https://www.goasia.it?p=20521
per informazioni: Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
Tel. 071 2089301 - info@goasia.it

Nepal Cultura e Natura 2018

Un viaggio di 11 giorni alla scoperta dei luoghi più suggestivi del Nepal che, incastonati tra le vette più alte del mondo, conservano tutt’oggi l’enorme patrimonio storico-culturale del paese. Il viaggio ha inizio con la visita di Kathmandu, capitale caotica e vivace, e della sua valle con villaggi medioevali e cittadine newari, gioielli autentici dell’architettura nepalese. L’itinerario prosegue lungo le umide pianure del Terai per giungere nel cuore della giungla: nel Parco Nazionale di Chitwan luogo ideale non solo per osservare animali selvatici ma, anche per conoscere usi e costumi dell’etnie locali. Giunti nella regione del Terai, immancabile è la visita di Lumbini, nota per essere la città natale di Siddartha Gautama, indiscutibile meta di pellegrinaggio e cuore spirituale del paese. Il viaggio termina con le visite di Pokhara e  Nagarkot dove la tranquillità dei luoghi e i paesaggi mozzafiato cattureranno la vostra attenzione regalandovi perdute emozioni.

Un viaggio in Nepal richiede un buono spirito di adattamento per alcuni lunghi trasferimenti su strade non sempre in buone condizioni.

Il periodo consigliato per un viaggio in Nepal va da ottobre ad aprile: in autunno il cielo è terso e offre le migliori vedute; i mesi invernali sono i più freschi; la primavera è piacevole nella valle di Kathmandu e a Pokhara, anche se la foschia può nascondere le montagne, mentre a Chitwan e Lumbini il clima è caldo e afoso. L’estate, da maggio a settembre, è la stagione dei monsoni e le piogge rendono impraticabili strade e parchi nazionali.

1° giorno

ITALIA - KATHMANDU (-/-/-)

Partenza dall’Italia per Kathmandu con voli di linea secondo disponibilità. Pasti e pernottamento a bordo.

2° giorno

KATHMANDU (-/-/D)

Arrivo a Kathmandu in mattinata, disbrigo delle formalità doganali. Incontro con la guida locale e trasferimento nell’hotel prescelto. Camere a disposizione dalle ore 12.00.
Inizio delle visite di Kathmandu, capitale e unico centro metropolitano del paese. Situata a 1337 mt di altitudine, è una città piena di contrasti con i suoi agglomerati urbani che racchiudono uno straordinario patrimonio culturale ed artistico. Nel centro della città vecchia, fondata nel XII secolo dalla dinastia dei Malla, si apre la storica Durbar Square, la Piazza del Palazzo, dove venivano incoronati i re della città; fu dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1979. Sulla Durbar Square e sulle due piazze limitrofe si affacciano l’antico palazzo reale con balconi e finestre di legno decorati con pregevoli intagli; templi e monasteri induisti consacrati a Brahma il creatore, Vishnu il conservatore, Shiva il distruttore e il rigeneratore; splendidi edifici con cortili, come la Dimora della Kumari, una fanciulla scelta come dea vivente della città. Tutto intorno si dirama il labirinto di vie della città vecchia. Proseguimento per Swayambhunath, chiamato anche “tempio delle scimmie” per la folta colonia di scimmie che vi vive; il grande complesso buddista domina la città, con gli occhi vigili del Buddha che scrutano la valle in ogni direzione. La collina sulla quale sorge il tempio era, secondo la leggenda, un’isola emersa sopra un grande lago che sommergeva l’intera valle di Kathmandu, le sue origini storiche risalgono al 460 d.C. Rientro in hotel cena e pernottamento.

