposte a sud. Al periodo dei primi Chalukaya (VI secolo ) appartengono i tre templi di Shivalaya che si trovano sulla collina a nord del Forte e il tempio di Bhutanatha (VII- XI secolo) al lato estremo del laghetto. Si ammirano le superbe sculture situate all’interno, attorniate da colonne, capitelli e soffitti finemente decorati da figure, foglie, gioielli e ghirlande. Rientro in hotel per la cena e il pernottamento.

6° giorno

BADAMI: Aihole e Pattadakal (B/L/D)

Prima colazione. Giornata di escursione per la visita ai siti di Aihole e Pattadakal. I Templi Hucchayyamatha e Hucchimalli di Aihole rappresentano due splendidi esempi di arte induista e jainista. Il sito di Pattadakal sulle rive del fiume Malprabha, è un susseguirsi di templi dell’ottavo secolo, di vari stili architettonici, di cui i due più grandi sono dedicati a Virupaksha e Mallikarjuna,, due delle incarnazioni di Shiva. Pranzo incluso in corso di escursione. Cena e pernottamento in hotel.

7° giorno

BADAMI - HOSPET (B/L/D)

Prima colazione in hotel. Un’altra giornata di trasferimento per raggiungere Hospet, km. 200 (circa 6 ore di viaggio). Numerose saranno le soste lungo il tragitto per ammirare vari retaggi monumentali che datano dal 1050 al 1200 e si rifanno allo stile Gadag, caratterizzato da colonne con intricatissimi bassorilievi. Si visiteranno così il Tempio Trikutshwara a Gadag, il Tempio Kasivisvesvara a Lakkundi, il tempio Doddabasappa a Dambal e il tempio Amriteshwara a Annigeri prima di arrivare ad Hospet. Pranzo in corso di escursione. Sistemazione presso l’Hotel Royal Orchid Keerti, 4* o similare di Hospet: cena e pernottamento.

8° giorno

HOSPET: escursione a Hampi (B/L/D)

Prima colazione in hotel. La giornata è dedicata alla visita di Hampi. In questo luogo sorgeva la capitale dell’antico impero Vijayanagr. Il sito si trova nei dintorni di Hospet a circa 14 km dal lago artificiale di Tungabhadra. I resti dei palazzi e dei templi coprono una superficie di circa 23 kmq. L’impero di Vijayanagar costituiva un valido baluardo che si oppose all’invasione musulmana dell‘India del Sud. Fin dalla sua nascita diede un vigoroso impulso alle tradizioni artistiche tramandate dagli ultimi Chalukaya, dai Kakatya e dagli Hoysala, riassumendo l’arte del passato ed arricchendola di elementi originali, riproponendola in seguito anche ad altre citta’, come Tanjore e Madurai, dove la dinastia si trasferì dopo la distruzione avvenuta nel 1565 durante la battaglia di Talikota. La sua grandezza si manifesta nelle ciclopiche fortificazioni, costruite servendosi delle pietre dura delle circostanti colline, e nel suo genio nell’architettura templare. Pranzo in corso di escursione. Cena e pernottamento in hotel.

9° giorno

HOSPET - BANGALORE (B/L/D)

Prima colazione in hotel. Partenza al mattino per Bangalore, km 338, circa 7 ore di viaggio. Lungo il tragitto sosta per la visita del bel Tempio Kesava di Somnathpur, la cui forma stellare è un perfetto esempio di architettura in stile Hoysala. Pranzo in ristorante locale in corso di escursione. All’arrivo a Bangalore, capitale dello stato del Karnataka, sistemazione presso l’Hotel Ramada 4* superior, o similare. La città, fondata nel 1537 dal capotribù Kampegowda, era alle origini una fortezza in terra battuta situata in cima ad una collina. Conquistata nel 1758 da Haider Ali, divenne sotto il suo dominio e quello di suo figlio Tipu Sultan un crocevia per i commerci est–ovest nell’India meridionale. Fu proprio a causa della medesima ideologia mercantile ed espansionistica che Tipu si scontrò con gli Inglesi e venne deposto da Arthur Wellesley. La città divenne presidio inglese nel 1799 mantenendo la sua importanza strategica sino all’indipendenza. Sede di alcuni dei più grandi stabilimenti industriali della nazione nonché capitale indiana dell’informatica, il commercio del cotone è stato sostituito dall’esportazione del software, contendendone il primato alla mitica Silicon Valley. Cena e pernottamento in hotel..

