Storia delle Maldive

I primi insediamenti sulle isole Maldive risalgono al V secolo a.C.
Nel corso dell’XI secolo approdarono sulle isole Maldive gli arabi che percorrevano le rotte commerciali verso il sud-est asiatico e utilizzavano le Maldive come punto di scalo.
La mancanza di materiali da costruzione ha costretto i buddhisti e gli induisti a costruire su edifici già esistenti, per questo motivo le Moschee maldiviane non sono rivolte verso a Mecca, ma verso il sole.
I primi contatti con i popoli europei avvennero nel XVI secolo: nel 1558 arrivarono sul territorio i portoghesi, cacciati nel 1573 dai Devehi, che ne proclamarono l’indipendenza.
Al termine del XIX secolo il territorio entrò nel protettorato britannico e nel corso della II Guerra Mondiale rappresentò una base strategica per la marina britannica.
Nel 1968, dopo circa un decennio di separazioni e riassorbimenti dal Regno Unito, le Maldive sono ufficialmente dichiarate un repubblica presidenziale.
Durante il trentennio che va dal 1978 al 2008, si stabilì sul territorio un governo totalitarista che controllò i mezzi di informazione ed impedì i movimenti d’opposizione. Agli inizi del III millennio, la popolazione inizia ad insorgere contro le autorità e nel 2008 l’opposizione riesce a salire al potere ed istituisce un governo di stampo liberale. Questo grande passo dopo decenni di dittatura portò a duri scontri politici. Il governo tuttavia ha il merito di aver trasformato l’economia delle Maldive nella prima economia verde al mondo.

Articoli che potrebbero piacerti

L’isola è stata a lungo bersaglio di pirati giapponesi e cinesi sin dal sec. VII. Denominata Formosa dai portoghesi (sec. XVI), fu scalo commerciale olandese (1624) e poi colonia (1644) della Cina, di cui divenne ufficialmente parte nel 1683 e alla Cina rimase fino alla conquista giapponese (guerra cino-giapponese, 1895), malgrado gli attacchi del Giappone(occupazione […]

I mezzi più utilizzati sull’isola sono gli autobus e i treni. I primi sono numerosi, economici e sovraffollati. I treni sono meno veloci o più confortevoli. C’è la possibilità di noleggiare un’auto ed i prezzi sono ragionevoli, ma è necessario essere in possesso di patente internazionale con permesso di guida rilasciato presso l’AAC dietro pagamento […]

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

I nostri cluster: realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Progettazione, organizzazione ed erogazione di servizi turistici ad aziende, agenzie e utenti finali
ASTOI Fondo di Garanzia ASTOI
Ai fini dell'assolvimento dell'obbligo di pubblicazione degli aiuti di stato percepiti, si rinvia a quanto contenuto nel sito https://www.rna.gov.it/RegistroNazionaleTrasparenza/faces/pages/TrasparenzaAiuto.jspx