3° giorno

KATHMANDU (B/-/D)

Prima colazione. Al mattino visita di Patan, la seconda città della valle. Sorge a sud di Kathmandu, ma è stata parzialmente inglobata dalla capitale. Storicamente è conosciuta con il nome sanscrito di Laliput, “città della bellezza”, fondata nel 250 a. C, governata da aristocratici locali e conquistata infine dai sovrani Malla. La Durbar Square di Patan è costellata di templi, palazzi ed edifici, che costituiscono una straordinaria rassegna di architettura newari. Proseguimento con le visite di Bodhnath, chiamato anche Boudha, centro religioso della consistente comunità di esiliati tibetani del Nepal. Il villaggio si sviluppa intorno ad un enorme stupa circolare sormontato dallo sguardo del Buddha, il luogo è suggestivo e animato da pellegrini tibetani che si muovono intorno allo stupa in senso orario facendo girare le ruote di preghiera. Visita del Monastero di Kopan, situato su una collina a nord di Kathmandu e dominato da un grande albero di Bodhi. Era la residenza degli astrologi della casa reale. Il monastero è un rinomato centro spirituale, che ha origine nelle regioni himalayane, nel 1971 il Lama Zoma Rimpoche istituì una scuola monastica per i bambini locali, 25 monaci si trasferirono a Kopan, oggi si tengono corsi sul buddismo e sulla cultura tibetana, il centro organizza anche corsi brevi di medicina tibetana, pittura thangka e filosofia buddista. Le visite terminano a Pashupatinat, il tempio hindu più importante del Nepal, sorge lungo le sponde del fiume sacro Bagmati, alla periferia orientale di Kathmandu. Il tempio è dedicato a Shiva distruttore e insieme creatore, ed è teatro di frequenti cremazioni, in cui il corpo del defunto, avvolto in un sudario, viene disteso su una pira di legno e dato alle fiamme. Solo gli hindu possono accedere al tempio principale in cui avvengono le celebrazioni funebri, ai visitatori è riservato l’argine opposto del fiume, da dove si può scorgere una parte del complesso sacro e la scalinata delle cremazioni. Si raccomanda il massimo rispetto durante le cerimonie funebri. Rientro in albergo e cena.

4° giorno

KATHMANDU - CHITWAN (B/-/D)

Prima colazione. Al mattino partenza per Chitwan, nella regione del Terai (200 Km circa 5-6 ore) Il paesaggio montano ha lasciato il posto alle pianure, giungla, natura incontaminata e parchi nazionali. Il più conosciuto è il Royal Chitwan National Park, enorme riserva naturale del Terai centrale, istituita nel 1973, e dichiarata Patrimonio dell’Umanità nel 1984, con i suoi 932kmq di foresta di alberi di sal, giungla, praterie ondulate, laghetti, campi di riso e villaggi tharu. Il parco è uno degli ultimi rifugi del rinoceronte indiano a un solo corno, a rischio di estinzione, e ospita numerose colonie di tigri, leopardi e il raro delfino del Gange, oltre a diverse specie di mammiferi: scimmie, orsi, cinghiali, iene, cervi, elefanti; è inoltre un paradiso per l’osservazione degli uccelli e delle farfalle. Trasferimento al lodge. Nel pomeriggio inizio delle attività previste all’interno del parco con visita dei tipici villaggi Tharu. Cena al lodge.

5° giorno

CHITWAN (B/L/D)

Al mattino presto partenza per un safari nella giungla in groppa a elefanti, il modo migliore per ammirare gli scenari naturali del parco, poiché permette di stare al di sopra dell’alta vegetazione della phanta, le praterie d’erba-elefante, che possono raggiungere gli 8 metri d’altezza. Su ogni elefante si trova un portantina che ospita 3 o 4 passeggeri, ogni elefante è condotto da un pahit che guida lo stesso pachiderma per tutta la vita. L’escursione dura circa 2 ore. Si rientra al lodge per la colazione. In mattinata si può assistere e partecipare al bagno degli elefanti, (condizioni climatiche permettendo) che convergono verso il fiume fra le 11 e mezzogiorno per un bagno rinfrescante. Pranzo al lodge. Il pomeriggio è dedicato a passeggiate all’interno del parco oppure ad una escursione in land rover o canoa per osservare coccodrilli e uccelli, e con un po’ di fortuna, il raro delfino del Gange. Tutte le escursioni sono accompagnate da esperti naturalisti. Cena al lodge.

