https://www.goasia.it?p=8076
per informazioni: Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
Tel. 071 2089301 - info@goasia.it

Alla Scoperta di Antiche Civiltà

Il Pakistan è sede di numerosi luoghi di importanza storica che riflettono le tradizioni e le usanze dei tempi passati, ciascuno di questi siti racconta storie affascinanti sui popoli che hanno abitato il paese ai primordi della storia. Gli archeologi ogni giorno portano alla luce nuove scoperte che ci aiutano a comprendere l’influenza che queste culture hanno avuto sul nostro mondo moderno.

L’itinerario propone un viaggio di 15 giorni partendo dall’estremo sud del Pakistan fino ad arrivare ad Islamabad, per ripercorrere le tracce delle antiche civiltà dell’Indus Valley, visitando le città e i siti archeologici più suggestivi e ricchi di fascino. Si respirerà aria di “antichità” in un percorso unico attraverso le splendide regioni del Sindh e del Punjab.

 

Partenze libere  tutti i giorni tranne il venerdì

1° giorno

ITALIA - DUBAI - KARACHI (-/-/-)

Partenza dall’ Italia per Karachi, con voli di linea Emirates via Dubai, o altro vettore Iata con diverso istradamento. Pasti e pernottamento a bordo.

2° giorno

KARACHI (-/-/-)

Arrivo all’aeroporto di Karachi. Disbrigo delle formalità doganali, incontro con il rappresentante locale e trasferimento in hotel. Resto della giornata dedicata alla visita della città di Karachi. Karachi è la capitale della provincia di Sindh situata sulla costa del Mar Arabico, a nord-ovest del delta del fiume Indo. Conosciuta come un centro finanziario e commerciale, è anche la città più popolosa e più grande del Pakistan. Offre un centro cittadino ricco di cattedrali e diversi edifici vittoriani, testimonianza del passaggio dell’impero britannico. Si potranno visitare il Museo delle Forze Armate Pakistane, il museo Marittimo Pakistano e il Museo Nazionale del Pakistan, oltre al Mausoleo di Quaid-i-Azam, dedicato alla creazione del moderno Pakistan, l’imponente Moschea della Defence Housing Authority, sovrastata da una vasta cupola in marmo bianco a forma di conchiglia e decorata all’interno con migliaia di piastrelle a specchio. Pernottamento in hotel.

3° giorno

KARACHI – Thatta - HYDERABAD (B/-/-)

Prima colazione. Partenza per Hyderabad, con una sosta lungo il percorso perla visita di Thatta. La città è dominata dalla grande Moschea di Shan Jahan eretta tra il 1644 e il 1647, splendido esempio della maestosità degli edifici costruiti dai Moghul, è coperta da ben 93 cupole che offrono un'acustica sorprendente. Si narra che Alessandro Magno fece tappa in questo luogo con il suo esercito prima di proseguire la sua marcia verso il Makran. Visita della necropoli di Makli, inserita nel 1981 tra i Patrimoni dell’Umanità UNESCO quale “eccezionale testamento” della civiltà Sindh tra il 14° e il 18° secolo. Prosecuzione per Hyderabad, una delle sei città più grandi del Pakistan, situata nella provincia del Sindh. Fondata nel 1768 da Mian Ghulam Shah Kalhoro, dalle rovine di un villaggio di pescatori lungo le rive dell’ Indus, in passato veniva descritta favolosamente come la “ Parigi dell’India” poiché le sue strade venivano lavate ogni giorno con acqua profumata. La città divenne capitale del Sindh con la dinastia dei Kalhoras. Si espanse poi , giungendo al massimo della fioritura, con il regno dei Talpur. Tradizionalmente, i vecchi edifici della città sono sovrastati da 'Manghu' o 'badgir', che si presentano come camini su tetti e catturano le fresche brezze che soffiano costantemente da sud-ovest a nord-est durante le calde giornate estive cominciando a fine aprile. Nelle vecchie stradine si possono ancora incontrare le mucche che vagano pigre e che contribuiscono a dare l’illusione di un'atmosfera spiccatamente medievale. Arrivo, sistemazione nelle camere. Pasti liberi. Pernottamento in hotel.