10° giorno

BANGALORE: Escursione a Lepakshi (B/L/D)

Prima colazione in hotel. La giornata è dedicata alla visita di Lepakshi, un importante sito storico e archeologico situato nello stato indiano dell’Andhra Pradesh, nel distretto di Anantapur, a circa 125 km. a nord di Bangalore. Accanto all’impressionante monolitico toro Nandi, raffigurante la mitica cavalcatura di Shiva e bardato con ghirlande e campanelle, si ammira il tempio di Virabhadra, importante esempio dello stile architettonico di Vijaynagara con splendide sculture e affreschi dai vividi colori i cui volti e costumi ci rendono partecipi di antiche cerimonie. Pranzo in ristorante in corso di escursione. Rientro in hotel a Bangalore per la cena. Stanze a disposizione fino al trasferimento in aeroporto.

11° giorno

BANGALORE - MILANO (-/-/-)

Trasferimento in aeroporto in tempo utile per la partenza per Milano Malpensa con volo di linea Emirates, via Dubai (cambio aeromobile) o altro vettore IATA con diverso istradamento.

Quote per persona, a partire da:

PartenzaDoppiaSupplemento singola
8 Agosto 2019€ 2.150€ 420
26 Settembre 2019€ 2.150€ 420

Note

(B/L/D): B = colazione; L = pranzo; D = Cena

 

Date di partenza dall’Italia

  • Giovedì, 8  Agosto 2019
  • Giovedì, 26 Settembre 2019

 

HOTEL PROPOSTI  o similari

  • Hyderabad: Courtyard by Marriott  4* sup. – Superior
  • Gulbarga: Grand Hotel 4* basic – Standard
  • Bijapur: Basva Residency 4* basic  – Premium
  • Badami:  Clarks Inn  4*   – Standard
  • Hospet:  Royal Orchid Keerti  4*  – Deluxe
  • Bangalore:  Ramada Hotel 4*  – Standard

 

L’itinerario potrebbe subire modifiche in base alle condizioni climatiche e delle strade. Il check in negli alberghi è solitamente alle ore 14.00 il check out alle ore 12.00

Per accedere ad alcuni templi  viene richiesto di togliere scarpe e calze. Le mance non sono obbligatorie ma sono consigliate  a autisti e guide.

Per  partecipare a questo viaggio occorre il visto indiano il passaporto con validità residua di 6  mesi dalla  data  d’ingresso in India  con almeno 2 pagine libere. Entro trenta  giorni dalla  data  di partenza  occorre inviarci  la copia scansionata  del passaporto,  di una  fototessera formato 5 x 5 e  di un formulario debitamente compilato.

Durante il viaggio, il passeggero dovrà portare con sè, una copia dell’ autorizzazione elettronica di viaggio (ETA) ed il biglietto aereo

 


La quota comprende

  • Volo intercontinentale da Milano con Emirates  via Dubai o altro vettore IATA con diverso istradamento a tariffa speciale concordata.
  • Sistemazione negli Hotel menzionati, o se non disponibili altri della stessa categoria, su base camera doppia nelle tipologie indicate
  • Assistenza di un Esperto Accompagnatore Italiano per tutta la durata del viaggio per le date del 8 di agosto e  26 settembre.
  • Trattamento come da programma, pensione completa
  • Trasferimenti, visite in pullman con aria condizionata come indicato nel programma
  • Guide locale parlanti inglese e accompagnatore  locale parlante  italiano
  • Ingressi ai siti menzionati.
  • Gadgets, etichette bagaglio e documentazione illustrativa varia
  • L’assicurazione per l’ assistenza medica, il rimpatrio sanitario ed il danneggiamento al bagaglio
  • Polizza viaggi rischio zero