6° giorno

CHITWAN - LUMBINI (B/-/D)

Prima colazione. Partenza in auto per Lumbini (160 Km, circa 3 ore in auto) rinomata per aver dato i natali a Siddhartha Gautama che qui nacque nel mese di maggio del 563 a.C. La località è uno dei siti religiosi più importanti del mondo: molti sono coloro che qui vi giungono per fermarsi a meditare nei monasteri. Dal 1997 è iscritta all’UNESCO come luogo patrimonio dell’umanità. Sistemazione all’hotel prescelto. Nel pomeriggio inizio delle visite: il centro della città coincide con il Tempio di Maya Devi che segna il punto esatto in cui la regina Maya Devi diede alla luce Siddhartha Gautama. Intorno al tempio si estende un giardino sacro in cui si trovano la colonna di Ashoka, che si recò in pellegrinaggio nel 249 a.C., e le rovine di stupa e monasteri. Intorno al giardino si sviluppa il vasto parco, progettato nel 1978 dall’architetto giapponese Kenzo Tange, impreziosito di laghetti e monasteri costruiti dalle comunità buddiste di tutto il mondo. delle visite di Lumbini. La zona monastica occidentale è riservata ai monasteri della scuola Mahayana, il “grande veicolo” del buddismo che pone l’accento sulla figura del Bodhisattva, i cui insegnamenti si sono propagati in Bhutan, Tibet e Cina, per poi diffondersi in Vietnam, Mongolia, Corea, Giappone ed in tutta l’Asia centrale e orientale. La zona monastica orientale è riservata ai monasteri della scuola Hinayana, il “piccolo veicolo” che sostiene l’importanza dell’Arhat: è la forma di buddismo dominante nell’Asia meridionale e nel Sud est asiatico, in particolare in Myanmar, Thailandia, Cambogia, Laos e Sri Lanka. Numerosi sono anche i templi buddisti costruiti da paesi europei. Rientro in albergo e cena.

7° giorno

LUMBINI - TANSEN – POKHARA (B/-/D)

Prima colazione. Partenza per Tansen (80 Km). Tansen è una cittadina che ha conservato il fascino medievale con le sue strade ripide e acciottolate punteggiate da case di legno in tipico stile newari con intagli di pregio. Pranzo libero e proseguimento per Pokhara (120 Km).
L’arrivo a Pokhara, nel pomeriggio, è annunciato dal triangolo quasi perfetto del Machhapuchhare (6997 m), che nelle giornate limpide si riflette sulle tranquille acque del Lago Phewa. Nonostante sia la seconda città del Nepal, Pokhara (884 m) si presenta come una cittadina tranquilla, dove rilassarsi con una gita in barca sul lago, o da dove partire per passeggiate di poche ore o trekking di più giorni, immergendosi nella tranquillità e nel silenzio della montagna. All’arrivo, trasferimento all’hotel prescelto. Cena pernottamento.

8° giorno

POKHARA (B/-/D)

Prima dell’alba trasferimento a Sarangkot (5 km - 30 minuti circa), il punto più alto della Valle di Pokhara, situato a 1592 m. Nelle giornate limpide, la vista del sole che sorge dietro la catena dell’Annapurna, è un’esperienza emozionante. Rientro in albergo per la prima colazione.
La giornata è dedicata alla visita di Pokhara e delle sue maggiori attrattive. Si attraversa in auto la città vecchia, a circa 4 km dal lago, con il suo colorato bazaar e i numerosi negozi di oggetti sacri induisti e buddisti. Su una piccola collina si erge il Tempio Bindya Basini, del XVII secolo, e consacrato alla dea Durga, l’incarnazione guerresca di Parvati, venerata nella forma di un fossile di ammonite. Proseguimento al villaggio tibetano, dove i rifugiati tibetani si dedicano all’arte della tessitura dei tappeti, il piccolo tempio nel centro del villaggio ospita 100 monaci. Al pomeriggio visita delle Cascate di Devi, dove il torrente Pardi Khola si getta prima di scomparire sottoterra, sul lato opposto si trova una grotta hindu consacrata a Shiva, molto venerata nella forma di una grande stalattite, la grotta è chiusa nella stagione dei monsoni. Nel pomeriggio si effettuerà una rilassante gita in barca a remi sul Lago Phewa, il secondo del Nepal per dimensioni, fino all’isoletta situata al centro del lago, che ospita il piccolo ma importante Tempio Barahi, una pagoda a due piani dedicata a alla dea Shakti. Rientro in albergo e cena.