4° giorno

HYDERABAD – SEHWAN SHARIF (B/-/-)

Prima colazione in hotel. Partenza al mattino per Sehwan Sahrif (km. 100): lungo il tragitto sosta a Bhit Shah per la visita del tempio di Shah Abdul Lati Bhitani, e successivamente ad Hala con la visita del Tempio di Makhdoon Nooh Shah. Una breve passeggiata nel multicolore bazar della cittadina consentirà l’acquisto di manufatti locali. Arrivo a Sehwan Sharif e sistemazione in albergo. Pasti liberi. Pernottamento in hotel.

5° giorno

SEHWAN SHARIF – LARKANA (B/-/-)

Prima colazione in hotel. Al mattino visita Santuario di Lal Shah Baz Qalandar, costruito nel XIV sec. e dedicato al Santo Sufi Hazrat Lal Shahbaz Qalandar qui giunto nel 1260. In occasione dell’URS (commemorazione della morte) del santo, all’interno del santuario viene celebrata la “dhamal”, una danza tipica dei sufi . Al termine partenza per Larkana (km. 175), cuore della civiltà della Valle dell’Indo: all’arrivo sistemazione in hotel. Pasti liberi. Pernottamento in hotel .

6° giorno

LARKANA – MOHENJODARO - SUKKUR (B/-/-)

Prima colazione in hotel. Larkana è il punto di partenza per la visita al sito archeologico di Mohenjodaro, Patrimonio dell’Umanità UNESCO DAL 1980: antichissima città, risalente all'Età del bronzo, che si estende per circa 100 ettari. È divisa in due settori: una cittadella e una città bassa. I lavori iniziati negli anni venti hanno portato alla luce vestigia della civiltà della valle dell'Indo di cui fino ad allora si ignorava l'esistenza. Si prosegue con la visita a Kot Diji del forte, unica testimonianza rimasta di un antico insediamento urbano attribuito ad una civiltà precedente a quella dell’Indus Valley. Proseguimento per Sukkur, la terza città della Provincia di Sindh (km. 110, circa due ore di viaggio). Sistemazione in hotel. Pasti liberi. Pernottamento in hotel.

7° giorno

SUKKUR - RAHIM YAR KHAN (B/-/-)

Prima colazione in hotel. Partenza al mattino per Rahim Yar Khan (km. 163, circa 4 ore di viaggio): lungo il tragitto sosta per la visita alla Bhong Mosque, eretta in un periodo di 50 anni tra il 1932 e il 1982, con l’intento di divenire un vero e proprio centro di culto e insegnamento. All’arrivo sistemazione in hotel. Pasti liberi. Pernottamento in hotel.

8° giorno

RAHIM YAR KHAN - BAHAWALPUR (B/-/-)

Prima colazione in hotel. Partenza per la città di Bahawalpur (Km. 197) percorrendo la National Highway che passa attraverso i terreni irrigati e la ricca campagna del Punjab meridionale. Visita all’antica città di Uch Sharif, conosciuta anche come “Alessandria sull’Indo” e che si creda corrisponda ad una città fondata nel 325 a.C. da Alessandro il Grande alla confluenza del fiume Indo con il fiume Punjab. All’arrivo visita dell’imponente Forte Derawar, la cui prima costruzione risale al 9° secolo, e successivamente ampliato nel 1733 ad opera del Nawab di Bahawalpur, Saqed Mohammad Khan I. Al termine delle visite, trasferimento in hotel e sistemazione nelle camere riservate. Pasti liberi. Pernottamento in hotel.