La quota non comprende

  • Visto India € 120
  • Tasse aeroportuali, soggette ad aumenti € 395
  • Eventuali tasse aeroportuali locali da pagare localmente (al momento della stesura del programma  non previste)
  • Le bevande, le mance, gli extra di carattere personale, eccedenza bagaglio
  • Le tasse per macchine fotografiche o videocamere
  • Le escursioni facoltative e tutto ciò non evidenziato nella voce “la quota comprende”
  • Blocco valuta
  • Quota d’iscrizione € 95

Si crede che i primi abitanti Indonesiani fossero originari dell’India o della Birmania. Nella parte orientale dell’isola di Java sono stati rinvenuti i resti fossili del cosiddetto “uomo di Java”, (un homo erectus di circa 500.000 anni fa). Durante il periodo neolitico e fino al 1000 a.C., popoli protomalesi approdarono a Java. L’ondata migratoria, proveniente […]

India

  Si ritiene che la nascita delle prime forme di civiltà urbana avvengano nella Valle dell’Indo (tra Pakistan e India) intorno al 3500-2500 a.C., i primi abitanti erano tribù nomadi di agricoltori e allevatori. Nel millennio successivo gli insediamenti occupano parti del Rajasthan, il Gujarat e la Provincia del Sindh (oggi in Pakistan) dove nascono […]

L’India è uno stato appartenente all’Asia Meridionale; a nord dell’equatore, con i suoi 3.166.414 Km² di superficie, è il 7° stato del mondo per estensione. L’India è confinante a Nord con Cina, Nepal e Bhutan, con il Pakistan e il Mar Arabico ad Ovest, ad Est con il Myanmar (ex-Birmania), Bangladesh, e Golfo del Bengala […]

Il dominio britannico fu quanto mai deleterio per l’economia indiana, che prima del raj era tra le più fiorenti del mondo grazie soprattutto all’esportazione di spezie e tessuti pregiati. Negli ultimi vent’anni l’economia è in continua crescita, raggiungendo nel 2008 un PIL nominale di 1.253.860 dollari statunitensi. L’India ha un’economia di tipo misto in cui […]

L’India, la maggior democrazia al mondo in termini numerici, è una repubblica federale. Il parlamento è diviso in due rami: la Lok Sabha (Assemblea del Popolo), con 545 parlamentari eletti a suffragio universale diretto, e la Rajya Sabha (Assemblea degli Stati), con 244 membri nominati dai governi dei singoli Stati. Le due camere unite eleggono […]

Analizzando dettagliatamente la storia millenaria dell’India, si osserva come le varie religioni presenti nel territorio si siano mescolate e fuse nel corso degli anni più di quanto si possa desumere dai censimenti ufficiali. Il discorso relativo alla religione è assai complesso e di difficile interpretazione; purtroppo questo tema ha portato frequentemente alla nascita di conflitti […]

La popolazione In molti sostengono che la bellezza di questo paese si nasconde proprio tra la straordinaria moltitudine di persone ed animali in cui ci si può imbattere a qualsiasi ora del giorno e della notte dalla strada più affollata alla via più solitaria. Tutte le facce, i colori, i particolari che si osservano comunicano […]

La Costituzione dell’India ha definito l’uso dello Hindi e dell’Inglese come le due lingue ufficiali per il governo nazionale. L‘Hindi è attualmente la lingua madre del 30% della popolazione, diffuso prevalentemente nell’area nord-est del paese; essendo affine al Sanscrito venne scelto anche con una forte valenza simbolica, per ribadire la continuità con un passato glorioso. […]

