Bandiera e inno nazionale Myanmar

Bandiera nazionale:
Il colore dominante nella bandiera è il rosso. Vi è poi uno spazio rettangolare nell’angolo in alta a sinistra, di colore blu. All’interno di questo, spiccano in bianco una ruota dentata ed una spiga di riso, simboli rispettivamente del lavoro nelle fabbriche e nei campi, circondati da un cerchio di 14 stelle, che rappresentano invece i 7 Stati e le 7 Divisioni che costituiscono il Myanmar.
Infine, per quanto riguarda i colori della bandiera, il bianco indica la purezza, il rosso il coraggio e l’onestà del popolo e il blu la pace e la stabilità del paese
.
Inno nazionale:

Kaba Ma Kyei (“Fino alla fine del mondo, Myanmar”) è l’inno nazionale di questo Stato, radicato come quelli di altri pochi nelle tradizioni indigene. La melodia e il testo furono scritti da Saya Tin, e fu adottato come inno nazionale nel 1947.

Traduzione in italiano (versione ufficiale):
Fino alla fine del mondo, Myanmar!
Poiché la ereditiamo dai nostri antenati, la amiamo e la stimiamo
Combatteremo e daremo le nostre vite per l’unione
Questo è lo stato e la terra di nostra proprietà
Per la sua prosperità, ci caricheremo il lavoro
Lavorando per la nostra terra preziosa.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 13 giorni / 11 notti

da € 3.020 - Voli esclusi

Durata: 10 giorni / 9 notti

da € 1.380 - Voli esclusi

Durata: 4 giorni / 3 notti

da € 630 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Hotel e Attività suggeriti a Boracay

Migrare a Sud per ritrovare l’amore perduto – Alessandro Cancian

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su