9° giorno

BAHAWALPUR - MULTAN (B/-/-)

Prima colazione. Dopo una breve visita in automobile per la città di Bahawalpur, durante il quale si possono ammirare i palazzi degli ex governatori e le varie residenze, si prosegue per Multan (km 100). All’arrivo sistemazione in hotel e visita della città. Multan è una città storica conosciuta come la “città dei santi” perché famosa per i suoi luoghi di culto e le numerose moschee; è uno dei massimi centri della fede islamica e conserva diversi santuari e mausolei in ricordo di mistici e religiosi. Tutto ciò rende la città un luogo di forte spiritualità palpabile fin da subito. Pasti liberi. Pernottamento in hotel.

10° giorno

MULTAN – HARAPPA - LAHORE (B/-/-)

Prima colazione in hotel. La prima tappa dell’odierno viaggio sarà Harappa (km. 161, circa 2 ore), antica città che risale al III millenio a.C., è il secondo sito archeologico della civiltà della Valle dell’Indo. Il sito sorge su una collinetta su cui sorgono la cittadella, le mura difensive, un sistema di fognature, una necropoli e un immenso granaio. Purtroppo il luogo è stato oggetto di continui saccheggi da parte degli abitanti dei villaggi vicini, che hanno utilizzato i mattoni per costruire le loro abitazioni. Al termine della visita si prosegue per Lahore (km 196, circa 4 ore): all’arrivo sistemazione in hotel. Pasti liberi. Pernottamento in hotel.

11° giorno

LAHORE (B/-/-)

Prima colazione in hotel. Intera giornata dedicata alla visita di Lahore, vera città gioiello, la seconda del Paese, racchiusa da antiche mura e conosciuta anche come la “Samarcanda del Pakistan”. Tra i principali monumenti della città: il Forte, gioiello della città vecchia; la Moschea di Badhsahi considerata una delle più grandi al mondo; i Shalimar Garden, circondati da mura e disposti su diversi livelli in perfetta linea con l’architettura moghul; il Mausoleo dell’imperatore Jehangir e la tomba di Nur Jahan, moglie dell’imperatore Jehangir. Pasti liberi. Pernottamento in hotel.

12° giorno

LAHORE – ISLAMABAD (B/-/-)

Prima colazione in hotel. Al mattino completamento della visita della città di Lahore prima del lungo trasferimento lungo la GT Road per Islamabad (Km 370 circa 7 ore di viaggio). Lungo il tragitto sosta per la visita al Forte Rohtas del 16° secolo, che presenta imponenti mura difensive che si snodano per più di 4 Km, interrotte da torri di guardia e portali di ingresso. All’arrivo ad Islamabad sistemazione in hotel. Pasti liberi. Pernottamento in hotel.

13° giorno

ISLAMABAD : escursione a Taxila (B/-/-)

Prima colazione in hotel. Al mattino sscursione a Taxila situata a circa 30 km a nord ovest di Rawalpindi. Taxila è uno dei principali siti archeologici dell'Asia meridionale. Situata su un crocevia strategico della Via della Seta, la città è la più importante di tutta la regione, come testimoniano gli innumerevoli monasteri, stupa e templi buddhisti disseminati nella fertile valle. Si visiterà il monastero Julian, il Sirkap e la stupa di Dharmarajika. Rientro ad Islamabad e breve visita della città. Pasti liberi. Pernottamento in hotel.

14° giorno

ISLAMABAD : escursione a Takht Bai (B/-/-)

Prima colazione in hotel. Mattina dedicata alla visita al sito archeologico di Takht-i-Bai, nel distretto di MArdan: qui si ammirano le rovine di un monastero buddista risalente al primo secolo d.c., Patrimonio dell’Umanità UNESCO, che rappresenta una delle meraviglie del periodo Gandhara. Il nome Takht-i-Bai (trono sull’acqua o trono delle origini) deriva dalla posizione del monastero, costruito su una sommità nelle vicinanze di un fiume. Dell’antico monastero sono oggi visibili il cortile principale, un gruppo di tre supa, il quadrilatero monastico con le celle di meditazione, quella che un tempo era la sala delle preghiere. Rientro in hotel nel pomeriggio e tempo a disposizione. Pasti liberi. Pernottamento.