Nota: a Pokhara si possono effettuare numerose attività, oltre passeggiate nella campagna circostante, nei villaggi dei dintorni e ai laghi, si possono compiere voli con ultra-leggeri sulle montagne, parapendio, mountain bike, rafting, golf; informazioni e costi in hotel.

9° giorno

POKHARA – KATHMANDU – NAGARKOT (B/-/D)

Prima colazione. Al mattino trasferimento in aeroporto e volo per Kathmandu. Arrivo e trasferimento a Nagarkot (35 Km, circa 1h. 30), località situata ai margini della Valle di Kathmandu a 2175 m s.l.m., offre una vista spettacolare sulle montagne dell’Himalaya con il Dhaulagiri a ovest e il Kanchenjunga a est. Fra ottobre e marzo la vista è particolarmente nitida. Tempo permettendo, passeggiata fra le colline punteggiate di villaggi che hanno conservato usi e costumi di un tempo. Le visite terminano con la magnifica vista del tramonto Himalayano. Cena e pernottamento.

10° giorno

NAGARKOT – KATHMANDU (B/-/D)

Prima colazione in hotel. Al mattino trasferimento a Bhaktapur, il terzo centro urbano più grande della valle, situato a circa 30 minuti da Kathmandu, sull’antica via commerciale per il Tibet. La città è splendida ed ha conservato intatto il carattere tradizionale dell’epoca Malla, nella sua Durbar Square, nei templi, santuari, edifici, fontane, e nelle vie animate da vasai, intagliatori di legno, tessitori e numerosi artigiani di tradizioni centenarie. Pranzo libero. Trasferimento a Changu Narayan (5 km – 25 minuti circa) in cima ad una collina. Il tempio attuale fu ricostruito nel 1702 in seguito ad un incendio, ma le sue origini risalgono al IV secolo, ed è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Il suggestivo tempio, consacrato a Vishnu nella sua incarnazione di Narayan, è riservato agli hindu, ma i veri gioielli sono rappresentati dalle antiche sculture che punteggiano il cortile. Rientro a Kathmandu. Cena in albergo.

11° giorno

KATHMANDU – ITALIA (B/-/-)

Prima colazione. In tempo utile trasferimento in aeroporto e partenza per l’Italia

Quote per persona, a partire da:

PartenzaDoppiaSupplemento singola
Dal 1 Gennaio 2018 al 31 Dicembre 2019€ 1.670€ 490

Note

(B/L/D): B = colazione; L = pranzo; D = Cena

Quotazione individuale di partecipazione a partire da :

  • Hotel Categoria Standard: Camera Doppia € 1.670 Suppl. Singola € 490
  • Hotel Categoria Superior: Camera Doppia € 1.840 Suppl. Singola € 540
  • Hotel Categoria Deluxe: Camera Doppia € 2.110 Suppl. Singola € 640

Partenze individuali, minimo 2 partecipanti. Variazioni delle quote possibili e dovute all’effettiva disponibilità di classi di prenotazioni dei voli.

I supplementi per i Cenoni di Natale e Capodanno, quando obbligatori, verranno comunicati all’atto della prenotazione.

 

Hotel proposti

Hotel proposti Categoria Standard

  • Kathmandu: Hotel Shangri Là/ Hotel Himalaya/
  • Chitwan: Rhino Residency/Green Mansion
  • Lumbini: Hotel Buddha/Maya Garden
  • Pokhara: TrekOTel/Barahi Hotel/Mt Kailash
  • Nagarkot : Hotel Country Villa/Bhangeri Resort
  • o similari

Hotel proposti Categoria Superior

  • Kathmandu: Hotel Yak & Yeti/ Radisson/Soaltee Crowne Plaza
  • Chitwan: Narayani Safari/Green Park
  • Lumbini: Hotel Hokke/Hotel Hokke
  • Pokhara: Shangri-La Village/Athiti Resort
  • Nagarkot: Hotel Fort Resort
  • o similari

Hotel proposti Categoria Deluxe

  • Kathmandu: Hyatt Regency/ Gokarna Forest Resort
  • Chitwan: Jungle Villa/Tigerland
  • Lumbini: Hotel Kasai
  • Pokhara: Fishtail Lodge/Temple Tree
  • Nagarkot : Club Himalaya
    o similari

 

In base alle condizioni climatiche e delle strade, a all’ operativo dei voli interni l’ordine di effettuazione delle visite potrebbe subire modifiche. Per non contribuire all’inquinamento dell’ambiente, i trasferimenti vengono effettuati con veicoli con aria condizionata solo quando strettamente necessario.

