Economia della Mongolia

Fino a metà del XX secolo, l’economia mongola si basava sullo yak, pecore, cammelli o l’artigianato dei monaci. L’allevamento del bestiame (equini, ovini, bovini e cammelli) è sicuramente la fonte di ricchezza più rilevante, mentre l’agricoltura è abbastanza recente. In seguito, si sono sviluppate anche le prime fabbriche per la lavorazione della lana e del legno, grazie anche all’aiuto, negli anni ’80, dell’Unione Sovietica. Ciò costituì un vero e proprio boom economico per la Mongolia con più di 500 dollari di reddito pro capite, anche se l’economia rimane fragile. Tanto che al crollo dell’impero sovietico, la Mongolia si ritrovò di nuovo senza risorse. Il sottosuolo della Mongolia è ricco di oro e tungsteno ma mancano ancora le infrastrutture per poter sfruttare i giacimenti. Il carbone viene interamente utilizzato per l’energia interna.
Nel 1991 il governo avvia la privatizzazione, distribuendo fabbriche, terre e allevamenti alla popolazione. Negli ultimi anni è stato inoltre avviato un processo, seppur ridotto, di import-export (cachemire e pelli che costituiscono il 20% dell’intera produzione economica), soprattutto con Cina e Siberia. Sta prendendo piede anche il turismo: giapponesi, sudcoreani, statunitensi, francesi sono i visitatori più assidui e si concentrano soprattutto durante il Naadam, che corrisponde anche al periodo più piacevole dal punto di vista del clima.
Il reddito procapite è di circa 2.000 dollari (stimato al 2006) e, come il PIL, si mantiene in crescita stabile dal 2002 nonostante una lieve flessione dal 2005. Un problema del paese rimane il forte deficit commerciale. L’enorme debito estero con la Russia (originariamente di 11 miliardi di dollari) viene tuttavia estinto nel 2004, con un pagamento di circa 250 milioni di dollari come ricompensa per i danni economico-ambientali dovuti all’influenza sovietica. Nel 1997, la Mongolia ha aderito all’Organizzazione mondiale del Commercio ed esporta oggi cashmere, minerali e generi alimentari principalmente verso Russia, Stati Uniti Cina, Giappone e Italia.

 

Formalità valutarie

Secondo notizie giornalistiche (non confermate), all’ingresso nel Paese sarebbero previste nuove restrizioni per l’importazione di valuta straniera (somme superiori ai 2000 USD). In ogni caso non e’ consentito uscire dal Paese con una somma superiore a quella dichiarata in entrata.

Il dollaro statunitense e’ la valuta straniera preferita, accettato talvolta nella capitale anche per piccole transazioni commerciali. Le carte di credito hanno una diffusione molto limitata (grandi alberghi e alcuni ristoranti e negozi), e addirittura sono quasi del tutto sconosciute al di fuori della capitale.

MONETE E CAMBIO

  • La valuta ufficiale mongola è il tugrig (il cui simbolo è T, Tg o MnT). Non vi è nessun problema per il cambio: si può arrivare in Mongolia con dollari americani (accettati solo nella capitale) e trasformarli in valuta locale in banca, nei centri autorizzati e anche per la strada, dove vi è un florido mercato nero.
  • Fino a qualche anno fa circolavano splendide monete, che attualmente sono diventate reperti per collezionisti. Oggi ci sono monetine in lega leggera con il simbolo del Soyombo (è il simbolo della libertà e dell’indipendenza della Mongolia e si ritrova anche sulla bandiera nazionale), ma ormai girano quasi solo banconote: quelle più modeste (verdi da 10, rosa da 20, marroni da 100 tugrig) portano l’effige dell’eroe della liberazione mongola Sukhbaatar Dai 500 tugrig in su (verdi da 500, turchesi da 1000, rosa da 5000, verde scuro da 10.000 tugrig cioè due euro), c’è l’icona di Gengis Khan.

Altri viaggi che potrebbero interessarti
Bhutan

Durata: 11 giorni / 10 notti

da € 3.270 - Voli esclusi

Durata: 14 giorni / 11 notti

da € 4.350 - Voli esclusi

Durata: 13 giorni / 12 notti

da € 1.690 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

L’economia dell’Uzbekistan è trainata dal settore primario. In particolare il paese ha affrontato un investimento importante per l’irrigazione artificiale delle regioni più aride al fine di produrre cotone grezzo, frutta, riso e bachi da seta. Nella parte occidentale sono diffusi gli allevamenti di pecora Karakul dalla quale si ricava una tipologia di lana vellutata destinata […]

Dubai ha una storia molto recente; infatti le prime testimonianze scritte risalgono al 1799. In particolare, è noto che nel ‘700 le famiglia Al Abu Falasa si stabilì nella zona e da quel momento la città restò sotto il potere di Abu Dhabi fino al 1833, quando la famiglia Al Maktum, dopo essersene andata da […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su