15° giorno

ISLAMABAD – ITALIA (B/-/-)

Prima colazione in hotel. In tempo utile trasferimento in aeroporto e volo Emirates per l’Italia via Dubai o altro vettore Iata con diverso istradamento. Arrivo previsto in serata.

Quote per persona, a partire da:

PartenzaDoppiaSupplemento singola
Dal 1 Gennaio 2019 al 31 Dicembre 2019€ 2.900€ 610

Note

(B/L/D): B = colazione; L = pranzo; D = Cena

 

Hotels proposti (o similari)

  • Karachi: Hotel Mehran Karachi 3*
  • Hyderabad: Hotel Indus 3*
  • Sehwan: Hotel Sehwan Divine 3*
  • Larkana: Hotel Sambara Inn, 3*
  • Rahim Yar Khan Desert Palm Hotel, 3*
  • Bahawalpur: Hotel One 4* basic
  • Multan: Hotel Sindbad, 3*
  • Lahore: Hotel Shalimar Tower 3*
  • Islamabad: Hotel Hill View 3

 

Per partecipare a questo viaggio occorre il visto pakistano, necessario il passaporto, che deve essere valido 6 mesi ed avere 2 pagine libere, e 2 foto-tessera a colori recenti, il modulo debitamente compilato in tutte le parti dal titolare del passaporto, una dichiarazione della banca che attesti il possesso di un conto corrente aperto ed attivo, prenotazione dei voli e degli alberghi. E’ inoltre necessario presentare una copia della busta paga o, in alternativa, libretto pensionistico. Il visto avrà validità 3 mesi per un massimo di 90 giorni di permanenza.

Suppl. Voli alta stagione (29 Luglio-15 Agosto) a partire da € 90,00

Visto individuale Pakistan € 80,00

 

Tasso di cambio: Valuta: Dollaro USA (USD) – Cambio: 1,22 in data 28/02/2018
Variazioni dei cambi con oscillazioni maggiori del 3% comporteranno un adeguamento dei costi e verranno comunicati entro i 20 giorni dalla partenza.

Blocco valuta: € 50 a pratica. Il cliente ha la possibilità di bloccare definitivamente il costo dei servizi a terra che non sarà più oggetto di oscillazioni valutarie. La richiesta dovrà avvenire contestualmente alla conferma.


La quota comprende

  • Voli intercontinentali Emirates via Dubai o altro vettore Iata con diverso istradamento in classe economica
  • Voli interni PIA  operati  talvolta con aeromobili Fokker
  • Hotel menzionati su base camera doppia standard in pernottamento e prima colazione.
  • Trasferimenti, ingressi e visite a siti storici come indicato nel programma
  • Guide locali parlanti Inglese (Italiano  SU RICHIESTA con supplemento )
  • Gadgets, etichette bagaglio e documentazione illustrativa varia
  • L’assicurazione per l’ assistenza medica, il rimpatrio sanitario ed il danneggiamento al bagaglio
  • La polizza Viaggi rischio Zero.

La quota non comprende

  • Visto individuale Pakistano
  • Trasporti alternativi in caso di pioggia, strade bloccate, gelo o scioperi
  • Le tasse aeroportuali da inserire nel biglietto
  • Eventuali tasse aeroportuali locali da pagare localmente
  • I pasti, le bevande, le mance, gli extra di carattere personale, eccedenza bagaglio
  • Le escursioni facoltative e tutto ciò non evidenziato nella voce “la quota comprende”
  • Quota di iscrizione di € 95

