Abbigliamento e comportamento in Nepal

Abbigliamento: L’abbigliamento cambia a seconda della zona che si intende visitare e del periodo in cui viene effettuato il viaggio. E’ consigliabile portare un abbigliamento pratico, informale: mettete sempre in valigia dei capi leggeri e capi pesanti da usare a “strati”.
Il Nepal è un paese piuttosto conservatore, quindi cercate di non indossare nulla di troppo scoperto. Tenere sempre le scarpe fuori prima di entrare in appartamenti, ville, templi e santuari.

La mancia: anche se è prevista solo nei ristoranti turistici e negli alberghi, è comunque una prassi molto gradita. Gli sherpa e le guide in generale gradiscono un riconoscimento alla qualità del servizio prestato al viaggiatore e considerano le mance un’integrazione al loro stipendio perciò è bene ricordarsi di lasciare in genere, il dieci per cento. Tenete conto del differente valore del denaro per evitare di donare delle cifre eccessive.

Da sapere: i nepalesi utilizzano la loro mano sinistra per l’igiene personale, quindi è bene non offrire o accettare qualsiasi alimento o bevanda con la mano sinistra. Non offrite a qualcuno alimenti o bevande che sono state già assaggiate, sorseggiate o morse. Ogni cibo che è stato già assaggiato è considerato inquinato, anche se è stato toccato solo con la forchetta o il cucchiaio. Il servirsi di entrambe le mani per dare o ricevere oggetti è un segno di rispetto.
I nepalesi di solito si accovacciano o si siedono sul pavimento per mangiare. E’ considerato maleducato lo stare di fronte a qualcuno che sta mangiando se i vostri piedi sono vicini al cibo.

I nepalesi sono generalmente molto amichevoli: non stringono la mano quando salutano, ma piuttosto dicono ‘namaste’ e piegano le mani di fronte al loro petto. Un eccentrico costume sociale nepalese è quello di indicare ‘no’ annuendo con la testa, e indicare ‘sì’ agitando la testa lateralmente. Siate quindi preparati a questo scambio confuso del  linguaggio del corpo!! Il rifiuto è spesso celato da  risposte vaghe perché dire di ‘no’ è considerato estremamente maleducato. Palese manifestazioni di affetto in pubblico creano disappunto. Chiedete sempre il permesso prima di entrare in un sito religioso (talvolta agli stranieri non concesso l’accesso).

La fotografia è un’altra questione delicata in Nepal. Questo è un paese in cui è una buona norma chiedere il permesso prima di scattare una foto. È generalmente accettato durante i festival, ma mai all’interno di templi o in cerimonie religiose.
Puntare una persona con il dito viene considerato scortese. Se vedete qualcuno che veste completamente in bianco, significa che è a lutto e non deve essere toccato per nessun motivo.

 Divieti: non è consentito portare via dal paese degli oggetti antichi senza lo specifico permesso del Dipartimento di archeologia di Ramshahpath.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 12 giorni / 11 notti

da € 1.340 - Voli esclusi

Durata: 7 giorni / 6 notti

da € 750 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

L’economia dell’Azerbaijan dipende dal settore agricolo e dall’industria estrattiva, tra cui l’estrazione di ferro rame, sale, piombo e petrolio. Le principali colture azere sono gli agrumi, il riso, il tabacco, il tè, il cotone, i cereali, la frutta ed il mais .

Danum Valley La foresta pluviale più antica del pianeta. Una paradiso naturale habitat di alcuni animali endemici e rari come gli oranghi. Il percorso è di circa 2 ore e 30 minuti di strada sterrata ed è possibile che  all’ improvviso una famiglia di elefanti  vi appaia sul bordo dello sterrato o che un branco […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su