Il Taj Mahal, che letteralmente tradotto significa “il palazzo della corona” o “la corona del palazzo”, è il nome dato ad una stupenda costruzione situata nella cittadina indiana di Agra, le cui origini sono molto incerte.

Secondo la tradizione, l’opera sarebbe stata voluta dall’imperatore indiano Shah Jahan, per realizzare una delle promesse fatta alla moglie quando era ancora in vita.

I lavori, che ebbero inizio nel 1632, si conclusero solo nel 1654 ed impiegarono il lavoro di tantissimi artigiani, alcuni dei quali provenienti dall’Europa e addirittura uno dall’Italia di nome Geronimo Veroneo, che si servirono di diversi materiali provenienti da ogni parte dell’India e dell’Asia.

In totale si contano 28 diversi tipi di pietre preziose e semi preziose, incastonate nel marmo bianco come motivo decorativo dell’intera struttura.

Durante il XX secolo l’edificio fu molto curato: nel 1942, durante la seconda guerra mondiale, il Governo indiano eresse infatti un’impalcatura attorno alla struttura per difenderla da eventuali danni provocati da attacchi aerei e tale precauzione fu presa anche durante la guerra tra India e Pakistan, tra il 1965 e il 1971.

Negli ultimi anni il Taj Mahal ha dovuto affrontare, tuttavia, un nemico molto più subdolo: l’inquinamento.

A causa delle polveri sottili, infatti, il candido marmo di cui è ricoperto si sta ingiallendo.

Al fine di risolvere questo problema, oltre alle normali operazioni di pulitura regolarmente commissionate dal Governo indiano, dovrebbe essere fatto anche un intervento di trattamento speciale sui marmi che richiederebbe un grande sacrificio di risorse economiche, tanto che le autorità locali, proprio per arginare i costi, hanno deciso di optare per delle misure di prevenzione, come ad esempio la legge che vieta di costruire industrie inquinanti nell’area attorno al Taj Mahal.

Il complesso architettonico del Taj Mahal si compone di cinque elementi principali: il darwaza (portone), il bageecha (giardino), il masjid (moschea), che rappresenta il luogo di culto dei pellegrini e la struttura che santifica l’intero complesso, il mihman khana (“casa degli ospiti”, chiamata anche jawab) ed infine il mausoleum ovvero la tomba dell’imperatore Shah Jahan.

Inoltre ulteriori strutture secondarie sorgono addossate alle mura che dividono il complesso dall’esterno (esse lo cingono per tre lati, poiché il lato settentrionale prospiciente il fiume è libero) e sono: i due portali secondari ed otto torri ottagonali.

All’interno del giardino, si trovano aiuole di fiori, canali d’acqua che riflettono l’immagine del Taj e viali alberati.

Esso è suddiviso in quattro parti da due canali che si intersecano in modo ortogonale al centro; ognuna delle quattro parti è a sua volta divisa in ulteriori quattro parti da viali percorribili.

Il mausoleo vero e proprio invece, è una struttura alta nel suo punto più elevato 68 metri ed è posto al di sopra di una sopraelevazione di forma quadrata dove ai suoi quattro vertici sono posti quattro minareti.

Possiamo dire che visto di prospetto l’edificio è, nella sua massima semplificazione, un rettangolo sovrastato da un arco ogivale la cui forma viene ripresa, poi, in ogni parte della struttura: si vedano ad esempio le nicchie presenti lungo ogni faccia dell’edificio e riprese in tutte le strutture del complesso del Taj Mahal.

Con questa soluzione di geometria autoreplicante viene mantenuta proprio una certa continuità tra le varie parti dell’edificio e tra l’edificio e il resto del complesso.

Ai lati di ogni apertura dell’edificio inoltre è posto un pinnacolo di forma ottagonale alto e stretto che supera in altezza il tetto.

Per quanto le pareti siano interamente rivestite di marmi, la struttura portante è stata realizzata in pietra arenaria rossa ed è sovrastata da cinque cupole.

La struttura presenta anche diversi minareti, all’interno dei quali è posta una scala spiroidale che lo attraversa lungo tutta la sua altezza per permettere così di raggiungerne anche la cima.

Per tutti questi elementi e per la notevole bellezza che da essi scaturisce, l’edificio è stato dichiarato nel 1983 patrimonio dell’umanità Unesco ed inserito nel 2007 fra le nuove sette meraviglie del mondo.

Se volete conoscere tutti i nostri tour in India cliccate qui!

 

 

 

 

 

 

 

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 9 giorni / 8 notti

da € 1.420 - Voli inclusi

Durata: 10 giorni / 8 notti

da € 1.690 - Voli inclusi

Durata: 14 giorni / 13 notti

da € 1.360 - Voli inclusi

Durata: 11 giorni / 10 notti

da € 3.380 - Voli inclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Avventuriamoci nella foresta di mangrovie più grande del mondo, un’area selvaggia caratterizzata in particolare da terreni paludosi, dove vivono numerosi animali, tra cui coccodrilli e le temute tigri del Bengala!

Scopri

Adesso i robot sono diventati pure camerieri…Scopritelo qui!

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su