I primi insediamenti umani del Pakistan risalgono all’età della pietra e si trovano sull’altopiano di Potwar (Punjab nord-occidentale); a essi fece seguito la raffinata civiltà della Valle dell’Indo (o di Harappa), che fiorì tra il XXIII e il XVIII secolo a.C. Successivamente arrivarono popoli seminomadi, che nel IX secolo a.C. si stanziarono tra Pakistan e […]

ll Pakistan ha un clima tendenzialmente arido, con alcune caratteristiche simili a quelle mediterranee, ben distinto perciò dal clima tropicale monsonico prevalente in India. Sul territorio gli influssi monsonici dell’Oceano Indiano giungono assai attenuati e si fanno sentire soprattutto sui versanti himalayani (le masse d’aria provenienti da SE hanno ormai scaricato quasi tutta la loro […]

I voli delle linee aeree pakistane iniziano sempre con una preghiera e gli annunci al microfono sono inframmezzati con il termine “in sha Allah”. Se doveste trovarvi in una situazione difficile fate uso del termine “maihman” che ha il significato di ospite: ha un effetto molto positivo sulla gente del luogo. Si considera buona educazione […]

Il Pakistan, raggiunta  nel 1947, avviò un processo di sviluppo economico basato innanzitutto sul potenziamento dell’attività agricola, sulla creazione del settore industriale, fino ad allora praticamente inesistente in Pakistan e sulla ripresa del commercio, mediante il rafforzamento e la creazione ex novo di strutture per il trasporto (rete ferroviaria, collegamenti marittimi e aerei). Se si […]

La più antica letteratura del Pakistan era rappresentata dai libri sacri della religione indù (il Rigveda e i gli altri testi vedici) contenenti inni agli dei e risalenti al II millennio a.C. Dai sultani di Delhi in poi, i sovrani sono stati mecenati della letteratura islamica della Persia e dell’Asia centrale. Oltre al persiano, erano […]

Il Pakistan si trova nell’Asia meridionale, si estende tra i 24° e i 37° di latitudine nord e i 61° e i 77° di longitudine est occupando una superficie di 796.095 km², questo dato non comprende i territori settentrionali dell’Azad Kashmir e del Gilgit-Baltistan amministrati dal Pakistan ma contesi con l’India e, quindi, non conteggiati […]

Educazione: Il sistema educativo è statale e privato; quest’ultimo offre un’ educazione di tipo occidentale mentre il primo presenta un’ impronta prettamente islamica. Questa suddivisione ha causato tensioni sociali e ha accentuato il problema della “fuga dei cervelli”, l’emigrazione verso i paesi occidentali per molti dei membri meglio istruiti della popolazione. L’ istruzione primaria (fino […]

La musica classica pakistana è sostanzialmente identica a quella dell’India del Nord la quale si è sviluppata nelle corti indù e indo-islamiche del nord. Tra esse l’importante corte moghul di Lahore ebbe grande fama come centro musicale. I predicatori sufi e quelli indù, invece, hanno incoraggiato una specie di poesia-musica religiosa con un semplice accompagnamento. Nei […]

Il Pakistan ha la sesta maggior popolazione mondiale. Ciò, unito a un alto tasso demografico, significa che il Pakistan dovrebbe nel prossimo futuro superare altre nazioni, e potrebbe diventare la terza nazione più popolosa del mondo entro il 2050, se le misure di controllo delle nascite fallissero. La composizione etnica della popolazione è molto varia, […]

La religione più diffusa è senza dubbio l’islamismo praticato dal 97% della popolazione; il resto si divide tra hinduisti, cristiani, ahmadi e altre sette. L’islam è religione di stato: molti elementi ricordano al popolo la dovuta devozione, dal richiamo alla preghiera dei muezzin, alle strade piene di donne col volto coperto. L’Islam è stato introdotto […]

Il cricket é lo sport più popolare e i giocatori professionali sono considerati eroi nazionali . Il paese ha contribuito alle formazioni di famose squadre di campioni in questo sport, noto anche come hockey su erba. Al secondo posto vi é sicuramente il calcio. Altri sport tipici sono il polo e lo squash ( in […]