Le mance non sono incluse  ma consigliate ad  autisti e guide.

Per partecipare a questo viaggio occorre il visto nepalese, necessario il passaporto, che deve essere valido 6 mesi ed avere 1 pagina libera, e 1 foto-tessera, il visto si ottiene in loco (US$25 o equivalente in Euro).

PASSAPORTO: validità 6 mesi, con almeno una pagina libera

VALUTA: l’Euro viene accettato per il cambio in valuta locale nella maggior parte del Nepal.
La valuta ufficiale è il Rupia nepalese (NPR). 1 Euro vale circa 100 Nepalese Rupee (Rs).

 

Tasso di cambio: € 1,00  = USD 1,17

Variazioni dei cambi con oscillazioni maggiori del 3% comporteranno un adeguamento dei costi e verranno comunicati entro i 20 giorni dalla partenza.

 

 


La quota comprende

  • Volo interno Pokhara/Kathmandu in classe economica
  • Sistemazione in camera doppia standard negli hotel menzionati o similari
  • Trattamento indicato nel programma (prima colazione e cena)
  • Trasferimenti, visite e ingressi come indicato nel programma
  • Guida locale parlante italiano
  • Gadgets, etichette bagagli e documentazione illustrativa varia
  • Costo del Visto 25 $
  • L’assicurazione per l’ assistenza medica, il rimpatrio sanitario ed il danneggiamento al bagaglio

La quota non comprende

  • Voli intercontinentali dall’Italia e relative tasse aeroportuali da inserire nel biglietto
  • Visto individuale nepalese US$  00 da pagare in loco
  • Alcuni pasti, le bevande, le mance, gli extra di carattere personale, eccedenza bagaglio
  • Le escursioni facoltative e tutto ciò non evidenziato nella voce “la quota comprende”
  • Quota d’iscrizione € 95

Il Nepal si trova in Asia Centro-Meridionale e confina a nord con la regione Autonoma del Tibet (Cina), mentre ad Ovest, Sud ed a Est con l’India. Sul versante meridionale, il Paese è inciso da strette valli trasversali e longitudinali. La parte meridionale è prevalentemente pianeggiante, corrispondente a un tratto marginale della pianura gangetica, ed […]

Per quanto riguarda l’alloggio a Kathmandu e Pokhara c’è solo l’imbarazzo della scelta: le possibilità spaziano da pensioncine di infima categoria ad alberghi internazionali a cinque stelle. L’accanita concorrenza esistente tra gli alberghi economici mantiene bassi i prezzi e il livello qualitativo alto: a Kathmandu si trovano molti posti con piacevoli giardini, nei quali le […]

Radio: Radio Nepal trasmette radiogiornali in lingua inglese tutti i giorni alle 8, alle 13.05 e alle 20. Nella Valle di Kathmandu invece operano due popolari stazioni radio che trasmettono musica contemporanea occidentale e locale. Televisione: Nepal Television è la stazione televisiva locale, che trasmette anche un telegiornale in lingua inglese alle 22. La TV satellitare è […]

La nascita del Nepal non presenta documenti attendibili e sembra perdersi nel mito: secondo una leggenda, un tempo, la valle di Kathmandu era un lago ed il bodhisattva Manjushri fendendo il terreno con un colpo di spada creò la gola di Chobar, facendo defluire le acque. Ciò che sappiamo con certezza è quello che emerge […]

Il Nepal si trova in Asia Centro-Meridionale, e confina a nord con la regione Autonoma del Tibet (Cina), mentre ad Ovest, Sud ed a Est con l’India. Sul versante meridionale il paese è inciso da strette valli trasversali e longitudinali. La parte meridionale è prevalentemente pianeggiante e corrisponde a un tratto marginale della pianura gangetica, […]

Il Nepal gode di un clima tropicale-monsonico, con due stagioni principali: la stagione delle piogge (da giugno a fine settembre) e la stagione secca (il resto dell’anno). Il clima in Nepal è molto variegato con temperature che variano da quelle molto calde delle pianure a quelle estremamente rigide delle montagne. Perciò troveremo il: • clima […]

