Teheran e le principali città dell’Iran

Teheran
La capitale iraniana è una città non facile da visitare, in quanto manca di punti di riferimento, i luoghi di interesse turistico sono sparpagliati in tutta la città ed è forte la presenza di inquinamento e traffico. In cambio, gli alberghi buoni e i siti di interesse sono diversi e ottimi. Per orientarvi potete utilizzarei Monti Elburz, noti come la “Stella Polare” di Tehera, che si trovano a nord, e l’ufficio telefonico in Imam Khomeini Square che sovrasta la parte sud della città. Meritevoli di visita sono il Museo Nazionale dell’Iran, con la sua meravigliosa collezione di oggetti in ceramica, raffigurazioni e statuette in pietra provenienti dagli scavi di Persepoli e Shush, il Museo del Vetro e della Ceramica, interessante non solo per le esposizioni, ma anche per l’edificio in sé, il Museo Reza Abbasie i suoi esempi di pittura islamica, il Museo del Palazzo (Bianco) Nazionale ed il caotico bazar, così grande da essere praticamente una città a sé stante. Sono interessanti anche la Moschea Imam Khomeini, la maestosa Cattedrale Sarkis e i parchi e i giardini cittadini.

Persepoli
Persepoli è il complesso di palazzi costruito a partire dal 512 a.C., completato 150 anni più tardi, e bruciato fino alle fondamenta nel 331 a.C. durante il regno di Alessandro Magno. Ancora non è chiaro se l’incendio fu accidentale o di origine dolosa: si pensa che fu una ritorsione per la distruzione di Atene da parte di Serse. Impressionanti le iscrizioni e gli intagli in elamita e in altre lingue antiche della Porta di Serse. Il Palazzo delle Cento Colonne probabilmente era uno dei più grandi edifici costruiti nel periodo achemenide. Gli oggetti in oro e argento ritrovati all’interno del Palazzo Apadana, dove i re tenevano le udienze e dove si svolgevano le celebrazioni, sono conservati nel Museo Nazionale di Teheran.

Isfahan
L’architettura di Isfahan è dominata dal colore blu chiaro degli edifici islamici. L’atmosfera è piuttosto tranquilla ed è incantevole passeggiare per la città, perdersi nei bazar, girovagare per i giardini. Il detto Isfahan nesf-é jahan (Isfahan è la metà del mondo) racchiude la maestosità e la grandezza della città dove potrete ammirare bellezze come la Moschea dell’Imam, la Piazza Imam Khomeini, il Museo e il Parco Chehel Sotun e la Cattedrale di Vank. Se vi volete riposare fermatevi in una delle affascinanti sale da tè situate sotto i ponti della città.

Shiraz
Shiraz fu la capitale dell’Iran nel ‘700, durante la dinastia Zand. I numerosi artisti e studiosi che vivevano a Shiraz, conferirono alla città il privilegio di essere sinonimo di cultura, poesia e vino. L’università di Shiraz è una delle più eccellenti dell’Iran. In città ci sono numerosi monumenti e luoghi di forte interesse turistico come la tomba e il rilassante Giardino di Hafez, il Mausoleo di Shah-Cheragh, il Museo Pars e il delizioso Giardino Eram.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 7 giorni / 5 notti

da € 1.140 - Voli esclusi

Durata: 10 giorni / 7 notti

da € 2.890 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Media e Comunicazione in Vietnam Le comunicazioni in Vietnam sono tutte controllate dalle autorità di Hanoi. Stampa: In Vietnam sono diffuse più di 500 testate, anche se a livello nazionale vi sono cinque quotidiani principali, tutti in vietnamita e sotto la tutela degli organismi di controllo: Nhan Dan (Il Popolo), Quan Doi Nhan Dan (L’Esercito […]

Polizia: 119 Pronto Soccorso: 110 Vigili del fuoco: 111 Ambasciata d’Italia Jawatta Road, 55 – Colombo 5 Tel +94 11 2588388 Fax +94 11 2596344 – 2588622

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su