Trattandosi di un Paese islamico, si consiglia di adottare un abbigliamento e comportamenti consoni. ABBIGLIAMENTO: Si consigliano abiti di cotone, che espongano il meno possibile la pelle, sia per gli uomini che le donne: abiti lunghi, larghi e poco rivelatori, una buona soluzione è lo shalwar kameez (abito tradizionale composto da una tunica indossata sopra […]

La tradizione culinaria pakistana è sostanzialmente la stessa dell’India. La differenza principale consiste nel minor uso di spezie piccanti che si fa in Pakistan rispetto all’India (derivato dalla tradizione araba, turca e persiana) e nel frequente ricorso allo yoghurt che neutralizza l’intenso sapore del peperoncino. I piatti tipici della cucina pakistana sono il pilaw, a […]

Ambasciata d’Italia a Islamabad: Plot n. 196-208, Street 17, Sector G-5 Diplomatic Enclave, Islamabad Tel.: +92 51 2833183/184/185/186/187/188/90 Fax sez. Commerciale:   +92 51 2833180   +92 51 2833180 Fax sez. Consolare:  +92 51 2833178   +92 51 2833178 E-mail: ambisla.mail@esteri.it Consolato d’Italia a Karachi: 85, Clifton Sharah-e-Iran Karachi Tel: +92 21 35831007 Fax +92 21 35870134 Cellulare di reperibilità per emergenze 0302 8270085 oppure per […]

Passaporto: necessario, con validità residua di almeno tre mesi. Per  le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio. Viaggi all’estero di minori:  La normativa italiana prevede che anche i minori diretti […]

Sicurezza La situazione di sicurezza in Pakistan rimane particolarmente precaria. Il Paese e’ infatti colpito da frequenti attacchi terroristici che colpiscono luoghi pubblici quali luoghi di culto e cerimonie religiose (anche islamiche), uffici pubblici, scuole specie femminili, forze di sicurezza locali, ma anche, occasionalmente, mercati e mezzi di trasporto pubblici. Anche i luoghi frequentati da […]

La rete stradale non è sempre adeguata, ad eccezione di alcune principali autostrade e, soprattutto, nelle aree rurali e montuose. In queste ultime, sono frequenti frane e smottamenti. La guida a destra e l’atteggiamento di vari conducenti locali possono comportare notevoli rischi per i viaggiatori. Si consiglia in particolare di evitare spostamenti nelle ore notturne […]

Islamabad Il più recente e ambizioso progetto di costruire un insediamento umano completamente nuovo nel Punjab coincise con la decisione di sostituire Karachi come capitale del Pakistan. Fu costruita così Islamabad, situata nel nord della provincia del Punjab sull’altopiano di Potobar, alla base delle colline Margalla. I lavori iniziarono nel 1961 e sono ancora in […]


Cerca l'agenzia più vicina a te

Altri viaggi che potrebbero interessarti
Articoli che potrebbero piacerti

Per l’ingresso in Uzbekistan è necessario il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi oltre la scadenza del visto, che è obbligatorio e va richiesto almeno 15 giorni prima della partenza all’ambasciata dell’Uzbekistan a Roma. Entro il terzo giorno dall’arrivo in Uzbekistan è necessario richiedere il previsto permesso di soggiorno al Ministero dell’Interno (Ufficio […]

Ministry Of Culture And Tourism, Republic Of Indonesia Sapta Pesona Building Jl. Medan Merdeka Barat No. 17 Jakarta 10110 Ambasciata d’Italia a Jakarta Jalan Diponegoro no. 45 Menteng Jakarta 10310 INDONESIA Tel. (+62-21) 31937445 Fax. (+62-21) 31937422 E-mail: ambasciata.jakarta@esteri.it  Orario di ufficio: 08.30 – 15.30 (lunedi, e dal mercoledi’ al venerdi’) 08.30 – 16.30 (martedi’)  Sezione […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su