Nonostante le sue dimensioni, il Nepal è uno dei paesi più ricchi al mondo in termini di bio-diversità. Questa bio-diversità è un riflesso della sua posizione geografica unica, delle variazioni di altitudine (da 60 metri sul livello del mare alle vette più alte del mondo) e delle sue condizioni climatiche che variano dalle sub-tropicali a […]

Economia: il Nepal è un Paese poverissimo e presenta da sempre un’economia di marcatissimo sottosviluppo. Il Nepal basa la sua economia pressoché esclusivamente sul settore primario: in tutto il Paese è diffuso l’allevamento, specie quello bovino (che in genere si pratica mediante transumanza stagionale) pur con alcune differenze: nel bassopiano l’allevamento è complementare o subordinato […]

Politica: oltre al problema di affrancare il Paese dal suo cronico sottosviluppo, rimane vivo quello di sottrarlo alla tutela indiana, problema di non facile soluzione a causa degli stretti legami esistenti tra il Nepal e l’India, Stato con cui si intrattiene il maggior flusso di contatti commerciali esteri (quasi due terzi) e che, con il […]

Dal 2006 il Nepal è uno stato laico; fino a questa data la religione di stato è stata l’induismo. Alcuni considerano ancora oggi l’ex sovrano una manifestazione del dio Vishnu. L’induismo, la religione più diffusa in Nepal, sta crescendo, toccando quasi il 90% della popolazione. Anche i credi di fede cristiana stanno ampliando la loro […]

Lingua: la lingua ufficiale del paese è il nepalese (nepali), una lingua indo-ariana, parlata e compresa dalla maggioranza della popolazione. Dal momento che nel paese esistono altre 93 lingue e vari dialetti parlati dai numerosi gruppi etnici presenti in Nepal, il nepali è la lingua che consente loro di poter comunicare. Il nepalese è parlato […]

La letteratura classica nepalese ha un tradizione importante tramandata oralmente nei secoli; basti pensare che la letteratura nepalese è preceduta cronologicamente solo dalle letterature cinese, tibetana e birmana. Nel 2011 si è tenuto il primo festival letterario di Kathmandu, che ha portato nella capitale nepalese più di 60 autori nazionali ed internazionali.

I numerosi musicali del Nepal sono influenzati dalle oltre 50 etnie differenti. Le musiche tradizionali più popolari in Nepal solo il deuda, l’aedhunik geet, costituito da musiche moderne, e il dohori, una musica folk costituita da un dibattito fra due persone o due gruppi di persone. In genere parte il gruppo degli uomini e le […]

FILM NEPALESI • Kagbeni (2008); primo bacio della cinematografia nepalese • Dharmaa (2011) • Sano Sansar (2008) • Bhai Tika (2002) • Basanti (2000) • Pheri Bhetaula (1990) • The friend (1991) • Badal (1994) • Tapasya (1992) • Karja (1995) FILM AMBIENTATO IN NEPAL • Il piccolo Buddha (1993) • Himalaya, l’infanzia di un […]

I piatti della gastronomia nepalese si basano su una tradizione millenaria, che varia a seconda della regione di appartenenza e dell’etnia. Ciascuna etnia ha le sue tradizioni culinarie anche se tutte sono accomunate da un uso abbondante di spezie e di peperoncino che vengono utilizzati per il condimento del riso, delle uova, delle verdure cotte […]

La bandiera Il Nepal è l’unico Stato del Mondo che ha una bandiera nazionale che non è di foggia quadrangolare (escludendo quella vaticana e quella svizzera che hanno forma quadrata). Essa, infatti non è né un rettangolo né un quadrato ma ha una forma originale: un trapezio rettangolo sormontato da un triangolo rettangolo. La Bandiera […]

Gli sport più praticati in Nepal sono il cricket, il calcio e il Kabaddi, uno sport di contatto a squadre, nato come allenamento bellico ricreativo.