Dietro l’apparente semplicità di questi piatti si nasconde una miscela di spezie, sapori e usanze che affondano le loro radici in un remoto passato. La gastronomia indiana è decisamente una delizia per tutti coloro che amano la cucina esotica. La cucina tradizionale varia molto a seconda che ci si trovi nella parte Nord o Sud […]

In pubblico Gli indiani non vedono di buon occhio il contatto fisico. In India un uomo e una donna che si toccano, si baciano o abbracciano, sono biasimati. Non è socialmente accettabile che una donna sia toccata da un uomo che non sia il marito o il figlio, e nel caso del marito, il contatto […]

Aereo Si può raggiungere l’India per via aerea da quasi tutte le parti del mondo. La principale compagnia aerea per i collegamenti interni è la Indian Airlines; la linea internazionale Air India (e Alitalia) offre 4 voli settimanali con partenza da Roma e destinazione Delhi o Bombay, oltre a collegare quasi tutte le principali località […]

Ufficio nazionale del turismo indiano Via Albricci, 9 20122 Milano Italia E-Mail: Info@IndiaTourismMilan.com Internet: http://www.IndiaTourismMilan.com Tel. +39 02 804952 Fax: +39 02 72021681 Ambasciata dell’India Roma,Via XX Settembre, 5 E-Mail: gen.email@indianembassy.it Tel. 0039 064884642-3-4-5 Fax 0039 064819539 Ambasciata italiana a new delhi 50E,Chandra  Gupta Marg, Chanakyapuri, New Delhi – 110021 (INDIA) E-Mail: ambasciata.newdelhi@esteri.it Tel.: +91.11.26114355 […]

rajasthan

Delhi New Delhi è la capitale dell’India: insieme a Old Delhi forma Delhi, un enorme agglomerato che con 1483 kmq di superficie e più di 11 milioni di abitanti, costituisce una delle città più popolose della terra. Il suo creatore, Edwin Lutyens, si ispirò alla struttura urbanistica della città di Parigi progettando quindi larghi viali […]

L’India è oggi l’esempio di una civiltà antica che risale a quasi 5000 anni fa. La sua unicità deriva da tradizioni antiche e radicate, le quali rendono le Terre d’Asia il luogo ideale per le vacanze-benessere, essendo la culla di pratiche sempre più apprezzate e diffuse quali lo Yoga, la Naturopatia e l’Ayurveda. Il termine […]

india

A contatto con la natura: Safari a dorso di elefante Questo tipo di escursione rappresenta un modo veramente speciale per entrare in contatto con la natura selvaggia dell’India. Molti dei parchi nazionali dispongono di propri elefanti che possono essere tranquillamente noleggiati per visitare quei posti che altrimenti sarebbero inaccessibili a piedi o con la jeep, […]

rajasthan

La maggior parte delle feste in India segue il calendario lunare indiano o tibetano, oppure quello islamico (che cambia ogni anno). L’india è una terra di feste; quasi ogni giorno dell’anno, in qualche parte della nazione è possibile imbattersi in celebrazioni in onore di divinità, santi, profeti e guru appartenenti ad almeno sei religioni diverse. […]


Cerca l'agenzia più vicina a te

Altri viaggi che potrebbero interessarti
Articoli che potrebbero piacerti
Kazakistan expo 2017

La cultura kazaka è solo lievemente influenzata dalla religione islamica, in quanto la popolazione non ha alcuna tendenza all’integralismo e il paese si sta laicizzando sempre più. Le donne sono le più emancipate dell’Asia centrale, nonostante siano ancora diffusi i rapimenti da parte di uomini che lasciano ai genitori la sola possibilità di contrattare il […]

Rimangono poche testimonianze delle origini del Tibet, si sa però che inizialmente era popolato solamente da pastori nomadi provenienti dall’Asia centrale. La storia del Tibet come nazione inizia con la nascita del Re Tho-tho-ri-Nyantsen nel 173 a.C. In quel periodo la religione praticata era di tipo sciamanico, detta anche Bön. Del periodo si può ancora […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su