Molte sono le attività che si possono effettuare nel territorio nepalese, di seguito ne riportiamo alcune: • Trekking (è necessario un permesso speciale al costo di 10 US$ circa) • Rafting • Kayak • Escursioni in mountain bike • Safari • Corsi di lingua, yoga, medicina naturale e meditazione presso templi e monumenti di Kathmandu

Indirizzi utili SUL POSTO Ambasciata Francese in Nepal (presta assistenza ai cittadini italiani in casi d’emergenza o di crisi) Lazimpat – BP 452 – Kathmandu Tel. [977] (14) 412 332 – 414 734      Fax [977] (14) 418 288 http://www.ambafrance-np.org Consolato Onorario Italiano a Kathmandu (limitata assistenza in lingua italiana) IJ Plaza, 1st Floor, Kamaladi, Kathmandu […]

Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei mesi e comunque superiore al periodo di permanenza nel Paese. Visto d’ingresso: obbligatorio.  Non è possibile ottenerlo in Italia presso il Consolato Onorario del Nepal a Roma. E’ possibile comunque ottenere il visto direttamente all’ingresso nel Paese presso la frontiera terrestre e all’aeroporto di Kathmandu presentando il […]

Nel paese permangono fattori di forte tensione interna. Ai connazionali che intendano comunque recarsi in Nepal, si raccomanda un atteggiamento di massima cautela, e di evitare luoghi di manifestazioni e assembramenti, anche nella capitale, Kathmandu. Durante il soggiorno nel Paese si consiglia di tenersi sempre al corrente sull’evolversi della situazione che, sotto il profilo della […]

Abbigliamento: L’abbigliamento cambia a seconda della zona che si intende visitare e del periodo in cui viene effettuato il viaggio. E’ consigliabile portare un abbigliamento pratico, informale: mettete sempre in valigia dei capi leggeri e capi pesanti da usare a “strati”. Il Nepal è un paese piuttosto conservatore, quindi cercate di non indossare nulla di […]

Come arrivare: non ci sono molti voli diretti per il Nepal, quindi arrivando dall’Europa o dall’America in genere bisogna cambiare aereo e anche compagnia. L’unico aeroporto internazionale del Nepal è il Tribhuvan Airport di Kathmandu. Se volete essere sicuri di vedere le montagne dall’aereo, chiedete un posto al finestrino sul lato destro. Molti preferiscono arrivare […]

La situazione sanitaria, sia per l’assistenza che per le condizioni igieniche, e’ estremamente precaria in tutto il Paese, inclusa la capitale Kathmandu. Si consiglia, pertanto, prima di intraprendere il viaggio, di accertarsi delle proprie ottime condizioni di salute, e di stipulare, in ogni caso, un’assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche […]

Le festività sono legate al calendario buddhista e induista. La più importante è il Dashain, celebrato nel mese di ottobre in tutto il paese. A novembre va in scena il Kukur Tihar, il festival nepalese dei cani, randagi o domestici. Nello stesso mese a Bariyapur, nella zona meridionale del Nepal, si celebra con l’arrivo di […]

Kathmandu Kathmandu, capitale dello stato, rappresenta il punto d’arrivo e il motivo principale della visita per gran parte dei turisti del Nepal. È il capoluogo più grande del paese, dove si concentra il maggior numero di alberghi e ristoranti. Si tratta di una città sorprendente, che per certi aspetti sembra essere rimasta inalterata dall’epoca del […]


Cerca l'agenzia più vicina a te

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 11 giorni / 10 notti

da € 3.090 - Voli esclusi

Durata: 9 giorni / 8 notti

da € 1.970 - Voli inclusi

Durata: 12 giorni / 10 notti

da € 3.250 - Voli esclusi

Durata: 11 giorni / 10 notti

da € 3.650 - Voli inclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Avventuriamoci nella foresta di mangrovie più grande del mondo, un’area selvaggia caratterizzata in particolare da terreni paludosi, dove vivono numerosi animali, tra cui coccodrilli e le temute tigri del Bengala!

Scopri

Adesso i robot sono diventati pure camerieri…Scopritelo qui!

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: procedendo con l'invio di questo modulo, si autorizza il trattamento dei dati personali forniti per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nell'informativa sulla privacy, ai sensi e per gli effetti dell'art. 23 del D.lgs. 196/03.

Go Asia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02339160422 R.E.A. AN 179753
Capitale Sociale € 80.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su